patrocinio comune

0

Futuri imprenditori indiani in visita alle aziende di Pietrasanta

Ottobre 16th, 2019
E' in programma per il pomeriggio del 17 ottobre, la visita degli ...
0

Invito mostra PROVE D'ARTISTA

Ottobre 14th, 2019
Open One Art Galleryè lieta di invitarvi all'inaugurazione della ...
0

Tributo della città a Michele Pardini l'ultimo ornatista

Ottobre 14th, 2019
Tanta gente al Musa per ricordare il grande artigiano pietrasantino ...
0

Grande emozione per il tributo a Michele Pardini

Ottobre 12th, 2019
Tanta commozione ieri al MuSa di Pietrasanta in occasione del tributo ...
0

Lera il visionario - Boom alla mostra

Ottobre 12th, 2019
Il bio-architetto conquista con l'arte. Tiziano lera fino al 17 ...
0

"Realizziamo un parco dell'arte" La Polveriera chiede di non far morire il mestiere

Ottobre 12th, 2019
Scadono alla mezzanotte di oggi i termini per poter presentare un ...
0

Il pavimento delle meraviglie si svela fino al 28 ottobre

Ottobre 04th, 2019
 Ci sono voluti sette secoli, dal medioevo al tardo Ottocento per ...


cosmave centro servizi

 

The Latest

Marmo bianco è allarme rosso. Le insidie all’oro bianco, finora unico figlio delle Apuane dal tempo dei romani, quel prodotto che ha rivestito monumenti e palazzi di tutto il mondo e il cui fatturato non ha mai conosciuto crisi, adesso potrebbe subire una defaillance per la concorrenza della porcellana emiliana. Tanto che una delle aziende leader del gres porcellanato è già sbarcata nella città dei marmi per far conoscere quella pietra artificiale che riproduce colori, nomi e fattezze del marmo bianco, ma che si rivela più agile nella posa, inattaccabile dagli agenti esterni, costa meno e, soprattutto, non deturpa montagne e crinali. Poco importa se il lapideo ha fatto la storia dell’arte, ha rivestito pavimentazioni delle più famose promenade, gli archi di trionfo dall’impero romano a quello francese, i grattacieli dove il bianco da Colonnata a Fantiscritti e declinato nelle sue varietà e nelle sue sfumature.

«Marchio del marmo, troppo complicato»

Si infittisce il dibattito sulla concorrenza del gres. Andrea Balestri già un anno fa evidenziava luci e ombre del progetto sulla doc.

L’ultimo appello per salvare il prodotto


Mirco Felici, presidente regionale di Confartigianato del settore, chiede un tavolo per tutelare la nostra identità
«Serve un tavolo per difendere il nostro marmo e un marchio per tutelarlo». Mentre il mercato si attiva per realizzare prodotti alternativi, come il caso della ceramica raccontata da La Nazione, Mirco Felici, presidente Confartigianato regionale richiama l’attenzione e chiede di iniziare a prendere provvedimenti. «Da decenni si ripresenta l’annoso problema della necessità di costituire un marchio ’Marmo di Carrara‘. Si aprono animati dibattiti che nulla producono di concreto. Intanto i mercati dei materiali simili (pietre naturali e non) che sfruttano la scia del nostro nome crescono a velocità sostenuta nella nostra incapacità di trovare soluzioni efficaci.

Dei giorni scorsi la visita alle cave dei progettisti invitati da Ariostea, azienda leader del gres porcellanato, che hanno visto in cava le differenze fra pietra naturale e pietra artificiale. L’episodio ha seminato l’allarme della concorrenza delle piastrelle.

L’assessore Martinelli non esclude un salone secondo un format inedito per il rilancio del territorio
CARRARA Imm: servirà un altro mese prima di avere una nuova governance. Nonostante il nome del successore di Fabio Felici, il liquidatore della Fiera di Genova Luca Nannini, giri dalla scorsa estate, per l’avvicendamento bisognerà aspettare. «Ad agosto – ha spiegato ieri l’assessore al Bilancio Matteo Martinelli (nella foto) – la Regione disse che le nomine erano subordinate allo statuto della Imm. Siamo siamo quasi pronti. Così ci sarà un’assemblea straordinaria per la modifica statutaria e una ordinaria per la nomina del cda. Si punta a un consiglio di cinque membri: due del Comune, due della Regione e uno delle aziende».


Gli ambientalisti chiedono di non concedere proroghe alle ditte Castelbaito Fratteta «Lì fioriscono le orchidee».

Pagina 1 di 537

La foto notizia

Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti
Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti

Domenica 22 settembre terzo appuntamento della stagione con il ciclo “Dal virtuale al reale”. La visita guidata prevede una prima sosta al MuSA per poi proseguire al Museo dei Bozzetti. Al MuSA visita alla Collezione “Capitani Coraggiosi”, una selezione di opere in gesso provenienti dal Comune di Pietrasanta e concesse in prestito. La selezione fa parte del progetto “Il museo diffuso”, con il quale il Comune, ricercando contenitori sul territorio che ospitino piccole sezioni del museo con bozzetti a tema con il luogo, rende fruibile la sua imponente collezione. Proiezione del documentario in multiproiezione “La voce del marmo“, il film documentario che ripercorre la storia dell’estrazione del marmo nell’area Apuo-versiliese, da Michelangelo fino ai giorni nostri. A seguire, dopo una breve passeggiata visita al Museo dei Bozzetti, un’istituzione unica nel suo genere, nata nel 1984 con l’intento di documentare l’attività degli artisti. Ubicato in un contesto storico-religioso di prestigio, l’istituto raccoglie e ospita 700 bozzetti di sculture di oltre 350 artisti che hanno scelto i laboratori di Pietrasanta e della Versilia per realizzare le proprie opere. Una passeggiata tra viaggio tra le creazioni della scultura contemporanea di tutto il mondo, un percorso alla scoperta del prezioso lavoro degli artigiani. www.museodeibozzetti.it La visita guidata avrà inizio al MuSA in Via Sant’Agostino 61 (angolo Via Garibaldi) alle 17.00, proseguirà al Museo dei Bozzetti in Via Sant’Agostino 1 alle 18.00 e terminerà intorno le 18.45. L’ingresso è gratuito, è gradita la prenotazione PRENOTA QUI DAL VIRTUALE AL REALE | Dal MuSA al Museo dei Bozzetti I campi contrassegnati con * sono obbligatori. Visita "virtuale" al MuSA e a seguire visita "reale" al Museo dei Bozzetti Domenica 22 settembre - dalle 17.00 alle 19.00

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree