patrocinio comune


cosmave centro servizi

 

Distretto Apuo-Versiliese (2361)


Il sindaco De Pasquale la definisce una "svolta epocale"
L'opposizione frena: gli imprenditori si autocertificheranno
Per il sindaco Francesco De Pasquale si tratta di «una nuova stagione per la gestione del settore lapideo»; di una «svolta epocale», ribadisce in nota poco dopo. Certo, aggiungono da Palazzo civico, dovrà senz'altro fare il paio con l'Osservatorio dei prezzi e per entrare a pieno regime dovrà essere supportata da un regolamento. Dall'opposizione, invece, non vedono svolte, anzi: «stiamo parlando di un'autocertificazione...», fanno notare. Divide la seduta e parte da qui la questione tracciabilità del lapideo dopo l'aggiudicazione dell'appalto (alla seconda gara) da parte di Industrial Software Srl che già gestisce il sistema informatico dell'impianto Miseglia. I tempi d'attuazione? Entro l'estate, dopodiché partirà un periodo di sperimentazione; ciò che è certo che prima di tutto gli uffici comunali dovranno varare un regolamento ad hoc. Si è svolta ieri la commissione politiche per il marmo con al centro il tema della tracciabilità che ha ovviamente "spaccato" la seduta. A spiegare invece nel dettaglio il meccanismo e i suoi passaggi l'ingegner Paolo Giusti (Industrial Software Srl).

Ha fatto richiesta per poter avere un ciclo quinquennale
L'assessore Forti punta a reaturare l'interno del Duomo
Al convegno promosso dalla restauratrice carrarese Emma Castè, si sono ritrovati ospiti sia della nostra provincia, sia fuori provincia come Firenze e Venezia, due tra le città d'arte tra le più rinomate, per cercare un confronto su tutto ciò che riguarda il restauro: lo sapevate che la calce rappresenta una soluzione interamente naturale, riciclabile, ecocompatibile, durevole e quindi maggiormente economica rispetto al cemento? Lo sapevate che l'83% dei diplomati presso l'Istituto per l'Arte e il Restauro di Palazzo Spinelli a Firenze trova occupazione e il 60% di loro entro i primi 6 mesi? E che la spesa degli italiani per la cultura è in crescita del 2,6% ?

Cave dei Bettogli, niente sospensiva


Le aziende chiedevano di riattivare la Conferenza dei servizi 

Pianeta cave, l'incontro per sollecitare certezze sul futuro: «siamo pronti ad alzare la voce»
Un faccia a faccia franco e costruttivo che mette fine alle polemiche di questi giorni fra sindacati e cavatori delle cooperative. Questo il risultato dell'incontro di venerdì pomeriggio a Carrara nella sede della Cooperativa fra Cavatori di Gioia fra i rappresentanti dei lavoratori e i cavatori delle coop. All'incontro, si spiega in una nota, hanno partecipato per la Uil e Feneal Uil Franco Borghini, Francesco Fulignani, Giuseppe Marsili e Andrea Arrighi; per la Fillea-Cgil Leonardo Quadrelli, Pierluigi Ceccopieri, Daniele Baglini, Camillo Ricci e Marco Antonioli; per la Lega dei Cavatori Mirco Biggi e Emanuele Zaccagna; per la Coop Gioia: Anselmo Ricci, Laura Ricci, Manuel Guadagni e Raimondo Cossu; per la Coop Canalgrande: Giulio Pegollo, Massimo Seni e Giuseppe Usai; per la Coop Lorano: Carlo Piccioli.Cavatori e rappresentanti dei lavoratori hanno espresso la comune preoccupazione sul futuro del settore lapideo in provincia di Massa-Carrara.

Verrà presentato domattina alle 11,30 alla scuola del marmo di Carrara il primo corso di Scultura per ciechi: sono quattordici gli allievi non vedenti dalla nascita che stanno partecipando allo stage di scultura.Dopo le lezioni teoriche che si sono svolte all'Istituto per ciechi Cavazza di Bologna adesso il tutto si sposta a Carrara, nei laboratori dell'istituto "Tacca". Il progetto nasce dalla collaborazione tra la sezione territoriale dell'Unione italiana ciechi e ipovedenti di Massa-Carrara, Irifor nazionale, Ipiam Tacca e, appunto, l'istituto bolognese Cavazza col museo Anteros. 


In via santa maria
Nuovi bassorilievi per il centro di Carrara all'interno del progetto "Lacost'vo" portato avanti dall'artista Frank Breidenbruch. Prende maggior consistenza il progetto che da un anno, all'incirca, porta avanti l'artista tedesco di nascita, ma carrarese d'adozione. Dopo le prime opere installate nei mesi scorsi, nei giorni scorsi ne è stata inaugurata una nuova di Stefania Palumbo, in via Santa Maria presso la storica pizzeria di Carrara "Tognozzi". Prossimamente saranno presentati altri bassorilievi: uno di Christian lbanes, l'altro di Tom Dieck che andranno, rispettivamente, in via Roma da "Caflisch" e al bar "Rudi" (ex Svizzerino) in via Verdi. Nelle prossime settimane, inoltre, il progetto "Lacost'vo" non si fermerà: sono già pronte altre opere.

“ACQUA ALLA GOLA” torna sulla questone della marmettola, esprimendo forte preoccupazione. Il comitato – che ha rinnovato le cariche: il nuovo presidente è Pietro Morelli, il direttivo è formato da Ersilia Mignani e Ivano Guzzinelli – sottolinea che ad ogni pioggia la principale sorgente di acqua potabile, quella del Cartaro, che rifornisce l’acquedotto di “Gaia” per Massa, l’acqua diventa torbida di marmettola. Il costo per la potabilizzazione dell’acqua al fine di eliminare la marmettola viene addebitato in fattura e quindi posto a carico dei cittadini e non, come sarebbe logico, a carico di chi inquina.

Cave, votato il piano entro giugno

Cassato un terzo delle attività presenti oggi in Toscana. La proposta di adozione del piano cave illustrata giorni fa in Regione nelle commissioni territorio e sviluppo economico. Soddisfatto il Presidente della commissione territorio Stefano Baccelli che dice: "la proposta contiene indirizzi uniformi nell'interesse delle attività produttive e della tutela ambientale".

L’INCONTRO SUL FUTURO DEL LAPIDEO

«LE CAVE non devono essere chiuse" dicono cavatori e sindacati. E' quanto emerso dall’incontro di venerdì alla Cooperativa fra cavatori di Gioia, rappresentanti dei lavoratori e altri cavatori delle cooperative. «Un settore – spiegano- che rischia grave ricadute sia occupazionali che di investimenti a causa della perdurante incertezza normativa che lascia spazio a interpretazioni contraddittorie gravemente lesive del lavoro in cava. È ovvio che al settore serva certezza – aggiungono –, perché è la certezza che rende sicuro il lavoro e il lavoratore e che consente di programmare gli investimenti. La situazione attuale invece ha già spinto molte aziende a fermare i piani di sviluppo per il futuro con l’immediata conseguenza che parecchi ordini già concordati con le imprese di fornitura sono stati bloccati il che rischia di produrre pesanti conseguenze occupazionali sia dirette che indirette». Il nostro comune obiettivo – precisano – è di contribuire alla crescita e allo sviluppo sostenibile che, ponendo sempre più attenzione alla sicurezza e ai diritti dei lavoratori e alla salvaguardia ambientale, garantiscano una crescita occupazionale sia nell’escavazione che nella lavorazione del marmo.

ALLESTIMENTO «LA NAZIONE» NELLA SCULTURA

LA NAZIONE diventa un’opera d’arte. Il nostro giornale protagonista della realizzazione artistica di Francesco Siani, noto artista locale. Una scultura posizionata sul muro della redazione. Siani ha lanciato un’altra delle sue provocazioni culturali: la volontà di far rialzare questo nostro Paese, alle prese con nuovi e vecchi problemi, che affondano le radici fin dalla nascita dello stato italiano. IERI pomeriggio si è tenuta la presentazione di «Italia riposta» nella redazione in galleria. L’artista ha spiegato il significato della sua ultima realizzazione: «L’Italia, in gomma nera – spiega –, colore che racchiude in sé tutti gli altri in modo che ciascuno possa scegliere quello che per lui meglio rappresenta la nazione, è appesa ad una gruccia. Proprio così è entrata nella redazione del quotidiano ‘La Nazione’.

Pagina 80 di 237

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree