patrocinio comune


cosmave centro servizi

 

Distretto Apuo-Versiliese (2365)


L’ANALISI LUCI E OMBRE PER IL LAPIDEO. E SULLA COSTA PERSE NEGLI ULTIMI 20 ANNI 652MILA PRESENZE

NON È TUTTO oro ciò che luccica. E questo vale pure per il lapideo. Il report mostra come l’escavato dalle cave carraresi 3.250.784 tonnellate (+2%), sia in crescita rispetto al biennio precedente ma solo grazie alle terre, 419mia (+190%), mentre perdono blocchi 884mila (-5,1%, il terzo valore più basso dell’ultimo decennio), scaglie bianche 1,3 milioni (-0,5%), scaglie scure 654mila (-16%), blocchi da scogliera 9mila (-74%). Non molto diversa la situazione a Massa dove calano i blocchi 78.007 tonnellate (-3,6%), aumentano detriti e scaglie 144.847 (+12,3%). Eppure in valore economico l’anno scorso l’export del marmo aumenta, sia per il grezzo sia per il lavorato, rispetto al 2017, del 3 e 3,4%. Come è possibile? Grazie a un aumento del valore medio di vendita: dal 2013, per il grezzo si è passati da 236 euro a tonnellate ai 367 del 2018 (348 euro nel 2017) mentre il lavorato è arrivato a 1.671 euro a tonnellata (si partiva dai 1.288 del 2013). La dimostrazione che il valore aggiunto di una filiera di qualità può in parte sopperire a un calo dei volumi escavati.


UN’ECONOMIA che arranca con dati precari, che oscillano di anno in anno senza un andamento stabile. E mentre la provincia apuana non riesce a trovare risposte e settori solidi a cui affidare le proprie sorti, ci sono ambiti in cui frenare l’emorragia sembra una missione impossibile. E’ una lettura piena di chiaroscuri quella che emerge dal report economia elaborato dall’Istituto Studi e Ricerche della Camera di Commercio di Massa Carrara, presentato l’altra sera in piazza Mercurio a Massa alla presenza di amministratori, politici, sindacalisti e rappresentanti delle categorie economiche, tra cui l’assessore regionale Stefano Ciuoffo, il sindaco di Massa Francesco Persiani e il deputato Cosimo Ferri. Prima di tutto, il raffronto è annuale con i corrispettivi del 2017 mentre la crisi perdura da anni, se non decenni: un segno ‘più’ può essere una luce in fondo al tunnel ma non un chiaro segnale di ripresa. Andiamo allora per gradi.

Presentazione
Il report sull’economia della provicia è stato elaborato dall’Istituto Studi e Ricerche della Camera di Commercio di Massa Carrara e presentato l’altra sera in piazza Mercurio a Massa
Chiaroscuro
I dati sono altalenanti e in chiaroscuro. Calano i disoccupati ma grazie soprattutto ai precari e le imprese sono in aumento ma a trainare il dato sono commercio ambulante e giardinaggio.

FERVONO i preparativi per “Water+Marble Experience”, il nuovo evento di promozione territoriale voluto dal Comune di Massa in co-organizzazione con i Concessionari Agri Marmiferi di Massa (Cam). Dal 12 al 14 luglio turisti e residenti, passeggiando per il centro storico, avranno modo di ammirare, grazie all’iniziativa “Massa in Arte”, le opere di vari artisti fra i quali Valente Cancogni, Clara Mallegni, Jorge Romeo, Michele Toffetti, Achille Pardini, Laura Angeloni, Marco Alberti, i designer Paolo Ulian e Chicco Chiari. Saranno presenti, inoltre, istallazioni contraddistinte da blocchi di marmo e da acqua, in un percorso celebrativo dei due elementi che più contraddistinguono città e territorio.

Mosaico alla Versiliana

Giornata ricca di iniziative alla Versiliana dei Piccoli oggi dalle 1730. Fra gli appuntamenti l'apprezzatissimo laboratorio di mosaico del maestro Piero Giannoni.

Una mostra "in progress" con sculture ma anche quadri, fotografie e grafica

Bettogli e Calocara, i monti di marmo più visibili dalla città e quelli da cui si estrae il marmo più pregiato, sono un simbolo della città. L'intensità dell'escavazione ne ha pesantemente trasformato i profili e la richiesta di tagliare la cima del Bettogli è sembrata a molti un'offesa alla natura.

Interrogazione di montemagni (lega)

Lo scorso 30 giugno-afferma Elisa Montemagni, capogruppo in Consiglio regionale della Lega-sono scaduti i termini per l'adozione del Piano Regionale delle Cave e ci chiediamo, quindi, perché non sia stato recepito nelle modalità previst. La mancata ottemperanza comporta per la Regione Toscana una diminuzione del 10 % su base annua della quota di contributo di estrazione a favore della stessa, il tutto rapportato ai mesi di ritardo, stante la data di scadenza».

«La messa in sicurezza è impraticabile per la valenza paesaggistica». Il sindaco: «Sentenza importante anche per altri casi»
Il Tar della Regione Toscana ha respinto i ricorsi presentati dalle società Vanelli Aldo Marmi, Gemignani e Vanelli e Poggio Silvestri Marmi contro il comune di Carrara e gli altri enti in merito al diniego alla pronuncia di compatibilità ambientale per il piano di coltivazione di un gruppo di attività estrattive della zona di Bettogli. Citando il parere del Dipartimento di prevenzione dell'azienda Usl Toscana Nord Ovest, secondo il quale «il piano proposto prevede un ulteriore aumento della pendenza media del versante, con incremento dei rischi potenziali ai movimenti di roccia incontrollati sui cantieri e non prende in esame la possibilità di escavazioni in galleria» il Tar sancisce nero su bianco che «nel caso in esame la messa in sicurezza è semplicemente impraticabile, data la conclamata valenza paesaggistica del crinale del quale si chiede l'asportazione.

Questa mattina la manifestazione regionale dei lavoratori del settore lapideo
Corteo in viale XX Settembre. Una vertenza che riguarda oltre 3mila lavoratori
Incrociano le braccia oggi, per tuta la giornata, i lavoratori toscani del settore lapideo-industria: un'agitazione indetta da Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil con manifestazione stamani in città.Motivo della protesta: lo stallo nelle trattative con le controparti (Confindustria Marmo Macchine e Anepla ) per il rinnovo del contratto nazionale (scaduto lo scorso 31 marzo) e alcune proposte delle stesse controparti che i sindacati giudicano "inaccettabili".

Da settembre Henraux potrebbe dare il via ad un ampliamento del proprio polo industriale a Querceta in via Deposito. I lavori previsti, e passati al vaglio del consiglio comunale con una variante urbanistica, riguardano l'ampliamento di alcuni capannoni, uno dei quali vedrà aumentare la superficie utile di circa 2000 metri quadrati. Un investimento che faciliterà «la razionalizzazione delle lavorazioni all'interno dell'area produttiva, soprattutto in un'ottica di filiera», hanno fatto sapere dal Comune di Seravezza. Nella seduta del consiglio comunale di mercoledì l'assemblea ha adottato infatti una variante al piano attuativo d'iniziativa privata già approvato nel 2015 ma che fino ad oggi non era stato messo in atto dall'azienda amministrata da Paolo Carli, la società più importante della Versilia per l'escavazione e la lavorazione del marmo.

Pagina 10 di 237

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree