patrocinio comune


cosmave centro servizi

 

Il Tirreno (5494)

Regione, nuovi fondi alle piccole imprese

 

investimenti per l'internazionalizzazione

FIRENZE Ottima risposta da parte delle imprese toscane al nuovo bando per sostenere gli investimenti per l'internazionalizzazione. Le domande finora pervenute, con l'apertura avvenuta lo scorso 3 settembre, dalle micro e piccole imprese che operano nei settori manifatturiero e turistico, hanno quasi esaurito la dotazione iniziale di 8,5 milioni di euro. «L'edizione 2018 del bando riaperta a inizio settembre - ha spiegato l'assessore regionale alle attività produttive Stefano Ciuoffo - ha già finanziato 97 progetti (che hanno coinvolto 105 imprese) e concesso un contributo pari a 3,9 milioni di euro e ulteriori 5,5 milioni sono richiesti dai progetti in istruttoria. Abbiamo perciò deciso di aumentare lo stanziamento con circa 4 milioni di euro». --


Dal 27 settembre al 3 ottobre nella sale
La regia è di Emanuele Imbucci
CARRARA Dal 27 settembre al 3 ottobre al cinema il docufilm "Michelangelo - Infinito", diretto da Emanuele Imbucci e prodotto da Magnitudo film per Sky. Nel film, girato alla cava Crestola di Torano, nei luoghi in cui l'artista della "Pietà" trovò la materia per realizzare i suoi capolavori, Michelangelo è interpretato da Enrico Lo Verso, noto al pubblico per aver recitato in film quali "Il ladro di bambini" (1992), "Lamerica" (1994) di Gianni Amelio e "Hannibal" (2001) di Ridley Scott. Ivano Marescotti (Johnny Stecchino, Raccontami, Hannibal, Cado dalle nubi) è invece Giorgio Vasari, autore delle celebri "Vite" di artisti. Al film di Imbucci hanno collaborato artigiani e maestranze locali, come Diego Zampolini della Cooperativa scultori Carrara, che ha riprodotto diverse opere di Michelangelo, "prestando" anche le proprie mani durante le riprese. In questi giorni è apparso il promo della pellicola, in cui lo stesso Imbucci ripercorre l'esperienza delle riprese: «L'impressione che abbiamo avuto entrando nella cava era di essere molto piccoli rispetto ad una natura e ad una pietra enorme». Nel suggestivo interno della cava, Imbucci ha ambientato il Limbo di Michelangelo, il primo dei tre livelli narrativi che scandiscono il film. Si tratta di uno spazio concettuale in cui il protagonista rievoca gli snodi della sua vita. Michelangelo, osservando all'interno della cava un enorme blocco che si riflette in una pozzanghera, immagina di vedervi rispecchiata non la pietra grezza, ma già la statua del David. A raccontare la dimensione storica ed artistica è Vasari, che narra la vita e le opere di Buonarroti in monologhi teatrali. Il cuore del film è il racconto di oltre 50 opere. Dalla pellicola emerge un ritratto a tutto tondo dell'uomo e dell'artista, da una parte schivo ed inquieto, dall'altra animato da forte coraggio nel sostenere le proprie convinzioni ed ideologie. -- DAVID CHIAPPUELLA

CARRARA L'amministrazione comunale carrarese, in segno di profondo rispetto e di sentita partecipazione al cordoglio, interpretando il comune sentimento della popolazione, ha deliberato di proclamare il lutto cittadino per lunedì 17 settembre, in concomitanza con la celebrazione delle esequie di Angelo Ceccarelli, il 53enne carrarese che ha perso la vita nell'incidente sul lavoro, avvenuto all'interno di una cava in Vietnam lo scorso 5 settembre, nei pressi della regione di Yen Bai.L'amministrazione comunale «vuole così esprimere alla famiglia di Angelo Ceccarelli e a tutti i lavoratori del comparto - si legge in una nota di palazzo civico - il più profondo senso di cordoglio di una città colpita e sgomenta di fronte a questa tragedia».Angelo Ceccarelli era un cavatore esperto, di una famiglia tradizionalmente legata al mondo del marmo e del lapideo: con il fratello Adamo gestiva la cava di famiglia a Canalgrande-Fantiscritti, Adamo ha tutt'ora una segheria allo stadio. In rispetto della famiglia anche il festival Con-Vivere aveva osservato un minuto di silenzio. --

 

Per il sindaco De Pasquale è la conferma della capacità che la Padula ha di attrarre Bene anche museo del Marmo e Centro di arti Plastiche

CARRARA Sei in città per seguire Con-Vivere o di Con-Vivere sei ospite e cogli l'occasione per apprezzare il centro storico e, perché no, per dare un'occhiata ai musei. A cogliere quell'occasione sono stati in parecchi visto che, nelle giornate del Festival, il Carmi ha registrato un vero e proprio boom. Al Museo Carrara e Michelangelo a villa Fabbricotti, in quei giorni, si sono recati, infatti, 507 visitatori. Il totale della settimana dal 4 al 9 settembre (il lunedì è giorno di chiusura) è stato addirittura di 554 accessi.«Si tratta di un risultato davvero ottimo che - ha spiegato il sindaco Francesco De Pasquale - conferma le potenzialità del Carmi e la sua capacità di attirare visitatori, soprattutto in giornate in cui, grazie a iniziative e manifestazioni, la città è particolarmente frequentata». A beneficiare dell'afflusso di persone innescato da Con_Vivere non è stato però solo il Carmi. Anche il Museo del Marmo ha avuto un'impennata di accessi: dal 1 al 9 settembre sono arrivate 231 persone di cui 89 durante il festival. Particolarmente soddisfacente il trend della struttura di viale XX Settembre che, grazie a una serie di iniziative organizzate proprio per valorizzarla, ha registrato dall'inizio dell'anno al 9 settembre 4.417 visitatori, superando il totale dell'affluenza del 2016. «Siamo soddisfatti di questi numeri che - ha commentato l'assessora alla cultura Federica Forti - sono un primo riscontro positivo degli sforzi e degli investimenti fatti dalla nostra amministrazione sul polo museale cittadino, sia in termini organizzativi che di miglioramento delle strutture. Recentemente abbiamo rinnovato i loghi e i depliant dei musei in un'operazione mirata al potenziamento del marketing delle strutture. Sappiamo che c'è ancora molto da fare ma siamo certi che il nostro lavoro, nel tempo, sarà ripagato. Siamo soddisfatti non solo per il risultato "record" del Museo del Marmo, ma anche per il buon andamento degli accessi al Centro Arti Plastiche di San Francesco». --

 

Lo stupore degli artisti e dei viaggiatori dell'800 dinanzi ai paesaggi di marmo delle montagne apuane e le opere pittoriche frutto di quella meraviglia. È il tema della conferenza "L'immagine delle cave apuane nella pittura ottocentesca" che l'architetto Andrea Tenerini terrà stasera alle 21 alla Fondazione Arkad di Seravezza.

 

Ecco le criticità e le prescrizioni contenute nella relazione
sull'edificio il cui utilizzo è stato interdetto parzialmente


Luca Basile / PIETRASANTA Criticità e prescrizioni: la relazione del Comando provinciale dei Vigili del fuoco sul liceo artistico Stagi Stagi, conseguente a un sopralluogo di verifica di alcuni giorni fa, certifica ancora una volta di più, se possibile, le problematiche strutturali della scuola. «L'edificio centrale risulta parzialmente interessato da interdizioni di uso: al piano terra sono presenti dei sistemi di puntellamento di rinforzo estesi a tutto il solaio soprastante che fanno presupporre la sussistenza di criticità strutturali - si legge nella stessa relazione - nei corridoi sono presenti in diversi punti rotture della pavimentazione, nel seminterrato, già interdetto ed utilizzato come deposito di marmi e gessi, sono inoltre presenti nel soffitto diversi punti di sfondellamento con caduta a terra di materiale laterizio. Al primo piano le aule sono state svuotate così come al secondo che risulta in stato di abbandono. Nella sede indicata come laboratori si è rilevata la presenza di due aree con impianti tecnici specifici alimentati da gas infiammabili: se utilizzati come laboratori devono essere effettuati lavori di ripristino, a regola d'arte, manutenzioni e sostituzioni delle parti di impianto vetuste con rilascio della certificazione di conformità di impianto. Stesso discorso per gli impianti comprensivi della bombola così come serve il ripristino della cartellonistica di sicurezza: in caso di non utilizzo dei laboratori, gli impianti vanno disalimentati e dismessi». Problemi anche nell'area esterna. «Una folta vegetazione impedisce una viabilità pedonale ordinaria, l'accessibilità dall'esterno ai locali e lo sbarco sicuro delle uscite di sicurezza. Non sono accessibili il locale caldaia e altri locali tecnici. Sul piazzale esterno della palestra il cornicione del fabbricato centrale appare ammalorato con segni di potenziale distacco. Serve una delimitazione che impedisca l'avvicinamento in questa sede». In sintesi, dopo il sopralluogo, resta interdetto l'uso del fabbricato centrale, urge realizzare un percorso esterno sicuro con transenne, in modo da accedere poi a laboratori e palestra. Con un monitoraggio aggiornato di valutazione dei rischi mentre rimangono in corso gli accertamenti in materia di prevenzione incendi. Intanto, lunedì prossimo, è già tempo di lezioni in classe. -
+

 Terzo ed ultimo incontro a Villa Cuturi
Parlano gli autori legati al territorio

MASSA Stasera alle 21 a villa Cuturi, a Marina di Massa - terzo ed ultimo incontro nell'ambito del ciclo "...di marmo e di sale" a cura di Giovanna Bernardini e Anna Vittoria Laghi. Promosso da "Pandolce Caffè Croissant", con la collaborazione del Centro commerciale naturale "A Spasso sulla costa", la manifestazione presentando il marmo in rapporto all'arte, mostra il nobile materiale delle Apuane nelle sue molte e complesse valenze, ovvero come risorsa culturale. Anche in questa occasione, come nei precedenti appuntamenti, saranno presenti artisti e personalità del mondo del marmo che affronteranno alcuni temi legati al suo uso artistico e ad altri suoi possibili utilizzi, artigianali e creativi. In particolare sarà affrontato il rapporto fra arte e artigianato. Si ascolterà la voce di autori legati al territorio di Massa che questo rapporto da sempre privilegiano e la testimonianza di alcuni studi di scultura che hanno scelto di lavorare in zona e che parleranno anche della presenza di noti artisti i quali scelgono il nostro territorio per realizzare le loro opere. Seguirà l'analisi e il racconto di una vicenda esemplare, ovvero l'uso del marmo legato al design che sentiremo narrare dalla viva voce dei protagonisti. Così come alla poesia sarà affidato il compito di ricordare, grazie alla recita in alcuni versi, il fine ultimo di questo ciclo di incontri, ovvero presentare anche ai non addetti ai lavori e ai turisti di Marina di Massa, le diverse sfaccettature e potenzialità della bianca pietra apuana, allargando la conoscenza diffusa per creare un più largo interesse verso il premio di scultura "...di marmo e di sale", previsto per il prossimo anno. Un progetto che dovrebbe diventare occasione per studiare, secondo un progetto mirato che si auspica realizzabile con l'aiuto di enti e istituzioni del nostro territorio, la collocazione di sculture a Marina di Massa e nei suoi dintorni. --

Ecco le Apuane

Stasera alle 21 al Centro ANFASS di Via Castellaro incontro con Riccardo Canesi docente di geografia su aspetti geografici ed economici delle Alpi Apuane.

San Giacomo "Scultura a Carrara" grande successo

Si è conclusa il 9 settembre la mostra "Scultura a Carrara" esposta presso l'ex Ospedale San Giacomo con un'ottima affluenza di pubblico ed un'ottima partecipazione alla VI edizione di letture di portfolio e foto singole con ben 33 partecipanti provenienti dalla Toscana e Liguria. All'inaugurazione hanno partecipato la dirigente scolastica del Polo Artistico Artemisia Gentileschi, il fotografo di fama Carlo Mari di Milano e dell'assessora alla Cultura Federica Forti. Ha visitato la mostra anche il sindaco Francesco De Pasquale. I promotori ringraziano il Comune di Carrara, la Camera di Commercio, l'Accademia di Belle Arti e il polo artistico Gentileschi per il patrocinio.

«Dolci è irriguardoso con Pezzica e Bienaimè»


polemica sulla targa
CARRARA Polemica sul cinquantesimo anniversario della inaugurazione della 3° Mostra Nazionale del Marmo che si è tenuta il 5 settembre. L'architetto Claudia Bienaimé e Gianpaolo Pezzica hanno criticato la definizione di "fuorviante" usata dal professore Enrico Dolci per la targa commemorativa scoperta in ricordo dell'architetto Ezio Bienaimè e del professore Giuseppe Pezzica.«È stata scoperta una targa a ricordo dei progettisti: Ezio Bienaimé' autore della struttura che rappresenta "la più bella architettura organica, di origine americana, realizzata in Italia nella seconda metà del novecento" e il professore Giuseppe Pezzica che curò tutto l'allestimento sia interno che esterno», ricordano i due figli.«È stato celebrato anche l'architetto. Carlo Americo Lenzi presente alla cerimonia, coprogettista, memoria storica dell'allestimento e autore della sala delle proposte innovative per l'impiego del marmo in architettura e in ingegneria. Il 1968 è l'anno in cui l'applicazione del lapideo nell'architettura e nel designer portò in città i maggiori interpreti del settore sia nazionali che internazionali, come il gruppo di Carlo Scarpa . L'edificio fu fatto edificare dall'ex sindaco Gastone Dazzi ed allestire dal successivo presidente della Camera di Commercio il repubblicano Carlo Caleo ed è a tutt'oggi di proprietà dello stesso ente».L'intervento di trasformazione esterne ha sacrificato e distrutto la fontana "Gaia" che era posta a sinistra dell'ingresso e l'inserimento di una quantità certamente eccessiva di reperti marmorei ha stravolto l'architettura esterna e distrutto il sistema di giochi d'acqua esistenti. Le parole utilizzate da Enrico Dolci, che definisce "fuorviante" l'apposizione della targa a ricordo dei due progettisti riteniamo siano fuori luogo, inopportune e irrispettose nei confronti». --

Pagina 3 di 550

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree