patrocinio comune


cosmave centro servizi

 

Distretto Apuo-Versiliese (5383)

Il Tirreno


Visite gratuite al Museo Civico del Marmo fino al prossimo 31 ottobre e nuovo orario di apertura. Per favorire la visita da parte di residenti e turisti, l'Amministrazione comunale ha deciso di prorogare fino al prossimo 31 ottobre la gratuità delle visite al Museo Civico del Marmo in Viale XX Settembre, 85, a Carrara. Con la Delibera di Giunta n. 220 dello scorso 8 settembre, è stato approvato anche il nuovo orario: dal 16 settembre e fino al prossimo 31 ottobre, il Museo è aperto dalle ore 10 alle 16, dal martedì alla domenica, chiuso il lunedì.

Una maxi manifestazione per salvare le Apuane

Il Tirreno

Athamanta
«Fermiamo la devastazione delle Alpi Apuane»: si terrà il 24 ottobre a Carrara (alle 15, a San Martino il ritrovo) la manifestazione annunciata da Athamanta direttamente da Con- vivere Festival. Il gruppo ha lanciato l'iniziativa di sensibilizzazione invitando tutta la popolazione e le associazioni con striscioni di protesta durante la manifestazione culturale. Quest'ultima, secondo Athamanta, è «l'ennesima iniziativa di green, art and cultural washing che coinvolge il comune di Carrara», e «l'estrattivismo non è un modello di gestione, ma un modello di sfruttamento». «Parlare di diritti con la Fondazione Marmo, membro del comitato promotore di questa iniziativa, sembra quanto meno ridicolo.I proprietari di cava - continuano da Athamanta - sono coloro che ottengono profitti mostruosi lasciando ai lavoratori solo briciole e ai cittadini gli scarti in una città sempre più decadente.

Il Tirreno


il sito archeologico
Dalla sinergia con l'area museale di Luni all'obiettivo dell'apertura dell'info-point, passando per ciò che è stato fatto: restyling della strada (da parte dell'imprenditore del lapideo Alvise Lazzareschi) e l'incarico nero su bianco per mettere a punto le attivita preliminari per un nuovo percorso di visita. Vicini a una svolta, si spera, come avevamo anticipato la scorsa settimana, sull'area di Fossacava. Ritorna al centro dell'agenda politica il sito archeologico, a meta tra Colonnata e Fantiscritti, che racconta l'escavazione del marmo dai tempi degli antichi Romani.

La Nazione

«Fermiamo la devastazione delle Apuane». Il collettivo Athamanta sta organizzando per il prossimo 24 ottobre una grande manifestazione nazionale in città e per annunciarla ha srotolato uno striscione di denuncia nel bel mezzo del festival Con-Vivere. «Noi vogliamo ribadire a voce alta e chiara che il modello estrattivistico legato al marmo bianco non è sostenibile – spiegano –.

Fossacava, nuova strada per la ripartenza

La Nazione

E’ stato necessario l’intervento del privato per realizzare il percorso franato nei mesi scorsi. Un progetto per il punto turistico
CARRARA Un nuovo inizio dopo anni di abbandono. L’amministrazione annuncia la volontà di dare finalmente le gambe alla cava romana di Fossacava. Grazie all’intervento del vicino di casa, Alvise Lazzareschi, la strada che porta al sito archeologico è stata finalmente ripristinata e ora da piazza II Giugno si assicura che si proverà una volta per tutte a far decollare l’area in chiave turistica. Una dichiarazione d’intenti che dovrà essere seguita da impegni concreti visto che, a dirla tutta, finora di questo piccolo gioiello arroccato sulla strada che porta a Colonnata dalle parti di palazzo Civico non ci se n’è occupati granché.

Il Tirreno

Settantamila andranno all'ospedale Versilia, il resto ai servizi sociali del Comune
Sono stati 150 i collezionisti arrivati da tutta Italia per partecipare all'evento


PIETRASANTA Poco meno di 210 mila euro - per la precisione 209mila 400 euro - sono stati raccolti dalla vendita all'asta dei 27 capolavori donati alla città di Pietrasanta da altrettanti artisti legati alla Piccola Atene della Versilia. Sono stati 150 - tra collezionisti, galleristi e appassionati d'arte arrivati da tutta Italia - i partecipanti all'asta di beneficenza promossa dal Comune che si è tenuta sabato sera nel Chiostro di Sant'Agostino. Tra le opere battute a dalla casa d'arte internazionale Sothesby's anche una tela di Fernando Botero del 2016 aggiudicata da un collezionista per 37mila euro. È il valore massimo pagato da un collezionista per aggiudicarsi uno dei lotti.La somma raccolta è stata così suddivisa: 139.400 euro saranno destinati a uno speciale fondo Covid-19 gestito dal Comune di Pietrasanta per continuare ad aiutare famiglie e imprese in difficoltà e 70mila andranno all'ospedale Versilia.

Il Tirreno


in tribunale
Una morte atroce, sotto più di quattromila chili di marmo bianco, nel piazzale di un deposito a pochi passi dal mare. Succedeva nel luglio del 2018. C'è una svolta nella tragica vicenda dell'operaio di 41 anni, Luca Savio, morto nel luglio di due anni fa, colpito da un blocco - durante una manovra di calzatura prima della movimentazione - nel deposito FC Autogru di viale Zaccagna. La Procura (il sostituto procuratore titolare dell'inchiesta è la dottoressa Roberta Moramarco) ha iscritto due nomi nel registro degli indagati, nel fascicolo aperto subito dopo l'infortunio mortale, con l'ipotesi di omicidio colposo. Si tratta di Ginetta Ferrari, legale rappresentante, datore di lavoro e preposto della Fc Autogru e Maurizio Ferrari, gruista della Fc di viale Zaccagna e addetto alla movimentazione del blocco che ha travolto e ucciso l'operaio di 41 anni.

Il Tirreno

Carrara Si chiama "Coltivazione", collegando il concetto di terra, di «sfruttamento» alle cave carraresi e per visitarla c'è tempo fino a oggi pomeriggio (domenica). Parliamo dell'installazione dell'artista Francesco Siani - curata da Stefano Donati - che nei giorni di festival si può vedere alla cava Ravaccione di Fantiscritti (Marmotour di Francesca Dell'Amico). Inaugurata giovedì scorso, in apertura di manifestazione, l'installazione rientra nell'ambito di Con_Vivere Festival negli eventi del programma "Carrara Aperta" ed è dunque collegata con il tema dell'edizione 2020, i diritti. «L'artista coniuga sempre sapientemente quella che è la sua terra natia, la Campania, alla città ormai d'adozione, Carrara.

Il Tirreno

A fare da guida, FrancescaNicoli: qui sono ancora custoditi i gessi serviti da modello per opere
disseminate in tutto il mondo
Il Festival Convivere promuove Carrara in tutto il suo patrimonio culturale e artistico, e con essa promuove, contraccambiato, anche gli antichi Studi Carlo Nicoli, in piazza XXVII aprile (aperto nei giorni festivi 10/11 e 15/16 tel 0585 70079) che schiude le proprie porte per visite guidate. "C'è molta affluenza e siamo contenti di questa collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara-fa il punto Francesca Nicoli-siamo contenti di aprire le porte al pubblico di Convivere. Qua un via vai di curiosi c'è sempre ma a me fa piacere aprire all'esperienza di Convivere e dare una prospettiva sulla civiltà del marmo e di Carrara, della scultura, delle tradizioni e dei mestieri". Gli antichi laboratori della famiglia Nicoli nascono appunto nell'800 grazie al trisavolo di Francesca, Carlo, artista che si forma presso la bottega di Giovanni Dupré, legandosi poi ai movimenti indipendentisti della fine dell'800 che gli commissionano monumenti e opere per celebrare l'indipendenza dai paesi colonizzatori.

L'Anima della scultura di Mario Fruendi

Il Tirreno A Carrara La mostra personale dello scultore Mario Fruendi dal titolo L'anima della scultura a cura di Filippo Rolla è stata inaugurata giovedì scorso presso la Galleria Duomo di Carrara, via Finelli, 22/b. In mostra sono presenti ventuno sculture di piccole, medie e grandi dimensioni realizzate in marmo di Carrara.Come sottolinea il curatore della personale di Fruendi, Filippo Rolla, l'Anima della scultura tra luce, ombra e suono è la ricerca artistica di Mario Fruendi che lo ha portato, in questi ultimi anni, a scolpire immagini essenziali come costruzioni dove il suo pensare i pensieri diventa una riflessione destinata a cogliere ed assaporare il fluire dei vissuti interiori nelle svariate forme.

Pagina 8 di 539

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree