patrocinio comune


cosmave centro servizi

 

«Rivediamo l’età della pensione» I cavatori scendono in piazza: rabbia

29 Novembre 2017 K2_ITEM_AUTHOR  La Nazione Ms Carrara


I lavoratori di Cgil e Uil riuniti in assemblea a palazzo civico
I DIRITTI DEL MARMO
LA CISL NON HA ADERITO ALLO SCIOPERO ORGANIZZATO DA CGIL E UIL PER I DIRITTI PENSIONISTICI DEI CAVATORI. INTERVENTO IN SENATO DELLA GRILLINA SARA PAGLINI


ETÀ DELLA PENSIONE da rivedere. I cavatori ieri hanno fatto sciopero per rivendicare diritti e ricordare che il lavoro al monte è più duro di altri. «Ingiusto che un lavoratore del marmo del piano debba andare in pensione dal 2019 con 43 anni e tre mesi di contributi o con 67 anni di età». Questo quanto emerge dallo sciopero di 8 ore di ieri mattina che ha visto riunirsi in Comune i lavoratori del marmo del distretto apuo versiliese, sciopero organizzato da Cgil e Uil. In molti hanno accolto la richiesta dei due sindacati e sono arrivati in sala di rappresentanza per raccontare il loro malcontento. Sull’argomento entra anche la Filca Cisl. «Negli ultimi anni sono stati ottenuti risultati importanti per i lavori usuranti. In particolare il decreto legislativo 67 del 2011 ha concesso a queste categorie di lavoratori la possibilità di maturare il diritto al trattamento pensionistico con un anticipo di tre anni, rispetto al periodo previsto per la generalità dei lavoratori dipendenti. Un principio giusto e sacrosanto, anche perché recupera il criterio per cui i lavori non sono tutti uguali, e quindi necessitano di regole diverse». LO AFFERMANO i sindacalisti della Filca-Cisl Salvatore Federico e Simona Riccio, segretario nazionale e generale della Toscana. «Il recente accordo sulle pensioni – proseguono – ha inoltre escluso i lavori usuranti dall’aumento dell’età pensionabile legato all’aspettativa di vita. Un risultato importante e significativo, anche perché dà una connotazione di modernità al nostro sistema previdenziale e lo compara all’Europa. Ma il nostro impegno non è assolutamente ultimato: ora bisogna fare in modo che anche i lavoratori del piano rientrino, come quelli del monte, in categorie con benefici». Intanto la senatrice dei Cinque stelle Sara Paglini ha presentato un emendamento che prevede una radicale revisione delle norme pensionistiche per i cavatori, ovvero revisione della legge Fornero e la pensione accessibile a 60 anni. «Negli ultimi anni si è assistito ad un tragico aumento degli incidenti mortali. Le statistiche sugli incidenti mortali e sugli infortuni nei bacini marmiferi nella provincia mettono in luce che i casi di incidenti sul lavoro negli ultimi anni sono stati in media più di uno al giorno». La senatrice Paglini è intervenuta più volte sull’argomento al Senato nella Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali e della sicurezza nei luoghi di lavoro, che ha portato ad un’ispezione di una delegazione parlamentare nei bacini marmiferi di Carrara il 2 maggio 2016.

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree