patrocinio comune


cosmave centro servizi

 

Nero alle cave SIMULATA UNA FUGA DI GAS per piazzare le microspie

02 Marzo 2016 K2_ITEM_AUTHOR  La Nazione Massa Carrara

31 indagati. L’avviso di conclusione indagine è stato notificato a 31 persone tra cui tredici indiani: contestati, a vario titolo, i reati di riciclaggio e frode fiscale e ricettazione


86 milioni. La guardia di finanza avrebbe portato a galla un sommerso di circa 86 milioni di euro non dichiarati nel giro di due o tre anni: Ires evasa per 14 milioni
IRES evasa per 14 mln. Secondo la Finanaza L'IRES evasa avrebbe raggiunto i 14 mln in 3 anni, Diversi indagati stanno già pagando, incassati 4 mln circa.

LA GUARDIA di finanza ha simulato anche una fuga di gas e ha fatto evacuare un palazzo nella centralissima via Verdi a Carrara per piazzare le microspie negli uffici di un imprenditore (che non risulta indagato) e che secondo le accuse intratteneva rapporti di lavoro con i titolari della Sagevan, una delle più note aziende del comprensorio e su cui ruota gran parte dell’inchiesta sul nero alle cave che ha avuto una svolta dopo il sequestro di un file del pc del broker Eugenio Venezia.
E’ l’estate del 2013 quando il comandante del nucleo di polizia tributaria delle fiamme gialle chiede alla procura che ha ottenuto dal gip il provvedimento di intercettazioni di comunicazioni tra presenti (ambientali) l’autorizzazione per installare l’apparato nell’ufficio. E si studia uno stratagemma: simulare una fuga di gas con conseguente evacuazione del condominio. Così interviene anche una squadra dei vigili del fuoco del Comando di Massa e viene ordinato lo sgombero: un tecnico informatico si traveste da pompiere ed entra nell’ufficio che pochi istanti prima era stato inondato da una sostanza odorizzante spruzzata all’interno e che simulava appunto l’odore del gas. E vengono piazzate le microspie mentre un altro investigatore neutralizza l’odore del gas artificiale con una nuova sostanza. Secondo la finanza il titolare dell’ufficio, anche lui commerciante di marmo, avrebbe messo a disposizione di Manrico Gemignani, socio della Sagevan, la sua utenza telefonica e dalle conversazioni intercettate era emerso che i fratelli Manrico e Franco Gemignani, spesso chiedono al loro interlocutore se somme di denaro siano effettivamente pervenute, così come accaduto, precisa una informativa della finanza, il 20 giugno 2013 quando Manrico Gemignani in modo criptico, gli chiede di verificare se siano ultimamente giunti 75mila euro. Nei confronti della Sagevan, sottoposta a verifica fiscale, sarebbero stati rilevati maggiori ricavi rispetto a quelli contabilizzati e dichiarati nei periodi d’impista dal 2009 al 2013 per un totale complessivo di 68milioni.
Ecco lo schema che ha riprodotto la finanza: anno 2009, ricavi non dichiarati (analitico contabile, vale a dire i riscontri con le fatture, 745mila, ricavi non dichiarati analitico induttivo 12.040.895 per un totale di 12.786.000; 2010: totale 8.168.970; 2011totale 9.272.271; 2012 totale 17.262.477; 2013: totale 20.593.319. C’ da dire, però, che nell’avviso di conclusione indagini ai fratelli Gemignani e a Carlo Vanelli, la procura contesta tre dichiarazioni fraudolenti: nel 2009 ricavi non dichiarati di 745mila euro, nel 2010, 512mila euro e nel 2011 1,4 milioni di euro.
Guido Baccicalupi

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree