patrocinio comune


cosmave centro servizi

 

La Nazione (3865)

SABATO 21 ottobre, alle 10,30, nella sede di Marmi Carrara, in via Provinciale 158, a Nazzano, è stata organizzata appositamente una asta di blocchi di marmo. Oltre a dare impulso alla raccolta fondi, sarà l’occasione per presentare ufficialmente la Fondazione Marmo onlus, un’idea nata lo scorso inverno da un gruppo di imprenditori, alla città e alla comunità locale

Dati del marmo, Legambiente torna alla carica

LAPIDEO L’ASSOCIAZIONE RICORDA A TONELLI GLI OBBLIGHI NEL FORNIRE I NUMERI PRECISI


«PRIMA ci dà dati parziali e poi ci accusa di aver utilizzato numeri incompleti». Legambiente replica piccata all’ex dirigente al Marmo, Marco Tonelli, sulla produzione delle singole cave. Dopo aver portato a galla quelli che – a parere degli ambientalisti – sono i problemi e gli ostacoli per un corretto monitoraggio delle quantità di materiale estratto con il proprio documento dal titolo «Far West: cave fuorilegge. Con lo sceriffo complice!», Legambiente aveva dovuto incassare la pesante contestazione di Tonelli. Ora gli ambientalisti vanno al contrattacco. «Marco Tonelli si è riconosciuto, a quanto pare, nel ruolo di sceriffo – dicono -.Ci rimprovera di non aver scorporato, dalla quantità dei detriti estratti da ciascuna cava, le quantità derivanti da lavori accessori alla coltivazione. Gli chiediamo: come avremmo potuto farlo se lui non ci ha mai fornito il dato? Se davvero Tonelli e il Comune possiedono quel dato, allora non si comprende perché lo scorso anno l’ufficio marmo, non sapendo come giustificare il dato delle molte cave che, per oltre dieci anni, hanno prodotto detriti per più del 90%, ha dichiarato che tali dati erano inattendibili perché, alla pesa comunale, i trasportatori mentivano sulla vera cava di provenienza dei detriti, indicandone una cava fasulla. Soprassedendo sull’attendibilità di tale spiegazione, Tonelli è consapevole di aver utilizzato e diffuso dati falsi? Ha, come inevitabile conseguenza della sua spiegazione, denunciato i trasportatori per falsa dichiarazione? A proposito delle nostre mezze verità – concludono da Legambiente – ricordiamo quanto scrisse il difensore civico allo stesso Tonelli: ‘Le confermo il suo obbligo, in qualità di dirigente e di responsabile del procedimento, di fornire a Legambiente , i dati relativi e dettagliati cava per cava dei quantitativi di materiale escavato».


«MARMO: sembra di essere nell’Ottocento americano dove alle regole si preferiva la Colt». A sparere alto è, senza dubbio, il segretario generale della Cisl Andrea Figaia che traccia un quadro a tinte fosche della principale industria nel territorio e, nel farlo, coglie occasione per ringraziare il procuratore Aldo Giubilaro (nella foto) che - «lui che viene da fuori» - secondo il numero uno del sindacato avrebbe il merito di «riportare a galla queste nostre scomode verità». «Morti sul lavoro, escavazione selvaggia, mancate verifiche dei piani di escavazione, alluvioni e sabbie, fiumi che esondano, tributi non riscossi. Giro d’affari notevole, carbonato di calcio invece che maggiori lavorazioni lapidee in loco – dice Figaia elencando quelle che considera ferite aperte -.Carrara è stata perduta dalla sinistra perché non ha capito che il marmo, interesse di pochi, ha creato una ferita con la città. Ora la nuova amministrazione dovrà redigere il regolamento degli agri marmiferi e chiarire la faccenda dei beni estimati. Il sindacato deve occuparsi della sicurezza nei luoghi di lavoro. Negli ultimi anni c’è stato un picco di mortalità alle cave impressionante. Gli industriali invece sta parlando con un linguaggio a volte diverso, più prudente, cioè attenti alle difficoltà del contesto ed alla consapevolezza che continuare così potrebbe portare ad una situazione di non ritorno o comunque per loro non certo positiva. Lei – prosegue Figaia rivolgendosi a Giubilaro - ha usato toni forti in commissione parlamentare ed anche ha auspicato una ripresa di volontà positiva da parte della collettività locale che vede in loco un po’ appiattita per quanto riguarda la presa d’atto di ciò che accade nel marmo. Mondo che appare sempre più come un ‘far west’, un luogo dove le faccende si regolavano non certo con il dialogo. Per questo non possiamo che ringraziarla».

 

Marmotec chiusa: qualcuno deve intervenire

«Vogliamo sapere – ha detto Andrea Vannucci – cosa intendano fare su Marmotec. E’ una risorsa pubblica e ogni decisione deve passare da un cda. Non possono i vertici cassare l’evento senza farlo sapere. Pretendiamo che il sindaco indica un consiglio dove si affronti l’argomento e si chiarisca che posizione prendere».

CONFARTIGIANATO SUCCEDE A PARODI


GABRIELE Mascardi è il nuovo segretario provinciale di Confartigianato. La decisione è arrivata al termine della serata di giovedì del consiglio direttivo. Il neo incaricato subentra a Pietro Parodi al quale il consiglio di amministrazione ha rivolto un sentito ringraziamento per l’attività svolta ed i risultati conseguiti pur in un contesto di mercato particolarmente severo. Mascardi, 45 anni, è entrato in Confartigianato nel 2003 con l’incarico di responsabile del dipartimento ambiente sicurezza e consulenze legali ricoprendo inoltre importanti incarichi a livello sindacale. «Durante questi anni – dichiara – , ho avuto modo di conoscere il sistema Confartigianato e quindi di apprezzare il lavoro delle persone che da tempo contribuiscono a rendere la Confartigianato un punto di riferimento per l’artigianato, la piccola e media impresa per tutti coloro che decidono di intraprendere un’attività e cercano un interlocutore in grado di spiegare prima e seguire poi, tutti gli aspetti di un’attività imprenditoriale». «È UN INCARICO – prosegue – che mi onora e che cercherò di portare avanti con il massimo dell’impegno, avvalendomi della preziosa collaborazione dei miei colleghi, della presidenza, della giunta e degli artigiani stessi e lavorando in stretta sinergia con le altre associazioni ed istituzioni provinciali. È un momento non facile per le imprese ed in generale per la nostra economia, ma un valido sistema associativo come quello della Confartigianato della provincia di Massa Carrara, non ha paura di confrontarsi con i momenti difficili ed è in grado di aiutare le imprese ad affrontare le criticità del momento ed a guardare oltre, attraverso il suo ruolo di consulenza e quello di interfaccia con tutti i soggetti economici ed istituzionali». ll presidente Sergio Chericoni ha ringraziato Parodi per l’alta professionalità, competenza e dedizione profuse al servizio dell’artigianato e del sistema associativo ed ha rivolto al neo segretario i migliori auspici per l’impegnativo incarico.

 

Cap, si cambia e si punta al rilancio Due nuovi bandi per il museo

VALORIZZAZIONE DELLA MEMORIA
DA DICEMBRE E FINO A MAGGIO, L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE PREVEDE UNA SERIE DI INIZIATIVE DEDICATE ALLA VALORIZZAZIONE DELLA MEMORIA TRAMITE GLI ARCHIVI STORICI
IL CENTRO arti plastiche di San Francesco cambia pelle. La giunta ha deciso di farlo diventare teatro di una progettazione artistico culturale sperimentale. Si comincerà con il programma per il periodo da dicembre a maggio con una serie di iniziative dedicate alla valorizzazione della memoria locale tramite gli archivi storici studiati e reinventati dalla creatività di artisti contemporanei operanti nelle arti visive. «Si tratta di due residenze d’artista – spiegano da palazzo civico -, che dovranno ispirarsi ad un archivio storico locale: gli artisti, che potranno soggiornare in città per il periodo di un mese in occasione di ciascuna delle due residenze che il bando prevede, esporranno i lavori prodotti in residenza al Cap». La prossima settimana, intanto, saranno aperti i due avvisi pubblici per la ‘residenza d’artista’, l’altro la gestione delle aree di servizio vale a dire book shop, zona ristoro e didattica. «L’AVVISO pubblico - spiega l’assessore alla Cultura Federica Forti - sarà rivolto a tutti i soggetti attivi in ambito storico artistico: professori, curatori, associazioni culturali, artisti che dovranno proporre un progetto di residenza di uno o più artisti (solo per l’arte visiva) incentrato sullo studio e la rilettura di uno degli archivi storici della città. Ci sarà spazio temporale per due progetti, ma questo sarà solo un banco di prova per proseguire secondo questa scelta dialettica tra passato e presente, anche secondo la modalità della ‘residenza d’artista’. Questo perché è interesse dell’Amministrazione lavorare sul recupero, la conservazione, la divulgazione, ma anche la rilettura del passato in chiave contemporanea. Sempre in questa stessa chiave, a breve sarà aperto un bando rivolto anche alle arti performative. Infine, sta organizzando a latere e nella stessa logica, anche una serie di mostre, sempre da tenersi al Cap, che presenteranno importanti collezioni e archivi come quello della Marmifera».

 


SABATO 21 ottobre, alle 10,30, nella sede di Marmi Carrara, in via Provinciale 158, a Nazzano, è stata organizzata appositamente una asta di blocchi di marmo. Oltre a dare impulso alla raccolta fondi, sarà l’occasione per presentare ufficialmente la Fondazione Marmo onlus alla città e alla comunità locale

 

Pagina 2 di 387

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree