patrocinio comune




cosmave centro servizi

 

La Nazione (3431)


L’OMAGGIO STASERA NELLA PIAZZETTA AL PRADO


NEL 1860 Giuseppe Piccirilli arriva a Massa, fermamente deciso ad arruolarsi nei reparti garibaldini. Durante la breve permanenza, incontra una ragazza del luogo di cui si innamora e a cui promette di tornare. La storia dei fratelli Piccirilli inizia così, nei pressi di Porta Martana, dove abitava la bella Barbara Giorgi che Giuseppe, tornato dalle guerre garibaldini, prenderà effettivamente in sposa. Giuseppe, scultore ornatista, è il primo a insegnare i rudimenti dell’arte ai sei figli che, una volta cresciuti, decidono di emigrare portando la loro esperienza e la loro arte negli Stati Uniti. Nel quartiere del Bronx aprono uno studio di scultura, il Leonardo Da Vinci, uno dei più grandi degli Usa, quello più ricercato nel periodo del rinascimento americano. Di questa storia e delle incredibili opere realizzate da questi fratelli scultori ne parlerà stasera, alle 21, lo storico dell’arte Silvano Soldano con «Arte ed opere dei Piccirilli tra l’Italia e l’America» nell’incontro curato dall’associazione «Al Prado» nell’ambito delle inziative volte a promuovere il quartiere e la sua storia. L’incontro si terrà nella piazzetta della Madonna della Visitazione, al Prado, accanto al vecchio ospedale e fa seguito a quello tenutosi il 28 luglio da Carmen Rusconi, dell’ufficio Stato civile del Comune di Massa, che aveva fatto scoprire le note biografiche dei Piccirilli e le case in cui essi avevano dimorato, tra la Martana e il Prado. La scelta del luogo in cui saranno proiettate le immagini delle opere, non è casuale. Sarà un ritrovare e ripercorrere i luoghi che hanno visto nascere e crescere questi ragazzi. Nella chiesa del Monte alcuni dei fratelli Piccirilli furono infatti battezzati e altri cresimati. L’Associazione “Al Prado”, storico quartiere sorto nella valletta tra il castello Malaspina e il vecchio ospedale, invita la popolazione a partecipare a questa e alle altre iniziative in calendario per l’estate. Dopo l’incontro, chi lo desidera, potrà fermarsi a bere qualcosa nel vicino Jazz Bar.

CRONACHE

Il centro si prepara per una domenica fra cibo e cultura

PARIGI, Carrara e le cave. Domenica 6 agosto torna, per la terza volta consecutiva, la ‘Carrara in bianco’ che prende spunto direttamente da quella parigina e desidera mettere in evidenza il candore delle cave ed il valore gastronomico del lardo. Tanti e di elevata qualità gli eventi di quest’anno, curati dal direttore artistico Thomas Santi Cassani, con la partecipazione del Ccn, Ristorando, Comune, Pro Loco. «Saranno coinvolti – dice il presidente di Confcommercio Nadia Cavazzini – tutti i ristoratori e sarà fatto obbligo assoluto di vestirsi ed addobbare le proprie strutture di bianco». «In ogni evento – precisa Santi Cassani – ho cercato la massima eleganza e così ho portato il tango in Piazza D’Armi con una vera e propria milonga diretta da Jorge Ramirez Civadda che sfoggia un tango dinamico e divertente di carattere tradizionale, basato su abbraccio e comunicazione corporale. Accompagnano i musicisti: Vincenzo De Filippo, Pasquale Lancuba, numero 1 in Italia. «HO SENTITO – dice Santi Cassani – che il tango doveva far parte di questa notte così come sento forte che sarebbe splendido se Jorge venisse da noi a fondare una scuola: le prospettive ci sono». Ancora musica in Piazza Accademia col concerto di Ugo Bongianni, pianista e compositore niente meno che per Mina e Valentina Rosso, cantante. Le note del piano di Tatiana Kuzina risuoneranno in piazza Garibaldi, accompagnata da 5 ballerini di danza classica. La piazza davanti al teatro che non riesce a rimanere aperto porta fuori dalla struttura lo spettacolo che dovrebbe rimanere dentro con la speranza che si possa presto compiere la modifica. E ancora: Jazz in Via Verdi, una band di soul in Via Roma, il coro Montesagro in giro per la città con partenza alle 21 da piazza delle Erbe. Tutto questo per quanto riguarda la delizia delle orecchie, ma non si poteva tralasciare l’occhio. Paolo Verdini si è occupato della parte scenografica con piccole installazioni fatte di ortensie bianche, lastre di marmo, candelabri bianchi, acqua: elementi semplici quanto affascinanti. Una serata ricca, quella di domenica, ricca di eventi ma anche di partecipazione: «Non sarebbe stato possibile realizzare tutto questo – precisa Thomas – senza l’aiuto di tutti. Carrara, che non si trova certo in ottime acque, ha esattamente bisogno di questo: sinergia». E Carrara in bianco sarà unica, sotto un unico colore ed un’unica voglia di essere viva. Stefania Grassi

 

Ecco tutti i componenti delle commissioni

LE NOMINE COSTITUITI E APPROVATI I NUOVI GRUPPI DI LAVORO CONSILIARI: DALLA CULTURA ALL’URBANISTICA


NEL CORSO del consiglio comunale sono state costituite le e varie commissioni. Questo l’elenco: Politiche educative: Franco Barattini, Cesare Bassani, Barbara Bertocchi, Daniele Del Nero, Elisa Serponi, Roberta Crudeli, Gianenrico Spediacci, Andrea Zanetti. Bilancio: Cesare Bassani, Daniele Del Nero, Gabriele Guadagni, Marzia Paita, Nives Spattini, Giuseppina Andreazzoli, Roberta Crudeli, Andrea Vannucci. Marmo e sport: Daniele Del Nero, Stefano Dell’amico, Tiziana Guerra, Marzia Paita, Nives Spattini, Cristiano Bottici, Maurizio Lorenzoni, Gianenrico Spediacci. Servizi sociali: Franco Barattini, Barbara Bertocchi, Tiziana Guerra, Marzia Paita, Daria Raffo, Giuseppina Andreazzoli, Roberta Crudeli, Andrea Vannucci. Sviluppo economico: Gabriele Guadagni, Tiziana Guerra, Giovanni Montesarchio, Daniele Raggi, Francesca Rossi, Luca Barattini, Dante Benedini, Cristiano Bottici. Urbanistica: Franco Barattini, Giovanni Montesarchio, Daniele Raggi, Francesca Rossi, Elisa Serponi, Luca Barattini, Dante Benedini, Maurizio Lorenzoni. Cultura: Cesare Bassani, Barbara Bertocchi, Gabriele Guadagni, Daria Raffo, Francesca Rossi, Giuseppina Andreazzoli, Cristiano Bottici, Andrea Vannucci. Ambiente: Giovanni Montesarchio, Daria Raffo, Daniele Raggi, Elisa Serponi, Nives Spattini, Franco Barattini, Dante Benedini, Maurizio Lorenzoni.

 


SODDISFAZIONE per le attività culturali di Palazzo Cucchiari. Lucia Ponzanelli si con gratula con la Fondazione Conti che ha avvitao ricche iniziative, mostre e cocnerti dentro lo storico palazzo e invita gli industriali a fare altrattanto per il bene della città. «Si è riaperta alla grande – scrive la nostra lettrice – la stagione a Palazzo Cucchiari con la mostra “Dopo Canova: percorsi della cultura a Firenze e Roma” a cui seguiranno i concerti che ci hanno abituato ad apprezzare la bella musica». «ANCORA una volta la famiglia Conti offre ai carraresi di vedere opere a volte sconosciute che arricchiscono le loro conoscenze, affinano il loro gusto e il loro spirito critico. Ancora una volta – conclude Ponzanelli – mi auguro di vedere imitato il loro esempio da chi voglia essere ricordato non per potenza economica spesso effimera, ma per l’amore verso Carrara». Le iniziative di palazzo Cucchiari sono particolarmente apprezzate dai cittadini che hanno modo di avere mostre, conferenze e concerti di alto livello.

A PALAZZO Binelli rimarrà aperta fino all’11 agosto la mostra di Michele Chiossi. L’esposizione è stata organizzata dalla Fondazione CrC e da Nicola Ricci. Michele Chiossi in «Carrara subabastraction» ha scelto di presentare una nuova serie di lavori in cui ha accorpato marmo e pizzo.


È COME una grande mostra all’aperto, immersa all’interno delle suggestioni offerte dai paesaggi del nostro territorio, tra le tonalità di verde che compongono la natura variegata e il rumore del mare che riecheggia dall’altro lato. La settima edizione de «La via dell’Arte», a Montignoso, è tutto questo: un percorso dell’arte in mezzo all’arte. «È una manifestazione ormai consolidata negli anni – spiega il sindaco Gianni Lorenzetti – e che ogni anno aggiunge un pezzo di valore inestimabile a una mostra davvero unica nel suo genere. Iniziative come questa credo dimostrino che la nostra città sia un luogo di attrazione e di ispirazioni. C’è ovviamente anche un risvolto turistico e questo è sicuramente un aspetto da valorizzare insieme a Pietrasanta a cui siamo ormai legati da anni all’interno di questa progetto artistico culturale». Alla presentazione delle opere, curate da Marco Garrisi a Villa Schiff, erano presenti, oltre a Lorenzetti, il sindaco di Pietrasanta Massimo Mallegni, i consiglieri regionali Paolo Bambagioni e Giacomo Bugliani, il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, il critico d’arte Ludovico Geirut e, in rappresentanza della Pro loco Montignoso, la presidente Loretta Polidori e Paola Leonardi. Le opere, in mostra fino a venerdì, esprimono vari linguaggi espressivi, anche sperimentali, capaci di risvegliare e stimolare i sensi. Quest’anno è il caso dell’artigiano, come piace definirsi, Fabrizio Verniani e del pittore Marcello Podestà, montignosino: due artisti di pregio ma umili nel rapporto con gli altri. Verniani, fiorentino, che ha già esposto nel 2015 per «La via dell’arte», ha arricchito la pinanoteca del Comune con tre opere, le stesse che lo hanno reso famoso nel mondo. Il pannello copia è visibile di fronte a Villa Schiff. A Podestà, profondo conoscitore del territorio e del percorso sulla vecchia via Francigena, è stata affidata la rappresentazione della «Legenda», la cui copia è posta all’inizio de «La via dell’arte» (l’originale è all’interno di Villa Schiff). Un qualcosa di diverso dagli altri artisti partecipanti, un riconoscimento meritato al suo profondo lavoro di ricerca e alla sua arte pittorica.


Fondi per le aziende che hanno subito danni

SI APRE il prossimo 31 agosto il bando per la presentazione delle domande da parte delle imprese colpite da eventi calamitosi avvenuti negli anni 2013, 2014 e 2015. La presidenza del Consiglio dei ministri ha assegnato alla Toscana le risorse per 22 milioni di euro per far fronte alle richieste delle imprese. I contributi, concessi sotto forma di finanziamento agevolato assistito da garanzia statale, sono rivolti alle imprese private che operano in tutti i settori di attività ad eccezione di quello agricolo, colpite, per quanto riguarda la nostra zona, dall’alluvione del novembre 2014. Saranno interessate le imprese che non abbiano cessato la propria attività al momento della presentazione della domanda, che abbiano presentato al al Comune di competenza la scheda «C» di accertamento danni e che abbiano sede legale od operativa nei Comuni interessati dagli eventi calamitosi. GLI EVENTI calamitosi cui fa riferimento il bando sono quelli accaduti nel triennio 2013-2015, ed in particolare: il maltempo di marzo 2013 in alcuni comuni delle province di Arezzo, Firenze, Livorno, Lucca, Massa Carrara, Pistoia e Prato; gli eccezionali eventi meteorologici verificatisi nei giorni 20, 21 e 24 ottobre 2013 nel territorio regionale; gli eventi meteorologici che nei giorni 19 e 20 settembre 2014 hanno colpito il territorio delle province di Firenze, Lucca, Pisa, Pistoia e Prato; le eccezionali avversità atmosferiche che hanno colpito il territorio delle province di Grosseto, Livorno, Massa Carrara e Pisa nei giorni dall’11 al 14 ottobre 2014 ed il territorio delle province di Lucca e Massa Carrara nei giorni dal 5 al 7 novembre 2014; gli eccezionali eventi alluvionali verificatisi nel periodo dal primo gennaio all’11 febbraio 2014 in tutta la regione; gli eventi meteorologici che nei giorni 24 e 25 agosto 2015 hanno colpito il territorio della provincia di Siena; le eccezionali avversità atmosferiche che il 5 marzo 2015 hanno colpito il territorio delle province di Firenze, Arezzo, Lucca, Massa Carrara Prato e Pistoia. IL CONTRIBUTO, che prevede un limite massimo di 450mila euro, servirà per risarcire il ripristino strutturale e funzionale dell’immobile nel quale ha sede l’attività d’impresa, per macchinari e attrezzature dell’impresa danneggiati e per l’acquisto di scorte di materie prime, semilavorati e prodotti finiti danneggiati o distrutti e non più utilizzabili.


L’ASSESSORE alla cultura Mauro Fiori ha elogiato il valore dell’iniziativa che coinvolge non solo Palazzo Ducale, ma anche il Castello Malaspina, Villa Cuturi e lo spazio espositivo del Cinquale.
I pittori in mostra
LA COLLETTIVA sarà inaugurata domenica al Castello Malaspina. Sono stati selezionati 23 artisti che fanno parte del panorama nazionale e internazionale, ma anche del territorio apuano.
di MONICA LEONCINI GLI ARTISTI sono pronti, le suggestive location sono allestite, perchè ormai ci siamo. Sta per prendere il via la seconda edizione della Biennale d’arte contemporanea di Massa e Montignoso, organizzata dall’Accademia della Torre. Una manifestazione che si ripete, visto il successo del 2015, quando aveva attirato migliaia di visitatori e riscosso consensi. Obiettivo portare buona arte in città e far conoscere la buona arte del nostro territorio. La kermesse si articola in mostre collettive e personali, nei comuni di Massa e di Montignoso, nel periodo dal 5 agosto e al 15 settembre. Le location individuate per le mostre personali, in accordo con le amministrazioni comunali, sono molto suggestive e prestigiose. Opere saranno esposte a Palazzo Ducale, Villa Cuturi e nello spazio espositivo comunale al Cinquale. La sede della mostra collettiva invece è il Castello Malaspina di Massa. Sono stati selezionati 23 artisti contemporanei fra pittori, scultori, artisti di temi concettuali, arte fotografica e digitale, che esporranno le loro opere più belle (nella foto). La manifestazione, lo ricordiamo, vede come direttore artistico Giammarco Puntelli, che da vent’anni lavora nel mondo dell’arte e ha al suo attivo 242 mostre e una decina di direzioni artistiche. Docente, ricercatore, storico e critico d’arte riesce a unire mondi diversi come l’arte, la psicologia, la letteratura, la scienza. Arte ma non solo, sono molti gli eventi in programma. Si comincia il 9 agosto alle 21, con la presentazione del libro fantasy «L’Oscura armata di Asafe» di Micol Giusti al Castello Malaspina, il 13 agosto del libro edito da Giorgio Mondadori «L’Arte in cucina», ideato dal maestro Domenico Monteforte e curato dal giornalista e scrittore Alberto Sacchetti a Villa Cuturi. Appuntamento successivo il 20 agosto con il libro edito da Giorgio Mondadori «Il labirinto dell’Ipnotista» di Giammarco Puntelli, sempre a Villa Cuturi, mentre il 23 agosto «Io e le Noir» di Gennaro Di Leo al castello Malaspina. Si andrà avanti il 25 agosto con un dibattito sull’arte nel parco dello spazio espositivo di Cinquale e con presentazione del libro «L’arse argille consolerai» di Nicola Coccia, vincitore del premio nazionale Carlo Levi 2016. Il 6 settembre ci sarà la presentazione del libro «Spin» di Laura Olimpia Salvatore al Castello Malaspina. Il 10 settembre invece ci sarà l’evento finale al Castello Malaspina, con la sfilata di moda a cura della Scuola d’alta moda di Cristina Bertuccelli e la consegna dei premi della Torre di Castruccio a tre importanti pesonaggi. A condurre gli incontri ci penserà la giornalista, nostra collaboratrice, Laura Sacchetti.

Villa Cuturi e Palazzo Ducale Le location per oltre venti artisti

GLI APPASSIONATI di arte contemporanea non devono più aspettare: è partito il conto alla rovescia per le inaugurazioni delle mostre della seconda edizione della Biennale d’Arte contemporanea di Massa e Montignoso. Gli obiettivi delle mostre sono ambiziosi: promuovere i talenti dell’arte contemporanea e incentivare i territori a sostenere le nuove tendenze artistiche. La prima inaugurazione è fissata per sabato alle 19, allo spazio espositivo del Cinquale, con l’apertura della personale del maestro Pietro Del Corto, che si chiuderà il 10 settembre. Nella stessa giornata ci si sposterà a Villa Cuturi, a Marina di Massa, con l’inaugurazione della mostra del maestro Edmondo Nardini, con buffet e degustazione di vini di qualità, che invece terminerà il 23 agosto. Domenica invece sarà inaugurata la collettiva al Castello Malaspina, alle 21 e al termine è previsto un brindisi con tutti gli ospiti. Questi gli artisti che esporranno nelle sale del castello: Franca Reivella, Armand Xhomo, Chico Molo, Alessandro Trani, Mafalda Pegollo, Giovanni Masuno, Libuse Babakova, Emanuela De Franceschi, Gino Dalle Luche, Stefano Abelli, Enrico Cesaro, Oksana Kuplovska, Lorenzo Marchetti, Gemma Spada, Valentina Cipolla, Lara Borghetti, Monica Della Bona, Mattia Cauzzi, Pierluigi Concheri, Marianna Tesconi, Franco Cappelli, Rosy Maccaronio, Natalina Bonini. La collettiva andrà avanti fino al 10 settembre. Ma non finisce qui, il dieci agosto, alle 21, saranno inaugurate, a Palazzo Ducale, le mostre personali di Luciano Preti, Italo Duranti e Domenico Conforte, che si concluderanno il 15 settembre. Sarà possibile visitare gli allestimenti tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle 21 alle 24. La mostra a Villa Cuturi sarà aperta anche negli orari di ufficio: da lunedì a giovedì dalle 8,45 alle 12,45 e dalle 18 alle 23; dal venerdì alla domenica dalle 9 alle 12 e dalle 18 alle 24. Tanti gli sponsor che hanno reso possibile l’organizzazione dell’evento. L’arte, alla Biennale, fa rima col volontariato. L’accoglienza alle mostre infatti sarà curata dagli studenti del liceo linguistico Pascoli e del liceo musicale di Lucca, ma anche dai volontari della Vab. M.L.

L’impegno di tutto lo staff «Quel che conta è la squadra»
Volontari e studenti del Pascoli si occuperanno dell’accoglienza
La voglia di Puntelli di coniugare mondi paralleli
PUNTELLI, nato a Roma, si è formato anche all’estero. Tra le altre cose, è stato direttore artistico di tre eventi all’Expo di Milano e dell’evento d’arte di fine Giubileo a Roma. E’ da poco uscito il suo secondo saggio pubblicato Editoriale Giorgio Mondadori, che gli ha dedicato una linea editoriale con una serie di libri.
DA SOLI non si va da nessuna parte, quel che conta è la squadra. Lo sanno bene gli organizzatori della Biennale che si sono impegnati molto per creare un cartellone di eventi. «La qualità degli artisti che fanno parte del percorso è ottima – ha esordito Gianni Lorenzetti, presidente della provincia e sindaco di Montignoso in conferenza stampa –, per me ospitare la Biennale è motivo di orgoglio e opportunità per il territorio. L’arte è un modo per creare turismo e ricchezza, per sentirsi meglio». «Questa nuova edizione – ha aggiunto l’assessore Mauro Fiori – si inserisce in un percorso che coinviolge non solo Palazzo Ducale». L’organizzazione è stata lasciata ad Alberto Sacchetti. «I nostri obiettivi sono molti – ha detto –, vogliamo portare sul territorio gli artisti e promuovere talenti nel campo dell’arte, unire arte e turismo. Vogliamo anche creare un polo d’arte contemporanea. L’aiuto degli sponsor è stato fondamentale, ci sostengono in maniera significativa anche tante attività locali, volontari e giovani. Da soli non si va da nessuna parte, quello che conta è il gruppo». La parola è passata poi a Giammarco Puntelli, direttore artistico, che ha passato in rassegna tutti gli artisti in mostra, descrivendo le loro caratteristiche. «Massa è un polo importante, una vetrina importante – ha aggiunto –, la Toscana è molto esigente coi suoi artisti, io condivido gli intenti degli altri e ringrazio Laura Sacchetti che si è data molto da fare. Porteremo a Massa e Montignoso buona arte, sarà bello per i visitatori riappropriarsi della città. I lavori esposti sono tutti degni di essere visitati». E anche il sindaco di Massa è soddisfatto dell’inziativa. «La Biennale è importante – ha detto a margine dell’incontro –, consolida un’esperienza già fatta in passato, che viene ripetuta visto il radicamento sul territorio. Si inserisce in una riflessione sull’arte contemporanea che ci sta molto a cuore, senza dimenticare le ripercussioni positive sul turismo». Monica Leoncini

Tornano gli incontri a spasso nella storia nel nostro centro
A SPASSO nella storia, la rassegna riprende nuove conferenze itineranti promosse da un gruppo di associaizoni culuturali. I nuovi appuntameneti per il mese di agosto riprenderanno venerdì 18 alle 21, da piazza Accademia con la passeggiata carrarina con Mario Venutelli.

Michele Chiossi a Palazzo Binelli: «Subabastraction»
A PALAZZO Binelli rimarrà aperta fino all’11 agosto la mostra di Michele Chiossi. L’esposizione è stata organizzata dalla Fondazione CrC e da Nicola Ricci. Michele Chiossi in «Carrara subabastraction» ha scelto di presentare una nuova serie di lavori in cui ha accorpato marmo e pizzo.

Nuovi orari fino al 27 agosto per il Museo Guadagnucci
IL MUSEO Gigi Guadagnucci alla Rinchiostra, fino al 27 agosto, resterà aperto (ingresso libero) nei giorni di venerdì, sabato e domenica, in orario 19.30-23. Informazioni allo 0585 490279 o 049732.

Pagina 10 di 344

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree