patrocinio comune


cosmave centro servizi

 

Distretto Apuo-Versiliese (4515)

Laboratorio troppo rumoroso

È stata sanzionata con una multa per l'impatto acustico di alcune lavorazioni
È scattata anche l'ordinanza del Comune: la ditta dovrà coibentare il capannone 

I Pabe, i piani attuativi che hanno il compito di individuare e stabilire i siti estrattivi presenti nel comune di Massa Pabe indicano sostanzialmente quanto marmo potrà essere estratto, dove si potrà scavarlo e come si dovrà scavare. Il 50,6% del volume massimo scavabile interessa cave a cielo aperto, il 49,4% riguarda invece una serie di cave sotterranee. Per quanto riguarda le nuove riaperture delle cave Capriolo, Rocchetta - Saineto, Puntello Bore, Mucchietto, Carpano di Sotto, Piastramarina e Cresta degli amari, sono stati stabiliti come volumi massimi scavabili circa 60 mila metri cubi di massa marmorea ciascuna cava.

Nei Piani attuativi previsti prelievi di materiali per 13 milioni di tonnellate L'allarme del Cai che lancia la mobilitazione: una minaccia per il territorio

Le Alpi Apuane rischiano di scomparire? Secondo i cittadini riuniti alla Mostra permanente della Resistenza di piazzale Partigiani per l'incontro voluto dalla sezione Tam (la commissione Tutela ambiente montano) del Cai, sì. I numeri dei Pabe, i Piani attuativi dei bacini estrattivi del Comune di Massa, in discussione nelle prossime settimane in consiglio comunale, parlano di 13 milioni di tonnellate di marmo estraibili in dieci anni. Una quantità di materiali lapidei difficile da immaginare se non con paragoni: si mettano in fila 131 torri Fiat come quelle della Partaccia . I volumi sono gli stessi. Oppure si provino a immaginare 11.380 appartamenti da 100 mq. Potrebbero ospitare 34 mila persone: la metà dei volumi delle case abitate di Massa. Difficile non pensare all'impatto sull'ambiente - tra acqua dei fiumi bianca, rischi idrogeologici, minacce per la biodiversità e profili paesaggistici messi in discussione - che deriverà dall'approvazione dei Pabe. In ballo c'è una vera e propria "Massa" che se ne va, o che se ne potrebbe andare. Il condizionale è d'obbligo perché i Pabe devono ancora passare dal consiglio comunale di Massa e una consistente parte di città, non è del tutto d'accordo sulle autorizzazioni che l'amministrazione intende rilasciare per la riapertura di sette cave inattive.

«C'è voluto veramente poco a far imbufalire l'Assessore Andrea Raggi nostro rappresentante del Cda dell'Accademia di Belle Arti.

Progetto 99 Stone Design: è tutto pronto per l'inaugurazione dello studio di progettazione con showroom. Come abbiamo scritto nelle scorse settimane, il giovane designer carrarese Niccolò Garbati oggi a partire dalle 18 taglierà il nastro, come si suol dire, per il via al suo studio di progettazione con spazio espositivo in via Ulivi 10 a Carrara. Marmo, tecnologia e design: questi gli ingredienti principali per la ricetta individuata da Garbati per lo studio con 50 metri quadrati di showroom con alcune delle sue realizzazioni in mostra e dove, ovviamente, non mancheranno poi le novità e le sorprese. 

"Society 5.0: Le Tecnologie abilitanti e la Responsabilità Sociale d'Impresa": ecco il workshop organizzato da Apuana SB presso l'ente camerale di Massa Carrara. Si terrà oggi a partire dalle 15 (fino alle 17,30) l'evento suddiviso in vari interventi con al centro, fanno sapere i promotori, il tema dell'utilizzo delle nuove tecnologie, «per fare in modo che si realizzi nel tempo una proficua integrazione tra uomini e macchine».

«Sindaco, ferma il nuovo assalto a Fossa Combratta»: è un vero e proprio appello, quello di Legambiente Carrara. «Apprendiamo dalla stampa che la commissione paesaggistica comunale ha dato parere favorevole alla strada che sale sopra la cava Fossa Combratta finalizzata, a detta dell'assessore al marmo, a mettere in sicurezza il sito, sulla base di una prescrizione dell'Asl. Si tratta, invece, se la notizia fosse vera, di un fatto scandaloso che solleva inquietanti interrogativi sull'operato degli uffici comunali e dell'Asl, e fa emergere un radicale voltafaccia o una totale incapacità della giunta comunale».Secondo Legambiente, il primo scandalo sarebbe «l'uso strumentale della messa in sicurezza. Un mese dopo la frana di un ammasso roccioso nel luglio 2016, la piccola cava, in attesa del piano attuativo di bacino estrattivo (Pabe), viene autorizzata per estrarre 1.370 m3 in 3 anni, di cui 993 di detriti e 377 di blocchi: meno di un blocco il mese. Nell'autunno 2017 l'Asl emana due provvedimenti di messa in sicurezza di un nuovo ammasso roccioso instabile, del volume di 400 m3.

L'opera di valorizzazione artistica della città di Carrara presto aggiungerà un importante tassello, grazie al progetto in corso voluto dall'Accademia di Belle Arti con il sostegno della onlus Amici dell'Accademia. Il direttore dell'Accademia Luciano Massari (oggi scade la prorogatio del suo mandato, è attesa la risposta da Roma sull'avallo della sua rielezione) insieme all'architetto Corrado Lattanzi, vicepresidente della onlus, spiegano come a breve l'Accademia rinnoverà la sua presenza nel circuito museale della città che comprende attualmente gli spazi espositivi del Cap, Carmi, Palazzo Binelli, Parco della Padula e Palazzo Cucchiari, insieme all'Abac.

L'opera di valorizzazione artistica della città di Carrara presto aggiungerà un importante tassello, grazie al progetto in corso voluto dall'Accademia di Belle Arti con il sostegno della onlus Amici dell'Accademia. Il direttore dell'Accademia Luciano Massari (oggi scade la prorogatio del suo mandato, è attesa la risposta da Roma sull'avallo della sua rielezione) insieme all'architetto Corrado Lattanzi, vicepresidente della onlus, spiegano come a breve l'Accademia rinnoverà la sua presenza nel circuito museale della città che comprende attualmente gli spazi espositivi del Cap, Carmi, Palazzo Binelli, Parco della Padula e Palazzo Cucchiari, insieme all'Abac.


Continuano le iniziative a cura di Fridays For Future Carrara. Domani alle 17 all’ex ospedale San Giacomo è in programma l’incontro dal titolo ‘Cambiare il sistema, non il clima: Tutelare le Alpi Apuane’. Per l’occasione verranno proiettati quattro video, e alla fine di ognuno ci sarà un dibattito, con ospiti d’eccezione che ci parleranno della loro esperienza di lotta e di esplorazione apuana.

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree