patrocinio comune


cosmave centro servizi

 

La Nazione (5703)

Secondo appuntamento con il ciclo «De Mundo Apuano» organizzato dal Gruppo Speleologico Archeologico Apuano, con il patrocinio della Società Speleologica Italiana e della Federazione Speleologica Toscana, e in collaborazione con l’associazione culturale Sancio Pancia, sabato 30 gennaio al Rifugio antiaereo della Martana. Protagonista l’ambientalista dell’anno, Alberto Grossi, cul tema «Un mondo capovolto, i fragili equilibri eco-ambientali delle Apuane». L’obiettivo della rassegna è di far conoscere a più persone possibili le meraviglie delle nostre montagne , ed abbiamo pensato che la cosa più utile potesse essere quella di parlare delle Alpi Apuane sotto tutti i punti di vista. L’ingresso è gratuito.

 

LE APERTURE DEL MUSEO GUADAGNUCCI

Dopo le festività il museo dedicato all’artista Gigi Guadagnucci a Villa della Rinchiostra riprende il normale orario di apertura: venerdì, sabato e domenica dalle 15 alle 18.30.

 

La rosa dei venti marmorea, che si trova davanti al Pontile di Marina di Massa, è stata spaccata (nella foto). A segnalarlo è l’architetto Alessandro Giorgi, che aggiunge: «Vista la “sensibilità” – dice ironicamente – dell’amministrazione verso le opere d’arte, quanto resterà così il manufatto in marmo?».

 

LUNEDÌ primo febbraio alle 17 Riccardo Nencini (nella foto), vice ministro alle Infrastrutture incontrerà le istituzioni locali per discutere della revisione del codice degli appalti alla Camera di commercio.
Partecipa Michele Corradino del consiglio dell’Anac.

Gli anarchici occupano l’edificio clou della Biennale
OCCUPATO dagli anarchici un fondo storico di via Apuana. Quello che per secoli è stato un tempio del marmo, utilizzato anche in una delle ultime Biennali, sarà centro di aggregazione e laboratorio di idee del gruppo «Foc al foc».
La questione è stata sottolineata da Corrado Lattanzi che in una nota riprende la storia dell’edificio. «A Carrara sembra che tutto quanto accaduto solo qualche anno prima debba essere cancellato, obliato, nascosto. Si è parlato nel caso dell’occupazione degli anarchici di un complesso formato da un grande ambiente, forse destinato alla scultura, da altri ambienti di dimensioni minori, forse destinati ad uffici o altre funzioni, magari residenziali.
Tutti hanno sostenuto che fosse abbandonato da decenni, almeno trent’anni, e qualcuno si è spinto ad affermare che nel luogo possano esser state svolte alcune ignote manifestazioni artistiche. Ebbene, il luogo in questione è il Laboratorio Corsi Nicolai, una delle sedi della Biennale internazionale di scultura del 2010. In questo spazio, lasciato com’era, ricettacolo di improbabili immondizie, sono stati esposti a lungo i Pugilatori di Antony Gormley, uno dei più importanti artisti e una delle opere in marmo più importanti della manifestazione.
La Biennale di Carrara 2010 – ricorda Lattanzi – lo aveva fatto rinascere, per breve, ma intenso periodo, imprimendo un impulso in avanti, verso la riqualificazione, la conoscenza, il recupero e la valorizzazione, che non è mai stato raccolto. E’ molto importante ricordare le cose, i fatti, quello che è passato, dove e perché. Dannare la memoria è un drammatico errore pagato spesso a caro prezzo: la distruzione.
Nell’ultimo anno, per elaborare il volume di prossima pubblicazione, ho svolto ricerche e indagato sugli studi di molti intorno a Carrara, al suo corso d’acqua, il Carrione, agli insediamenti industriali, all’evoluzione dell’architettura d’utilità, delle tecniche, degli opifici. Ho riscoperto una gigantesca quantità di studi interessantissimi svolti nell’ultimo ventennio e totalmente dimenticati, ignorati, espunti dalla memoria. Un patrimonio culturale enorme, una cava di conoscenze più grande di un bacino marmifero e forse più ricca. Che spreco! Allo stesso modo degli edifici di cui si è dannata la memoria del nome e persino del fasto recentissimo».

 

«NESSUN pericolo per il duomo e tantomeno per il suo pulpito». Come ha annunciato don Raffaello Piagentini nella sua omelia, il pulpito dell’abbazia non corre alcun rischio di crollo. L’allarme era stato dato da un nostro lettore Paolo Cucurnia che aveva evidenziato una crepa alla base del pulpito di marmo. «I lavori fatti per l’impianto di riscaldamento – spiegano dal duomo – furono fatti nel 1967 sotto il placet della Sovrintendenza e dopo progetti e calcoli statici fatti da ingegneri tuttora presenti in archivio. Il percorso del tunnel sotterraneo per il riscaldamento del duomo passa decisamente molto più lontano e molto più in profondità».
CUCURNIA aveva rilevato e denunciato l’esistenza di una crepa a suo dire sospetta alla base degli storici marmi che fortunatamente non costituiscono alcun rischio per la staticità del meraviglioso duomo che gode a quanto pare di ottima salute.


UNO SPORTELLO riservato alle giovani donne. L’impresa in rosa ha il suo spazio con nuove opportunità a tasso zero. Il 13 gennaio si è aperto il bando
per le richieste di finanziamento per le imprese start-up e di recente costituzione, imprese che generalmente incontrano notevoli difficoltà se devono essere finanziate da banche a causa dell’assenza di uno storico aziendale. Le iniziative sono a tasso zero e non prevedono fondo perduto. Ad anticiparlo è Cna attraverso il suo nuovo sportello «Finanza agevolata» creato per informare, assistere, suggerire e guidare artigiani e piccole imprese nella ricerca del bando e della misura più adatta all’esigenza (info anche su www.cna-ms.it e pagina ufficiale Facebook). Gli incentivi sono rivolti alle imprese composte in prevalenza da giovani tra i 18 e i 35 anni o da donne. Le imprese devono essere costituite in forma di società da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda. Anche le persone fisiche possono richiedere i finanziamenti, a condizione che costituiscano la società entro 45 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni. Gli incentivi finanziano progetti d’impresa con spese fino a 1,5 milioni di euro. Le agevolazioni consistono in un finanziamento agevolato senza interessi (tasso zero) della durata massima di 8 anni, che può coprire fino al 75% delle spese totali. Le imprese devono garantire la restante copertura finanziaria e realizzare gli investimenti entro 24 mesi dalla firma del contratto di finanziamento. Sono finanziabili le iniziative per produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli, fornitura di servizi alle imprese e alle persone, commercio di beni e servizi turismo Possono essere ammessi anche i progetti nei seguenti settori, considerati di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditoria giovanile: filiera turistico-culturale, intesa come attività per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché per il miglioramento dei servizi di ricettività e accoglienza innovazione sociale, intesa come produzione di beni e fornitura di servizi che creano nuove relazioni sociali o soddisfano nuovi bisogni sociali. Cna si occuperà di seguire la presentazione dei progetti dei candidati, con procedura informatica sul sito www.invitalia.it.

 

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree