patrocinio comune

 

 


cosmave centro servizi

 

Distretto Apuo-Versiliese (5866)

L’autrice di Mary Poppins in estasi a Carrara

La Nazione


La scrittrice inglese Pamela Lyndon Travers capitò dalle nostre parti nel 1929 e Maria Mattei ha trovato articolo e foto dell’epoca
CARRARA Basta un poco di zucchero per rendere meno dura la vita dei cavatori. Maria Mattei, membro dell’Associazione italiana anglisti e presidente di Open Centre di Carrara, è impegnata da anni a ripercorrere le vicende legate al Grand Tour che gli intellettuali anglosassoni tra la finee del XIX e l’inizio del XX secolo compivano in Italia ed in particolare in Toscana come momento essenziale della loro formazionesintetizza. Diversi di loro passarono anche da Carrara, affascinati dall’imponenza delle Alpi Apuane e dall’unicità delle loro cave di marmo. Tra questi nel 1929 capitò in città anche la 30 enne scrittrice inglese Pamela Lyndon Travers, autrice del romanzo ‘Mary Poppins’ pubblicato nel 1934 e reso celebre anni dopo dall’adattamento cinematografico di Walt Disney. Travers fece un viaggio alla scoperta delle nostre montagne, dal quale nacque un reportage pubblicato da una prestigiosa rivista letteraria dell’epoca: The Irish Statesman. L’articolo è stato trovato e tradotto da Maria Mattei e ora il giornalista Mario Bernardi Guardi ha deciso di dedicare agli studi della nostra concittadina un lungo articolo uscito sulla rivista della biblioteca di Via Senato di Milano.

Il consiglio sul web: si parla di Fossacava

La Nazione

Domani alle 18 il consiglio comunale tornerà a riunirsi in videoconferenza. Diversi i temi che saranno all’ordine del giorno tra i quali il via libera alla convenzione con la Provincia per sbloccare 70mila euro di investimenti per la cava romana di Fossacava.

La Nazione

Il mondo dell’arte propone soluzioni per l’opera che andrà sul rondò di via Giglioli
FORTE DEI MARMI Mentre proseguono i lavori di realizzazione della nuova rotonda di via Giglioli, dal mondo artistico si levano proposte interessanti. Tra chi suggerisce di coinvolgere gli studenti e chi di presentare un omaggio al marmo, anche riutilizzato. Nei giorni scorsi l’amministrazione ha nominato una commissione di esperti che valuterà la collocazione di donazioni di opere e, al contempo, il sindaco ha lanciato un appello a coloro che vorranno proporsi per installare una scultura sul nuovo rondò. «Si perde un’altra occasione di fare da stimolo ai giovani studenti e futuri artisti – commenta il noto scultore Massimo Galleni con studio a Pietrasanta – la scultura che andrà ad abbellire la rotonda in via Giglioli a mio parere sarebbe bello che nascesse da un concorso di idee, dove possano partecipare gli studenti, i giovani artisti.

Il Tirreno

«Dalla propaganda di Gaia due certezze: le cave inquinano e i cittadini pagano». Lo dice Rifondazione Comunista di Massa rispondendo alle dichiarazioni di Gaia in merito al nuovo impianto per l'estrazione e la disidratazione dei fanghi al Cartaro.«Come Rifondazione Comunista non vogliamo entrare nelle tempistiche della realizzazione di questo impianto, certamente creato dopo l'intervento dei Carabinieri Forestali e la conseguente denuncia, ma vogliamo chiamare alle proprie responsabilità chi deve garantire la salute del territorio. Un documento del Cnr di Pisa recentemente redatto afferma che non è possibile individuare in modo esclusivo la cava che inquina la sorgente del Cartaro, ma che di certo la marmettola, che oggi occorre filtrare per rendere potabile l'acqua, arriva dalla estrazione del marmo nei bacini massesi e carrarini.

«Serve un commissario per l’Accademia»

La Nazione

Lo chiedono i vertici comunali di Lega e Forza Italia, Nicola Pieruccini e Riccardo Bruschi. Nel mirino anche l’assessore Raggi: «si dimetta»

CARRARA Un commissario per l’Accademia di Belle Arti e le dimissioni dell’assessore Andrea Raggi. Lo chiedono i vertici cittadini di Lega e Forza Italia, Nicola Pieruccini e Riccardo Bruschi, che spiegano di avere in mano documenti scottanti a carico dell’attuale direttore di Palazzo del Principe, Luciano Massari. I due fanno riferimento alla relazione di Michele Ametta, dirigente dei Servizi ispettivi di finanza pubblica del Ministero dell’Economia e delle Finanze. «Secondo l’ispezione del Mef, Luciano Massari è ineleggibile, incandidabile, incompatibile e da licenziare - dicono Bruschi e Pieruccini -.

La Nazione

Un altro dono anti-virus
MASSA CARRARA Cinque nuove postazioni di terapia intensiva per il Noa. E’ l’ultimo dono, del valore di 60mila euro, che la Fondazione Marmo ha voluto fare per aiutare a combattere il Covid 19. «E’ la nostra missione: aiutare chi si occupa della salute della nostra comunità« spiega la presidentessa Bernarda Franchi dopo questo ultimo segno tangibile della vicinanza della Fondazione al territorio apuano. Da quando è cominciata l’emergenza sanitaria sono stati tantissimi gli interventi finanziati dagli industriali del lapideo. Appena due settimane fa la Fondazione Marmo aveva consegnato 32 pacchi contenenti alimenti e generi di prima necessità alla comunità dominicana, fortemente colpita da questa seconda ondata del virus, mentre non si è mai interrotta la distribuzione di mascherine chirurgiche, gel idroalcolici e camici a scuole, centri anziani, associazioni, parrocchie.

Ufficio edilizia e cave via skype

La Nazione

Sospeso il ricevimento in presenza a causa della pandemia
SERAVEZZA A causa dell’emergenza sanitaria, il personale tecnico dell’ufficio edilizia e dell’ufficio cave del comune di Seravezza riceve esclusivamente in modalità remota tramite collegamento Skype, così da evitare di accogliere in presenza fino a quando la situazione non lo renderà possibile.

Il Tirreno

Le statistiche istat elaborate dall'Istituto di Studi e ricerche della Camera di Commercio

Nel primo semestre 2020 del lapideo, crollo previsto delle vendite italiane di marmo nel mondo, perdite in tutti i distretti locali, in particolare a Massa-Carrara. L'Istituto di studi e ricerche della Camera di Commercio di Massa-Carrara, analizza i dati Istat del primo semestre del 2020 che mostrano gli effetti reali della crisi da Coronavirus.«Possiamo osservare che le vendite complessive delle aziende italiane hanno raggiunto un valore di circa 691 milioni di euro, in diminuzione di 216 milioni rispetto allo stesso periodo del 2019, in valore percentuale -23,8%. Anche le quantità, con circa 1,2 milioni di tonnellate esportate ottengono un risultato con il segno meno, -25,7%, in valore assoluto 432mila tonnellate».Le perdite rilevate - si fa notare - sono distribuite nelle varie componenti del settore lapideo, nel dettaglio evidenziamo che la voce Marmo in blocchi e lastre, ha registrato una contrazione di ben 92 milioni di euro nei primi sei mesi dell'anno, un meno 47,3 punti percentuale.

Il Tirreno

«In merito ai ricorsi presentati, la sezione Escavazione, Lapideo e Carbonati di Confindustria ritiene necessario fare chiarezza, ferma una premessa da valersi anche quale auspicio: che sia convintamente superata la logica dell'incomunicabilità e che si riconosca che chi fa impresa e investe non è un avversario da mettere al muro lasciando come unico strumento di difesa dell'impresa e del destino di coloro che vi lavorano quello della via giudiziaria».E si aggiunge, in merito alle concessioni: «Sui livelli estensi è evidente che ci sono posizioni lontane, per noi un regolamento non ha il potere di modificare un diritto reale tutelato dalla Costituzione, ma sarà la magistratura italiana ed europea a stabilire se la nostra opinione sia giuridicamente fondata». «Quanto al regolamento spiace invece constatare che l'obiettivo che si cerca di ottenere, ovvero l'incremento della filiera, diventi irraggiungibile proprio per le strette maglie dettate dal regolamento stesso.

La Nazione

Lapideo in crisi in tutta Italia nel primo semestre del 2020. Solo nella nostra provincia si sono persi 37 milioni dalle esportazioni di pietre lavorate rispetto allo stesso periodo del 2019. A dirlo è l’ultimo rapporto dell’Istituto studi e ricerche della Camera di commercio sull’andamento del settore a livello nazionale e locale. «In questi primi sei mesi del 2020 Le vendite complessive delle aziende italiane hanno raggiunto un valore di circa 691 milioni di euro, in diminuzione di 216 milioni rispetto allo stesso periodo del 2019, in valore percentuale -23,8%. 

Pagina 7 di 587

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree