patrocinio comune




cosmave centro servizi

 

Set in centro città le troupe di Rai Uno in piazza Alberica

20 Aprile 2017
K2_ITEM_AUTHOR  Il Tirreno Massa Carrara
Il geologo Mario Tozzi gira per la trasmissione Fuori luogo Anche un test sulle pietre con i ragazzi di Zaccagna e Fiorillo di Alessandra Poggi CARRARA Mario Tozzi e il suo inseparabile drone erano in città per registrare una puntata della nuova serie di "Fuori Luogo", il programma targato Rai 1 che racconta la storia della terra e della cultura italiane. Il noto geologo e conduttore televisivo ha parlato del marmo e delle sue peculiarità, in particolare come la mano dell'uomo abbia cambiato morfologia al paesaggio rendendolo allo stesso tempo più debole di fronte agli eventi calamitosi. La puntata su Carrara andrà in onda il prossimo giugno ed è dedicata alla fragilità del nostro territorio. Fragilità da imputarsi all'escavazione selvaggia del marmo. Seguendo il filo rosso dell'intervento umano di fronte alle catastrofi, la troupe della Rai ha girato anche alle Cinque Terre, in particolare a Monterosso e Vernazza, per parlare della furia dall'alluvione di sei anni fa; nel mirino terrazzamenti e muri a secco ed altri abusi. A Carrara le telecamere sono arrivate anche nel cuore delle cave: Colonnata. Una serie di riprese per documentare come l'escavazione renda più fragile il territorio. In piazza Alberica, invece, Tozzi ha incontrato il coro dei minatori di "Santa Fiora", l'ensemble vocale proveniente dalle zone del monte Amiata, nel grossetano. Lo stesso voluto dal cantante Simone Cristicchi per il suo tour "Canti di miniera, d'amore, vino e anarchia". Ed è stata proprio la Rai a chiedere al coro di partecipare alla registrazione carrarese. Una presenza per testimoniare l'affinità di lavoro tra cavatori e minatori. Stessa fatica, stesso pericolo ma soprattutto l'estrazione della stessa materia: la pietra. In piazza anche un gruppo di studenti dello Zaccagna - Galilei e Fiorillo - Einaudi. I ragazzi hanno coadiuvato Mario Tozzi durante un piccolo esperimento, un test che viene proposto in ogni puntata della serie a seconda del luogo dove si registra. Per Carrara il materiale prescelto non poteva che essere la pietra. Un test per riconoscere le rocce a seconda della reazione scaturita a contatto con l'acido muriatico. Cinque i materiali immersi in altrettante bacinelle contenenti acido muriatico: granito, ardesia, pietra calcarea, travertino e marmo. Nei primi due la reazione è minima, vista la ridotta quantità di materia calcarea. Gli altri tre, in particolare il marmo, ricchi di calcare, invece, "friggono" in misura maggiore. La puntata cittadina di "Fuori luogo" si è chiusa con una considerazione sulle nostre montagne, e cioè che per avere il marmo sono serviti 220 milioni di anni, ma per cambiare il paesaggio ne sono bastati soltanto duemila. Insomma, Carrara ancora protagonista della televisione a nemmeno una settimana di distanza dalle riprese fatte da "Linea Verde".

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree