patrocinio comune


cosmave centro servizi

 

Tassa marmi, ultimo atto tre rimborsi da 116mila euro

12 Settembre 2017
K2_ITEM_AUTHOR  Il Tirreno Massa Carrara

consiglio comunale


CARRARA A 13 anni dalla sentenza che la giudicò "illegittima" e a seguito della restituzione di circa 4 milioni di euro alle aziende ricorrenti, l'era della "Tassa Marmi" si avvia verso la conclusione. Giovedì il consiglio comunale sarà chiamato a votare la delibera che autorizza gli ultimi 3 rimborsi ancora in sospeso. Si tratta dei 116.614,16 euro che il comune deve, complessivamente, a Conserva Dante srl, Mineraria Ligure Srl e Peghini Marmi srl. Con questa operazione Piazza Due Giugno dovrebbe chiudere il capitolo dei rimborsi alle aziende del marmo che, a inizio degli anni 2000 fecero ricorso contro la "Tassa Marmi": nel 2004 la Corte di Giustizia Europea diede loro ragione obbligando il municipio a restituire quanto incassato, illegittimamente, sotto forma di tassa. Per rimborsare tutti i ricorrenti ci sono voluti 13 anni di tempo e 4 milioni di euro, di cui una parte non trascurabile di interessi. Sì perché ovviamente gli anni trascorsi dalla sentenza al momento del rimborso hanno fatto "lievitare" le cifre. «Con questo provvedimento si chiude un capitolo importante, prima si paga meglio è» ha commentato l'assessore al Marmo Alessandro Trivelli, sottolineando che ritardando i pagamenti «per anni il comune ha fatto da istituto di credito alle ditte ricorrenti» e che «si sarebbe potuto fare meglio pagando meno interessi». Parole, quelle dell'assessore, che hanno innescato il "sollecito" di Cristiano Bottici (Pd): «L'auspicio è che il Comune usi lo stesso metodo e lo stesso rigore laddove si trovi nella posizione di creditore» ha puntualizzato il consigliere di opposizione. Per la liquidazione della cifra il comune attingerà al "fondo contenziosi" che è ben più capiente dei 116 mila euro in uscita dalle sue casse: «Non ci sono problemi - ha assicurato il dirigente al settore Marmo, Guirardo Vitale già responsabile dell'ufficio "Fiscalità Locale"- nel 2016 sono stati accantonati sotto questa voce 3 milioni di euro e a oggi ne restano in cassa 2,4 milioni». In realtà , ha precisato lo stesso Vitale, sulla lista dei ricorrenti aventi diritto al rimborso ci sarebbero ancora altre 5 o 6 aziende: si tratta però di imprese che hanno cessato l'attività e che dunque non saranno liquidate. Per questo Gianenrico Spediacci (Insieme per Carrara) ha chiesto agli uffici un resoconto dettagliato su quanto il municipio ha effettivamente rimborsato e quanto invece è rimasto nelle casse comunali, in una sorta di "bilancio consuntivo" per capire dopo 13 anni quanto è costato davvero alla città il contenzioso sulla tassa marmi.

 

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree