patrocinio comune




cosmave centro servizi

 

Distretto Apuo-Versiliese (493)

Dopo la pausa estiva, la scorsa settimana al ristorante Cibart di Carrara ha ripreso il via il progetto "Marble & Food", iniziativa nata per volontà dei proprietari del locale, Andrea e Simone Dell'amico, e che intende combinare le eccellenze del marmo e le tradizioni gastronomiche locali. L'architetto Paolo Camaiora ed il geologo Sergio Mancini, con la collaborazione di CoSmaVe, hanno dato vita così ad un nuovo ciclo di serate a tema dedicate alla divulgazione dell'utilizzo dei marmi del comprensorio apuo-versiliese nell'architettura e negli oggetti di design industriale. Protagonista della serata del 19 Novembre scorso è stato il marmo Zebrino (Cipollino Novecento).
Il progetto proseguirà con ulteriori incontri, durante i quali si andrà a raccontare la storia dei materiali lapidei locali ed il loro utilizzo in piazze, edifici e ville di tutta Italia. Si parlerà anche delle bellezze del territorio, in un'ottica di divulgazione della cultura e di rilancio del turismo della città di Carrara.

Fonte: Ufficio Stampa: Rosi Fontana, Press & Public Relations – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. +39 335 5623246

HENRAUX Spa e FONDAZIONE HENRAUX per “Gillo Dorfles. Essere nel tempo” Museo MACRO, Roma
dal 27 novembre 2015 al 17 marzo 2016
Dagli archivi Henraux una significativa testimonianza di Dorfles sulla Biennale di Venezia del 1962 e le opere di Henraux esposte al Macro di Roma

Henraux Spa e Fondazione Henraux sono lieti di annunciare la propria partecipazione alla mostra “Gillo Dorfles. Essere nel tempo” curata da Achille Bonito Oliva che si terrà a Roma, Museo MACRO, dal 27 novembre 2015 al 17 marzo 2016.
In occasione della rassegna, che si propone di offrire un taglio inedito e approfondito del contributo di Gillo Dorfles nell’ambito della produzione artistica e culturale del Ventesimo secolo, verranno esposte, fra le opere componenti il percorso espositivo della mostra, l’opera originale di Gillo Dorfles “Senza titolo” del 1947 in terracotta dipinta e la riproduzione della stessa eseguita da Henraux in marmo Versilys, della collezione Henraux.
La partecipazione di Henraux alla rassegna romana dedicata a Gillo Dorfles, la cui figura di artista e di critico, che ha attraversato con autorevolezza il ‘900 e i decenni del nuovo millennio, è per la storica azienda versiliese particolarmente significativa.
Dorfles, già negli anni ’60, contribuiva, con il suo rigore critico, ai quaderni di Henraux “Marmo 1” dedicati all’arte plastica.
Particolarmente significativo è il contributo che Gillo Dorfles pubblica su “Marmo 1” in occasione della XXXI Biennale di Venezia, la cui citazione, in merito alla scultura è che la stessa è “viva nella maggior parte dei padiglioni”.
Dorfles aggiungeva rilevanti testimonianze sull’opera di Alberto Giacometti “Le sue filiformi figurine, più insidiosamente allettanti quando giungevano ad essere decisamente surreali, hanno, con l’andare degli anni, raggiunto una loro statica pateticità che le ha fatte rientrare entro quell’universo, tutto sommato, naturalistico dal quale nelle esperienze degli anni migliori l’artista si era distaccato”; della russo-americana Louise Nevelson “Ha gremito tre salette del padiglione statunitense delle sue curiose pareti, nere, bianche, dorate, e dei suoi totem candidi, e ha creato in queste sale un’atmosfera più suasiva e autentica di quella di ogni altro artista alla Biennale”; e dello spagnolo Pablo Serrano con “Bovedas para el Hombre”, che ha creato “tombe vuote, volte che s’inarcano sopra il nulla e che denunciano la presenza di un’assenza; quell’assenza di una realtà corporea e dimensionale, che forse costituisce uno dei problemi mai risolti ma sempre presenti nel panorama della scultura dei nostri giorni”.
La scultura, il marmo e l’arte sono parte integrante della storia di Henraux, fin dalla sua fondazione nel 1821. Testimonianze storiche, come le citazioni del testo critico di Gillo Dorfles del 1962, sono parte del significativo corpus degli archivi dell’azienda, a disposizione di storici e critici dell’arte.

Credits fotografici: Danae Project

Massa: apre il nuovo ospedale ed entra l’arte contemporanea.
Grazie a Gemignani e Vanelli Marmi e a Sa. Ge. Van. collocata l’opera di Luciano Massari Inno alla vita

Pagina 50 di 50

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree