patrocinio comune


cosmave centro servizi

 

Aiuti per l'internazionalizzazione delle imprese toscana

16 Aprile 2016 K2_ITEM_AUTHOR 

Vi informiamo che si è aperto il bando della Regione Toscana che dispone aiuti a fondo perduto fino al 50% per progetti di internazionalizzazione in Paesi extra U.E.

che riguardino:
export manifatturiero, promozione all'estero dell’offerta turistica.
Le iniziative ammissibili sono partecipazione a fiere extra U.E., creazione di sedi estere, consulenze e altre azioni promozionali.
Nel caso della partecipazione a fiere, sono ammissibili anche le spese retroattive, a partire dal 1 aprile 2015.

Naturalmente occorre valutare che il proprio progetto rispetti le direttive del bando e che vi sia un effettivo vantaggio per l'impresa.
Siamo volentieri a Vostra disposizione per fornirVi informazioni dettagliate sul bando e, nel caso desideriate avvalerVi dei nostri servizi, per seguirVi con cura e professionalità nella predisposizione della domanda e nell'iter della pratica sino alla rendicontazione finale.

Vi ricordiamo infine che è aperto anche il Bando INAIL che dispone aiuti del 65% a fondo perduto con un massimo di 130.000 € di contributo per investimenti che migliorino la salute e sicurezza dei lavoratori, tra cui l'acquisto di macchinari o la rimozione di eternit.

LA DE ROSA PROJECT HA PIU' DI 25 ANNI DI ESPERIENZA NEL SETTORE DELLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE,
SEGUIAMO OLTRE 800 AZIENDE CHE SI AFFIDANO A NOI CON FIDUCIA E STIMA.
PER REFERENZE: http://www.derosaproject.it/clienti.html
IN CASO DI INTERESSE ESAMINEREMO GRATUITAMENTE E SENZA IMPEGNO IL VOSTRO PROGETTO CONSIGLIANDOVI PER IL MEGLIO.

Dott. Renato de Rosa
De Rosa Project Srl
Viale XX Settembre 207-209
54033 CARRARA (MS)
0585-856649
388-8456649
www.derosaproject.it

GESTIRE LE DOMANDE DI AGEVOLAZIONE DA SOLI O AVVALERSI DI CONSULENTI?
Se si è molto bravi si possono presentare in proprio le domande di agevolazione.
Tuttavia errori anche marginali possono portare a perdere in tutto o in parte un contributo.
Per questi motivi riteniamo che sia una buona scelta avvalersi di una struttura di consulenza di fiducia e di provata competenza.
COME SCEGLIERE IL PROPRIO CONSULENTE?
L'universo della consulenza sulle agevolazioni è molto ampio e variegato: esistono consulenti di tutti i generi, ve ne sono di capaci e qualificati, di improvvisati fino a quelli malintenzionati e privi di scrupoli.
Le imprese sono disorientate da questa proliferazione di offerte e spesso fanno fatica a distinguere tra le proposte serie e quelle inaffidabili.
Ecco dunque alcuni consigli per fare la scelta migliore e affidarsi a strutture competenti.
1. Una accurata valutazione preliminare è fondamentale. I consulenti professionali si distinguono perché analizzano scrupolosamente i dettagli del progetto PRIMA di accettare l'incarico. Molte domande vengono respinte perché non era stata esaminata correttamente la congruenza del progetto col bando.
Un bravo consulente preferisce sconsigliare la presentazione della domanda se valuta che non vi siano le condizioni per una partecipazione oppure che non vi sia un reale beneficio per l'impresa.
2. NON fidatevi di chi:
Vi garantisce il buon esito della domanda: nessuno può garantire che una domanda di aiuto venga finanziata, chi lo fa è un millantatore.
Vi fa la domanda gratis chiedendovi solo una quota in caso di buon esito: un buon professionista chiede sempre una quota per l'istruzione della pratica, perché serve a scremare le imprese veramente interessate. Chi fa pratiche gratis è spesso un dilettante che si affida alla fortuna per portare a casa qualcosa.
Vi chiede importi troppo elevati: La maggior parte delle società di consulenza chiede una quota fissa per istruire la pratica e una quota provvigionale in caso di buon esito. Per i bandi più comuni la quota fissa può oscillare tra i 500 e i 1.500 €. Le quote provvigionali possono oscillare tra il 4% e il 6% in caso di aiuti a fondo perduto e tra l'1% e il 2% in caso di aiuti a tasso agevolato.
3. Leggete sempre con attenzione il contratto che il consulente Vi propone prima di sottoscriverlo.

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree