patrocinio comune




cosmave centro servizi

 

Il Tirreno (2631)

su youtube

CARRARA Dopo il documentario in chiave satirica sulle travagliate sorti del palazzo Politeama il duo "La Gora Production", al secolo Matteo Procuranti e Piergiorgio De Rito, torna ad affrontare uno dei temi caldi del dibattito cittadino, quello della gestione del pianeta lapideo. Lo fa con un'ironica reinterpretazione di "Ci vuole un fiore" il celebre brano per bambini interpretato nel 1974 da Sergio Endrigo. Nella versione de "La Gora Production" il motivo diventa "Ci vuole il marmo", «con il punto interrogativo» precisano i due autori, che raccontano così la genesi del brano. «L'idea è nata chiacchierando delle elezioni amministrative. Diciamo che il voto ci ha dato lo spunto. A quel punto abbiamo pensato che fosse assolutamente necessario farla uscire a ridosso dell'apertura delle urne, e così l'abbiamo scritta in un paio di giorni e poi l'abbiamo registrata. La parte più complicata e divertente è stata il coro dei bambini» raccontano Procuranti e De Rito confessando di essere riusciti nell'impresa grazie alla collaborazione di amici e parenti con figli. Il brano è divertente e accattivante, ma anche pieno di sorprese: "sotto" le strofe intonate dai bambini c'è una seconda voce che ironizza ed esaspera il "messaggio" principale della canzone, ovvero che a Carrara senza il marmo non si riesce a fare nulla. «Volevamo mettere in ridicolo la monocultura del marmo. Perché qualsiasi cosa si faccia qui ci deve essere di mezzo un nome del lapideo. Per fare gli eventi culturali, per sistemare un campetto da calcio, per fare dei progetti... devi sempre sentire o coinvolgere o farti finanziare dagli imprenditori del marmo. In realtà loro avrebbero dovuto pagare una sola, la cosa la strada del marmi, non l'hanno fatto ed è per questo che ora l'intera città è dipendente da loro» spiegano da "La Gora Production" ricordando come l'indebitamento per la costruzione di questa grande opera abbia lasciato a secco le casse del municipio. Questa "monocultura del marmo" ha condizionato ovviamente anche la campagna elettorale ancora in corso: «Nessun sindaco o candidato sembra poter andare contro questa monocultura. Anche gli stessi cittadini ormai sono ostaggio di questo principio. A chiunque lo si chieda, tutti sostengono che il marmo è insostituibile. E mentre il mondo comincia a capire che si deve superare la dipendenza dal petrolio, a Carrara siamo ancora ancorati alla nostra "anima" di marmo. Nessuno osa proporre di uscire da questo schema eppure prima o poi dovremo farlo perché si tratta di una risorsa non rinnovabile» insistono Prcuranti e De Rito. Loro, ovviamente, la loro idea ce l'hanno ma da bravi artisti si limitano a stimolare il dibattito: «Con questo brano vogliamo sollevare il problema, stimolare i cittadini a porsi delle domande. E farlo sotto elezioni ci sembrava il momento migliore» concludono, convinti che anche e soprattutto con un sorriso si possa contribuire alla riflessione sui grandi temi della politica cittadina. Il video e il brano "Ci vuole il marmo?" sono disponibili su YouTube. Cinzia Chiappini

 

CARRARA L'Accademia di Belle arti di Carrara presenta un evento musicale organizzato in occasione di "Open Day 2017": "N.t.a in concert", in programma il prossimo giovedì, 15 Giugno, a partire dalle 18 in via Roma. Il palco sarà collocato proprio di fronte all'Accademia di Belle Arti di Carrara. L'ingresso è libero. A volerli sul palco sono stati gli alunni del secondo anno del Dipartimento di Nuove Tecnologie dell'Arte; ad aprire la serata saranno i Nobushira ??, collettivo di musica elettronica proveniente da Massa, che con i loro brani ambient glitch scalderanno gli spettatori. A seguire salirà sul palco il gruppo degli N.t.a che animerà la facciata del castello dell'Accademia con brani originali e cover dei Sex Pistols, Dead Kennedys, Ramones, Stooges e Clash.L'evento è organizzato dal professore Raffaele Simongini, in collaborazione con la direzione dell'Accademia di Belle Arti di Carrara. Per informazioni: Segreteria studenti Accademia di Belle Arti di Carrara, palazzo Cybo Malaspina, Via Roma 1. E' possibile anche telefonare al numero 0585.71658, o raggiungere il sito internet www.accademiacarrara.it

"Impresando al femminile"

MASSA La start up è donna: decolla "Impresando al Femminile", il progetto di Cna Impresa Donna, che ha l'obiettivo di fornire a tutte le donne, senza alcun limite di età, fuoriuscite dal mercato del lavoro o in cerca di una prospettiva indipendente, informazioni tecniche e burocratiche, per aprire un'attività imprenditoriale ma anche parlare di web marketing, applicato ai social media, fino ai consigli "pratici" di chi un'impresa l'ha già aperta.E' in programma domani alle 17, presso la sede di Cna a Massa , in via Dorsale, il primo degli appuntamenti formativi per sostenere il progetto imprenditoriale al femminile. L'iniziativa era stata annunciata in occasione della festa delle donne, lo scorso 8 marzo, dal presidente di Cna Impresa Donna, Irene Serbandini che aveva radunato, alla coworkeria di via Bastione, alcune delle esperienze rosa più avvincenti e interessanti. La partecipazione è gratuita. Per informazioni contattare il comitato Cna Impresa Donna allo 0585-852941.Per informazionicollegarsi al sito www.cna-ms.it oppure pagina ufficiale Facebook.

 

 

 

La Carrarese resta al gruppo del marmo


Nessun imprenditore serio interessato alla società azzurra: si va avanti senza rivoluzioni. E il sogno è Nelso Ricci
CARRARA. Al momento non è stato trovato nessun compratore, quindi la patata bollente resta in mano a chi ce l'ha. Dopo la chiusura di Marco Innocenti, gli ultimi segnali descrivono un “gruppo Marmo” rassegnato a mantenere il timone della Carrarese. Il pool di imprenditori del lapideo sarà più ridimensionato, qualche elemento uscirà dal sodalizio, ma con molta probabilità alla fine il club di piazza Vittorio Veneto rimarrà in mano alle forze economiche cittadine
http://iltirreno.gelocal.it/massa/sport/2017/06/11/news/la-carrarese-resta-al-gruppo-del-marmo-1.15476839

 

FONDERIA DEL CHIARO


PIETRASANTA È stata realizzata dalla Fonderia d'arte Massimo Del Chiaro la prima opera di arte contemporanea installata permanentemente nel centro storico di Roma. Dal 22 maggio tutti coloro che passano in Largo Goldoni a Roma, davanti a Palazzo Fendi, possono ammirare "Foglie di pietra", l'opera che la celebre Maison romana del lusso ha commissionato al grande Giuseppe Penone, esponente dell'Arte Povera e artista di livello mondiale, e della quale ha fatto dono alla città grazie a un'efficace sinergia tra pubblico e privato.La grande scultura è una delle opere più complesse di Penone: due alberi di bronzo - alti rispettivamente 18 e 9 metri - che intrecciano i loro rami per sollevare a 5 metri da terra un blocco di marmo scolpito di ben 11 tonnellate.«Per la realizzazione -spiega Franco Del Chiaro che insieme alla sorella Barbara è titolare della storica azienda - hanno lavorato tutte le maestranze (circa 30 addetti) a partire da coloro che hanno formato gli stampi in gomma e gesso, passando dalle cere, ritocco cere, fusione, montaggio e rifinitura e patina. Siamo specialisti nella tecnica delle "fusione a cera persa" che richiede 12 passaggi di lavorazione e perciò tutti i reparti della fonderia sono stati impegnati in questa grande commissione».«Nel gennaio di quest'anno - prosegue Barbara Del Chiaro - abbiamo cominciato ad assemblare i pezzi dell'opera fusa in bronzo con l'armatura in acciaio inox. A Roma, infine, in fase di installazione abbiamo impiegato due giorni e mezzo di lavoro, sfidando anche le intemperie e la pioggia, a turni alternati di una squadra composta da cinque persone compresi mio fratello Franco e mio marito, la nostra è un'azienda familiare».E c'è una grande soddisfazione a Pietrasanta nel quartier generale della Fonderia Massimo Del Chiaro, che collabora da tempo con Giuseppe Penone, per la quale questa grande commissione rappresenta una conferma dell'eccellenza raggiunta nel campo della fusione a cera persa, una tecnica che risale al mondo antico e che con poche variazioni è arrivata ai nostri giorni, senza l'ausilio di nuove tecnologie o della robotica.

 

Tanti gli appuntamenti in programma insieme alle mostre che animano la città
Attesa per i concerti dei big: arrivano Richard Galliano e sabato Allevi in cava

CARRARA Proseguono gli appuntamenti di Carrara White Downtown, il nuovo evento ideato da Imm che mette a sistema cultura e business grazie all'idea della "Fiera Diffusa". Da segnalare una importante iniziativa organizzata direttamente da Verbus Editrice, Iqd Magazine e Franchi Umberto Marmi per portare la cultura e l'arte vicino al mondo delle aziende e della produzione: domani alle 18 e 30 presso lo show room dell'azienda si terrà la presentazione del libro, aperta al pubblico e alla stampa, di Beniamino Servino "Vacua Forma" alla presenza dell'architetto casertano. Stasera Zanin on Tour in concerto, al Garibaldi dalle 21 (ingresso gratuito). Domani si ride con la comicità toscana e Zelig Lab on the Road Live, al Garibaldi (con Renato De Rosa, Stefano Bellani, Silvia Lepri e Ultimi della Fila, ingresso gratuito). Giovedì sempre al Garibaldi lo spettacolo di illusionismo Magia oltre le barriere, col mago Erix Logan, Sara Maya e Nicola Codega, primo uomo a volare in sedia a rotelle (dalle 21, ingresso gratuito). Venerdì arriva il fisarmonicista italo-francese Richard Galliano & Ensemble Symphony Orchestra (teatro Garibaldi ore 21, a pagamento) Sabato 17 concerto di Giovanni Allevi & Orchestra Sinfonica Italiana nel suggestivo scenario della Cava Lazzareschi (loc. Tarnone - zona cava Romana, dalle ore 21, a pagamento) .Per quanto riguarda le istallazioni nel centro cittadino, numerose opere d'arte contemporanea sono state collocate lungo Corso Rosselli, ribattezzato per l'occasione "La via della scultura" e altre, in stile classico, in Piazza Alberica, in Piazza D'Armi e nel cortile della Biblioteca Civica, dove è stata allestita la mostra "La Luce del Marmo", anche grazie alla collaborazione degli sponsor tecnici Targetti Sankey, MTStone e DS Trading.Divertimento anche per i bambini, grazie all' allestimento in Piazza D'Armi di un labirinto in marmo e alla possibilità di leggere dei fumetti molto particolari, incisi su grandi lastre di marmo. Numerose le mostre: al C.A.P. (Centro Arti Plastiche) Videoinstallazioni, inoltre I profumi delle anime del Marmo del fotografo Stefano Lanzardo; a Palazzo Cucchiari personale di Luca Pignatelli; a Palazzo Binelli "I percorsi del Marmo" di Paula Elias, e la mostra dedicata a Carlo e Nello Rosselli nell'ottantesimo anniversario del loro sacrificio.

 

MONTIGNOSO Un corteo sabato pomeriggio con 150 persone per chiedere la chiusura della discarica di cava Fornace e una presa di posizione di Italia Nostra dove s'inserisce la chiusura della discarica nella più complessiva difesa del paesaggio e del territorio.Così Programma ambiente apuane va al contrattacco e difende il suo operato e la presenza della discarica in quel luogo. «Si è letto che certi disagi sulla strada Aurelia sarebbero stati causati dalla presenza della discarica. In realtà, se non vi fosse la presenza di un'attività, la Rupe della Cervia sarebbe completamente abbandonata a se stessa, col rischio di crolli e con un pericolo maggiore per l'Aurelia, così come la vicina Torre Medicea, le cui uniche cure arrivano dal lavoro dei Vigili del Fuoco.» E si sentono in dovere di avanzare delle «considerazioni di tipo carattere politico» a causa del fiorire di comunicati stampa e post sui social. «C'è infatti un apriorismo in talune dichiarazioni - sostengono dal consiglio di amministrazione - una totale mancanza di interesse nei confronti dei dati reali presentati da Arpat - prima ancora che da Programma ambiente che può essere solo frutto di una precisa volontà speculativa, volendo escludere fino in fondo stoltezza e ignoranza. Ripetiamo, pertanto, una volta per tutte che i valori di amianto in fibre libere, rilevate da Arpat con tecnica Sam, risultano inferiori di 10 volte rispetto ai limiti indicati dall'Organizzazione mondiale della sanità sull'esposizione per l'intera vita della popolazione, inferiori di 1.000 volte del valore limite previsto per l'esposizione dei lavoratori alle fibre di amianto, inferiori di 500 volte il limite previsto come soglia di allarme nelle aree circostanti i cantieri di bonifica, inferiori di 20 volte il limite da non superare per la restituibilità dei cantieri di bonifica di amianto. Inoltre la presenza di triclorometano, il cloroformio, non può essere attribuita all'attività della discarica, perché questo contaminante è presente in falda già a monte della discarica, come da rilevazioni Arpat. Infine, sul fronte della documentazione burocratica, l'attività di Programma ambiente è perfettamente regolamentata».

 

pietrasanta


Nature oniriche che incantano, ipnotiche e sognanti. Sono le opere di Paolo Lazzerini, artista pietrasantino figlio d'arte protagonista nella suggestiva e naturale galleria del campanile del Duomo di San Martino, nel cuore del centro storico con la mostra dal titolo "Serena è la Notte" patrocinata dal Comune di Pietrasanta. La mostra è uno degli eventi espositivi in programma per giugno a Pietrasanta insieme alla collettiva degli studenti del liceo artistico "Stagio Stagi" dedicata alla Via Francigena visitabile fino ad oggi nella Sala delle Grasce così come la mostra di Giuseppe Carta nel Chiostro ed in Piazza Duomo.Le sue opere, reduci da un lungo viaggio in Cina nelle città di Shangai e Ningbo, Hangzhou e Wuhu dove ha portato la sua pittura e quei paesaggi che raccontano, a modo suo, con incredibile efficacia e positività, la meraviglia di una terra, Pietrasanta e la Versilia, che in Oriente ha conquistato tutti, potranno essere ammirate fino al 30 giugno all'interno di quel campanile pieno di misteri commissionato dalla collegiata di San Martino caratterizzato dalla scala elicoidale attribuita da alcuni studiosi a Michelangelo Buonarroti. La mostra resterà aperta tutti i giorni dalle 18 alle 20 e dalle 21.30 alle 23.30 con ingresso libero.

 

Rassegna sugli artigiani del marmo


Quindici giorni di esposizioni e convegni a Seravezza con l'evento "Le Mani"


SERAVEZZA Marmo non vuol dire solo tonnellate di blocchi ed escavazione selvaggia nelle cave. Esiste ancora oggi in Versilia un patrimonio di maestranze unico. Nella Lucchesia si stima - stando ai dati del 2014 - la presenza di 600 imprese, e 2500 artigiani del lapideo. In questi numeri ci sono tante braccia e mani esperte sulla trasformazione dell'oro bianco delle Apuane, in grado di realizzare prodotti di alta qualità. Ed è proprio il prodotto finito che, imprenditori e Cna di Lucca, vogliono tornare a promuovere facendo squadra. Un'occasione per mettere in mostra la qualità delle lavorazioni sarà l'evento "Le Mani": per quindici giorni, due mostre, un convegno, una conferenza formativa, una tavola rotonda e tre città - Seravezza, Pietrasanta e Carrara - accenderanno i riflettori sulla bellezza dei loro pregiati marmi e sulla maestria delle loro aziende; ci sarà anche un focus su ricerca, innovazione, design e nuove applicazioni. «Credito formativo, dibattito politico e promozione delle imprese, sono i tre pilastri sui quali abbiamo costruito l'edizione 2017 di "Le mani"», dichiara il presidente di Cna Lucca Andrea Giannecchini. «Ci sembra un modo moderno e innovativo per alimentare il dibattito su tematiche di vitale importanza per il territorio della Versilia quali la crescita economica, la tutela del paesaggio, la valorizzazione dei materiali lapidei e della piccola e media impresa. A Seravezza, alle Scuderie Granducali, con la "Mostra Genius loci... in processing" si esporrà le splendide realizzazioni in marmo di circa quindici aziende del distretto apuo-versiliesi. L'esposizione è stata inaugurata venerdì e sarà aperta fino a domenica 25 giungo. Altro appuntamento fulcro de "Le Mani" sarà il convegno di sabato prossimo a Pietrasanta su "L'artigianato del marmo: un valore aggiunto da preservare, sostenere, rilanciare" che nel Salone dell'Annunziata di Pietrasanta vedrà fra tutti la presenza del presidente della Commissione sviluppo economico del consiglio regionale della Toscana Gianni Anselmi e dei consiglieri regionali Stefano Baccelli e Marco Stella. Terzo e ultimo elemento caratterizzante dell'edizione 2017 dell'evento Cna è la mostra "Le Mani - Eccellenze in Versilia" che si terrà nella piazzetta delle erbe a Carrara negli otto giorni di White Carrara Downtown (iniziata ieri finirà domenica prossima). «Siamo orgogliosi di accogliere nuovamente questo evento nella nostra città, dove esso è nato», aggiunge il sindaco Riccardo Tarabella. «La manifestazione torna accresciuta, affiancando alla collaudata formula espositiva tutta una serie di riflessioni e di stimoli per indirizzare il settore lapideo verso un domani positivo». Tiziano Baldi Galleni

 

La mostra di Carta oltre quota 50mila

E da sabato 17 giugno in piazza Duomo apre l'esposizione di Sorensen

PIETRASANTA La mostra di Giuseppe Carta, nel centro storico, va agli archivi «con oltre 50 mila presenze, la terza più vista, tra febbraio e giugno, dal 2012 ad oggi, la terza, per numero di pubblico, dopo Botero e Mitoraj» fanno sapere dal palazzo comunale. Rassegna, "Gli Orti della Germinazione", che vedrà il suo epilogo nella giornata di oggi. Dal 17 giugno sarà poi protagonista la personale dello scultore danese Jorgen Haugen Sorensen dal titolo "La Folla" che «accompagnerà l'innovativo Dap Festival, il Festival internazionale della danza che si aprirà il giorno dopo, il 18 giugno, e che porterà fino all'1 luglio a Pietrasanta coreografi, danzatori, scultori, musicisti e artisti provenienti da tutto il mondo in una contaminazione di generi artistici e di luoghi» rilanciano dal municipio.«Per la cultura di Pietrasanta è l'anno del rilancio internazionale - afferma il sindaco Massimo Mallegni - arte e intrattenimento sono elementi chiave per il territorio e per il suo tessuto economico, per le imprese e gli alberghi, per i ristoranti e le attività commerciali. Il riscontro in termini di visitatori ha rispettato, fino a qui, le nostre aspettative. Gli eventi di qualità hanno richiamato nella nostra città turisti e appassionati anche nei periodo più difficile dell'anno come quello in autunno ed inverno e la mostra di Giuseppe Carta ha mantenuto perfettamente le nostre aspettative. Per l'estate ci aspettiamo numeri ancora più importanti anche grazie ad un calendario di eventi arricchito, quest'anno, dalla novità del Dap Festivalil cui format ha l'obiettivo di legare insieme, come mai prima di oggi, la scultura e l'arte alla danza, alla musica e alle arti visive».Per un cartellone che nelle prossime settimane propone, oltre al Festival della Versiliana e al Caffè, Pietrasanta in Concerto (21-30 luglio) e la Festa Medievale (5 e 6 agosto), le opere di Park Eun Sun nel centro storico (12 agosto - 29 ottobre) ed Alfred Milot nell'atrio del municipio. E ancora la Festa del Fatto Quotidiano (31 agosto - 3 settembre), la Festa dell'Opinione (8-10 settembre nel Parco della Versiliana ) e la prima tappa di Cortinametraggi in tour». (l.b.)

Pagina 8 di 264

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree