patrocinio comune


cosmave centro servizi

 

ARTE E MOSTRE L’ultima gloria splende all’Accademia

11 Dicembre 2017
K2_ITEM_AUTHOR  La Nazione Arte & Mostre


“L’Ultima gloria di Venezia” cominciò a splendere il 13 dicembre 1815. Quel giorno, alla presenza dell’imperatore d’Austria Francesco I e del Cancelliere Metternich, una moltitudine commossa di veneziani accolse il ritorno dei Cavalli di San Marco, preda di guerra dei francesi diciott’anni prima, alla caduta della Serenissima Repubblica. Recuperato almeno questo simbolo della passata potenza, un gruppo di artisti e di studiosi affidò le speranze di riscatto della città alla valorizzazione del patrimonio artistico e alla rinascita dell’arte contemporanea. Protagonisti del nuovo periodo, non lungo ma straordinariamente intenso, furono lo scultore Antonio Canova – vale a dire il maggiore artista del suo tempo -, Francesco Hayez, iniziatore del Romanticismo pittorico, e una singolare figura di intellettuale, il conte ferrarese Francesco Leopoldo Cicognara. STORICO della scultura, autore di studi tuttora imprescindibili, critico impegnato e attivissimo presidente-manager dell’Accademia di Belle Arti, Cicognara realizzò il suo capolavoro duecento anni fa, allestendo e aprendo al pubblico nel 1817 le Gallerie dell’Accademia, uno dei musei più belli del mondo. È questo il motivo per il quale, nel quadro delle celebrazioni del bicentenario, accanto agli amatissimi capolavori del piano nobile – tra i quali i tre polittici di Bosch meravigliosamente restaurati –, nei recuperati spazi del pianterreno le Gallerie rendono omaggio a Canova, Hayez, Cicognara – L’ultima gloria di Venezia con una mostra che resterà aperta fino 2 aprile 2018. Sono esposte 130 opere che, oltre a raccontare un umanissimo rapporto di amicizia e un forte sodalizio culturale, danno un panorama splendido dell’arte italiana del primo quarto dell’Ottocento. TRA i dipinti che destano maggiore impressione figura Rinaldo e Armida, la grande tela di Hayez, nella quale il corpo nudo della maga evoca nella postura la Paolina Borghese del Canova, aggiungendovi una sensualità degna di Tiziano. Molto suggestiva è una saletta tutta per Lord Byron, che visse a Venezia tra la fine del 1816 e la fine del 1819. Il poeta fu assiduo frequentatore del salotto di Isabella Teotochi Albrizzi, grande amica di Foscolo e di Canova che le dedicò una ammiratissima Testa ideale di Elena. Anche Byron è più volte ritratto: in un busto marmoreo di Thorvaldsen, e in una preziosa edizione, miniata da Giovan Battista Cigola, del «Corsair». Il poeta vi appare circondato da angioletti e da figure allegoriche tipo La Fama invano trattenuta dai mostri dell’Invidia. Capita ai bestseller. È comunque di Hayez il gran finale, con molti studi e dipinti, tra i quali lo straordinario Autoritratto e una tela (Pietro Rossi, 1818-1820), che alza il sipario su una ingarbugliata vicenda di storia veneziana. È già un manifesto del Romanticismo in pittura. I nuovi temi medievali e rinascimentali ai veneziani, tuttavia, piacciono poco, mentre vengono accolti con entusiasmo a Milano, nella cui orbita Hayez è sempre più attratto, fino a lasciare la sua città natale. Nel 1822 Canova muore. Con lui si spegne anche “l’ultima gloria di Venezia”.

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree