patrocinio comune


cosmave centro servizi

 

La Nazione (4262)


di STEFANO GUIDONI UNA MOSTRA volutamente non natalizia e per certi aspetti anche provocatoria, tanto che i più suscettibili è bene che si preparino fin d’ora. L’arte contemporanea si sa, molto spesso è fatta anche di questo e Massa ormai da qualche tempo in fatto di arte ha deciso di puntare su l’espressione culturale più attuale, che oltre a distinguerla dal resto delle città cosiddette «d’arte», sta riscuotendo un notevole successo. E’ stata presentata ieri in Comune «Trasformazione», ultimo atto del secondo ciclo di arte contemporanea « Art Now», che prende il via domani alle ore 17 a Palazzo Ducale. Tredici artisti con altrettante opere per una collettiva fatta di installazioni, fotografie, video e sculture, realizzate appositamente per l’occasione, che rimarranno esposte fino al 7 gennaio. «SI TRATTA della mostra che conclude i due cicli promossi in soli 16 mesi dal Comune di Massa in collaborazione con l’associazione Quattro Coronati – spiega il curatore Mauro Daniele Lucchesi – grazie ai quali il Palazzo Ducale è rimasto aperto quasi ininterrottamente ospitando tanti artisti di fama internazionale». Tra quelli di punta della mostra provenienti anche da Svizzera e Repubblica federale Ceca e Slovacca, che esporranno tra il Salone degli Svizzeri e la Sala degli specchi, anche l’austriaco Paul Renner, uno dei nomi di punta nel contesto europeo dell’arte contemporanea. «Il tema della mia opera multimediale – ha anticipato Alfio Antognetti – è l’assenza come naturale contrario della presenza, che esprime il concetto della relatività». Gli altri artisti sono Paul Sakoilsky, Roberto Dolzanelli, Roland Adlassnigg, Christian Thanhäuser, Antonio Di Biase, Lorenzo Brivio, Darinka Kmetova, Philipp Müller, Luna De Rosa, Dany Vescovi e Dania Zanotto, alcuni dei quali molto giovani ma ugualmente conosciuti. «Un evento dai contorni forti, non certo tradizionale – ha spiegato il sindaco di Massa Alessandro Volpi – che darà vita a un contrasto tra spazi espositivi e opere, alimentato dal conflitto di emozioni suscitate all’interno dalla mostra e all’esterno dalla proiezione di luci e immagini in perfetto stile natalizio, che prende il via lo stesso giorno con il video mapping». La mostra sarà aperta ad ingresso libero dal martedì al sabato dalle ore 16.30 alle 19.30. «In principio era stata programmata per l’estate – ha svelato l’assessore alla Cultura Mauro Fiori – ma poi abbiamo ritenuto che fosse più «contemporaneo» farla a Natale».

SI INAUGURA oggi alle 18 la collettiva «Cartoline da Carrara» esposta alla Galleria d’arte Il borgo in via Santa Maria. «Abbiamo poi deciso – dice il presidente Chiara Russo–, con la mostra, di rendere i festeggiamenti per i 10 anni ancora più indimenticabile, realizzando il nostro primo calendario che sarà possibile trovare in sede espositiva per tutta la durata della mostra, o sarà possibile prenotare fino alla fine di gennaio, e il cui ricavato servirà per finanziare le attività che l’associazione». La mostra sarà aperta fino al 23 dalle 17,30 alle 19,30.

CAVA FORNACE

PRIMA il sopralluogo della Commissione parlamentare d’inchiesta alla discarica di Cava Fornace, ieri alcune audizioni a Firenze. Prosegue quindi l’attività della Commissione sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali. Ieri sono stati ascoltati, in due diverse sessioni, il sindaco di Massa Alessandro Volpi e due rappresentanti del Comitato antidiscarica di Montignoso. «Siamo stati sentiti con attenzione per una ventina di minuti – racconta uno dei rappresentanti del comitato anti discarica di Montignoso – abbiamo esposto le criticità che l’impianto presenta. Abbiamo consegnato alla commssione materiale cartaceo e matariale digitale sottolineando che nel 2007 il ministero aveva spiegato che dove oggi c’è la discarica non era il lugo adatto per realzzare l’impianto. Abbiamo chiesto alla Commissione quali potrebbero essere le soluzioni dal momento che l’impianto è stato realizzato ed è funzionante. Siamo sosddisfatti dell’esito del confronto». Oggi, sempre a Firenze, la Commissione parlamentare ascolterà il sindaco di Montignoso, Gianni Lorenzetti. maria nudi

 

Ultimi ciak per il film del russo Konchalovsky


LE RIPRESE MICHELANGELO A ROMA DOPO LE CAVE


A ROMA gli ultimi giorni delle riprese del film su Michelangelo, «Il peccato» sarà pronto per la seconda parte del 2018. Il film del Maestro russo Andrei Konchalovsky è in dirittura d’arrivo. Dopo le riprese girate alle nostre cave e in piazza Duomo, la troupe è ora a Roma per concludere le scene finali. Una cappella Sistina, ricreata nelle dimensioni reali dallo scenografo Maurizio Sabatini e con allestiti per l’estensione degli affreschi i green screen, è fra gli scenari nei quali il grande regista sta terminando le riprese del ritratto emotivo e viscerale, girato interamente in Italia e in italiano dedicato a Michelangelo. Ne è protagonista Alberto Testone (già interprete a teatro e al cinema di Pasolini), scelto dopo lunghi provini per un casting nel quale il cineasta ha voluto soprattutto attori non professionisti. «Volevo ricreare un’epoca molto crudele – spiega all’Ansa il regista – molto rigida, dominata dalla censura attraverso la verità dei volti della gente, del popolo». Un film russo-italiano (producono, fra gli altri, Fondazione Andrei Konchalovsky per il cinema e le arti sceniche, Ministero della Cultura della federazione Russa, con l’apporto dell’imprenditore russo e filantropo Alisher Usmanov, insieme a Jean Vigo Italia con Rai Cinema) da 15 milioni di euro che dovrebbe essere pronta per il debutto, probabilmente in un grande festival, nella seconda metà del 2018.


I tifosi della Carrarese hanno partecipato al ricordo del cavatore
UN ANNO FA LA TRAGEDIA A TORANO
UN ANNO FA IL CAVATORE MAURO GIANNETTI ERA STATO VITTIMA DI UN INCIDENTE MORTALE ALLA CAVA 5 DI TORANO: UNA LASTRA DI BIANCO SI ERA STACCATA E AVEVA TRAVOLTO IL 46ENNE
«NOI non ti lasceremo mai»: con questo coro viene ricordato ai Ponti di Vara Mauro Giannetti, il cavatore morto un anno fa. Martedì sera si sono presentati in centinaia ai Ponti di Vara per ricordare la scomparsa del 46enne cavatore rimasto schiacciato da una lastra alle cave di Torano. La tifoseria della Carrarese calcio ha voluto ricordare l’anniversario di quel tragico evento di un anno fa, che vide vittima uno dei suoi più appassionati supporter. Molto spesso Giannetti seguiva le gesta degli azzurri ed era sempre presente allo stadio dei Marmi nelle partite casalinghe della squadra allenata da mister Silvio Baldini. Proprio per questo, per la sua attaccatura alla maglia, gli ultrà della Carrarese hanno deciso di omaggiarlo vicino a dove Giannetti ha trascorso tutte le sue giornate prima del tragico evento, le cave di marmo. I TIFOSI ringraziano: «I Barbudos Carrara ringraziano tutti gli amici, i compagni, gli ultras, i ragazzi di Ferrara, Pisa, Reggio Emilia e la Carrarese calcio per essere venuti a rendere omaggio al nostro Mauro. Sfidando il diluvio e il freddo in centinaia ci siamo ritrovati su uno dei simboli più rappresentativi della nostra città, i ponti di Vara, tra quelle Alpi Apuane che tanto hanno rappresentato della tua vita. L’orgoglio di appartenere ad una terra unica, risultato del profondissimo legame tra natura e uomo, che ha permesso a queste valli di essere culla di utopie e Resistenza, che ha generato lavoro e ricchezza, ma anche fatica e il dolore che ti ha portato via. Lassù ti abbiamo ricordato con i cori gli striscioni e i colori che amavi, stringendoci in un grande abbraccio attorno a Giorgia, a Gabriele, a Stefano e a tutti quelli che come noi hanno condiviso con te la vita. Adesso vogliamo trasformare questo ricordo in azioni concrete, per questa terra a cui tanto eri affezionato. Per il futuro che qui hai costruito. Per continuare a curare quei valori di solidarietà e giustizia sociale, con lo stesso spirito con cui ci hai insegnato ad apprezzare e attraversare la vita. Sei sempre al nostro fianco. Barbudos Carrara».

CRONACA MASSA
L’ATTACCO M5S CONTRO ROSSI

«LA GIUNTA Pd-Rossi vuole tagliare del 90% i fondi annuali dedicati allo studio di fattibilità per promuovere lo sviluppo di uno o più poli industriali e tecnologici costieri di economia circolare. Dei 500mila euro previsti, ne avranno solo 50mila. Parliamo dell’unica azione concreta per generare sviluppo, per giunta sostenibile, nella nostra costa toscana, maturato dalla commissione Toscana costa. Un flop clamoroso». Lo affermano i consiglieri regionali del M5S Irene Galletti (nella foto) e Giacomo Giannarelli, in merito alla variazione del bilancio della Regione. «In un anno quindi questa maggioranza non è stata in grado di spendere un importo rilevante attribuito 12 mesi fa – aggiungono in una nota – per un progetto che aveva definito strategico e nei fatti dimostra di non voler del tutto sposare». Gli esponenti M5S spiegano che si opporranno «in ogni modo a questa attestazioni di fallimento, senza l’assicurazione della giunta sui tempi di consegna dello Studio. Massa Carrara, così come Livorno e Piombino, attendono da tempo di poter vedere sviluppate sul proprio territorio attività imprenditoriali d’economia circolare e proprio la zona industriale apuana potrebbe rappresentare lo spazio adatto per una loro evoluzione in ottica di polo industriale», concludono Galletti e Giannarelli.

Statua di Ciano in piazza Arriva il no del sindaco


«La statua di Ciano non è quella del buon samaritano. Quindi per me può rimanere dove sta». Il sindaco Peracchini dice no alla possibilità di esporre in una piazza la grande statua dello scultore Messina, conservata all’interno del museo navale.


Ieri mattina a Montignoso nel massimo riserbo. Soddisfatto il gestore
Cella chiede lumi
«Domani (oggi per i lettori, ndr) in consiglio comunale chiederò l’esito del sopralluogo in discarica della commissione. Avrei voluto essere presente, ma non ho saputo la data e l’orario. Convocherò una seduta della commissione di controllo», commenta Andrea Cella ( Lega Nord)
Niente amministratori
Al sopralluogo della commissione parlamentare d’inchiesta non ha potuto partecipare l’assessore all’ambiente di Montignoso Massimo Poggi perché, nonostante la sua volontà di esserci, non ha avuto alcuna comunicazione sulle modalità del sopralluogo.
Colloqui a Firenze
Al soprallugo in discarica non ha partecipato neanche il sindaco di Montignoso, Gianni Lorenzetti. L’attività della commissione parlamentare di inchiesta va avanti anche oggi perché saranno sentiti a Firenze alcuni rappresentanti istituzionali.
LA COMMISSIONE parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse connesse ieri è stata impegnata in un sopralluogo alla discarica di Cava Fornace, a Montignoso, l’impianto gestito da Programma Ambiente Apuane. La commissione è arrivata poco prima delle 9 e si è trattenuta fin oltre le 10. Alla fine del sopralluogo la presidente della commissione parlamentare, Chiara Braga (Pd), ha dichiarato: «Il sopralluogo fa parte dell’approfondimento che stiamo svolgendo, al quale seguirà una relazione conclusiva». Al momento quindi massimo riserbo. La commissione parlamentare d’inchiesta è stata accompagnata dai vertici di Programma Ambiente Apuane. Il presidente, Enrico Giardi, ha commentato con queste parole l’esito del sopralluogo: «Piena soddisfazione per un incontro pienamente costruttivo con il massimo organismo di controllo sulla gestione dei rifiuti». Al sopralluogo erano presenti, oltre alla presidente Braga, il vicepresidente Stefano Vignaroli e l’onorevole Alberto Zolezzi, entrambi del M5S. Hanno partecipato funzionari di Arpat regionale e del dipartimento di Massa. La commissione, accompagnata dall’amministratore delegato Massimiliano Arrigoni e dal presidente Giardi, con il direttore tecnico di Programma Ambiente Apuane, ha fatto una visita nel giacimento controllato di Montignoso ed ha assistito allo scarico di alcuni mezzi di rifiuti, ponendo domande sulla natura dei rifiuti conferiti e conferibili in discarica, sulle modalità di costruzione dell’impianto e sulla gestione dei rifiuti prodotti. «Il sopralluogo – ha detto ancora la presidente Braga – fa parte dell’approfondimento che stiamo svolgendo suddivisi in una serie di sopralluoghi e audizioni che si terranno nei prossimi due giorni Stiamo visitando impianti con caratteristiche diverse tra di loro. Seguirà la stesura di una relazione finale che terrà conto anche degli approfondimenti fatti sul resto degli Ato della Regione Toscana». Enrico Giardi, presidente Programma Ambiente Apuane, ha espresso piena soddisfazione: «Abbiamo rilevato piena volontà della commissione di comprendere in modo laico la gestione dell’impianto che avviene in modo assolutamente trasparente e pulito. Siamo stati onorati del confronto con il massimo organismo di controllo in merito alla gestione dei rifiuti, che ci corrobora nel continuare il lavoro di gestione della discarica in modo estremamente attento e professionale così come svolto fino ad oggi». maria nudi

AUDIZIONI
Oggi tocca a Volpi e domani a Lorenzetti
OGGI il sindaco di Massa Alessandro Volpi sarà a Firenze per il confronto con la commissione parlamentare d’inchiesta. Domani, invece, toccherà al sindaco di Montignoso, Gianni Lorenzetti, che sarà ascoltato dalla stessa commissione parlamentarea. Le audizioni vengono fatte a Firenze in una sede della Prefettura. I lavori della commissione d’inchiesta stanno andando avanti da tempo in modo minuzioso e capillare. A proposito delle modalità di intervento della commissione, Martina Nardi, deputato del Pd, interviene con questa riflessione: «Ho promosso con convizione l’intervento della commissione di inchiesta che l’organo più autorevole in questa direzione. Il soprallugo all’impianto di Montignoso è anche un modo di confrontarsi per capire cosa è utile e anche un modo quando l’attività sarà terminata per rispondere alle esigenze dei cittafini che stanno facendo sentire la loro voce». m.n.

«Apuane» di Papucci oggi al Caffè Cairoli

CONTINUA il tour di presentazioni del volume «Apuane», che ha come autore il fotografo massese Maurizio Papucci. Un nuovo evento è previsto per oggi, alle ore 18, al Caffè Cairoli, in via Cairoli a Massa. La presentazione sarà moderata e introdotta da Nicola Iacopetti e sarà presente l’autore. Il libro, che sta già riscontrando grande favore tra i lettori, è distribuito nelle librerie e nelle edicole di Massa e Marina.

Pagina 10 di 427

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree