patrocinio comune


cosmave centro servizi

 

Le altre testate (243)

http://www.lettera43.it/cronaca/carrara-frana-alle-cave-di-marmo-due-operai-dispersi_43675242101.html

 

http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2016/04/14/ASYy7bMC-carrara_crollo_operai.shtml

Carrara, frana un costone da una cava: due operai dispersi e uno salvato
Il dramma nel primo pomeriggio. I cavatori caduti da 30 metri trascinati dai massi. Un terzo sospeso nel vuoto recuperato dai soccorritori. Malori per altri lavoratori.

Cgil: "C'è sempre più paura". Rossi sta andando sul luogo della tragedia

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2016/04/14/news/carrara_crollo_in_una_cava_sotto_ci_sono_degli_operai-137624468/?ref=HRER1-1

 

 

 

 

Fonte: http://www.informazione.it/c/DACE1338-1F56-412F-A5AB-D15087F8459A/Marmo-Furrer-per-il-restauro-Four-Season-Hotel-a-Firenze

Furrer SpA Carrara contribuisce al restauro di Four Season Hotel Fireze fornendo tre tipi di marmi, il Bianco Carrara Campanili, il marmo Verde Aver e il amrmo Giallo Siena.

http://www.furrer.it
Massa, 11/04/2016 - 18:10 (informazione.it - comunicati stampa - arte e cultura) Il marmo, pietra naturale con qualità tecniche di resistenza e durevolezza uniche, ma soprattutto di forte impatto estetico, un materiale di un’inconfondibile distinzione prediletto dai più esigenti architetti per abbellire ambienti, dare eleganza e distinzione a progetti e per accrescere il valore del design e delle strutture. Dai pavimenti alle scale in marmo, da rivestimenti di pregio a oggetti decorativi, il marmo bianco di Carrara rappresenta una scelta di eleganza e stile, originalità e ricercatezza.

Per la ristrutturazione del Four Seasons Hotel di Firenze, un luogo denso di arte, storia e stile, sono stati scelti marmi italiani esclusivi come il Bianco Carrara Campanili, il marmo Verde Aver e Giallo Siena – tre materiali che si contraddistinguono per la loro bellezza, lucentezza ed eleganza - tutti forniti da Furrer Carrara, storica azienda di estrazione e lavorazione del marmo in Toscana.
Marmo Furrer per il restauro Four Season Hotel a Firenze
Il marmo Bianco Carrara Campanili è uno dei marmi più ricercati e pregiati nella storia, grazie alle sue caratteristiche tecniche ed estetiche uniche, ottimo per la realizzazione di eleganti pavimenti e lavorati speciali. Il Verde Aver è una pietra naturale decorativa, contraddistinto dal suo colore verde intenso, facilmente combinato con altri marmi chiari per effetti estetici unici. Il marmo Giallo Sienno invece è uno dei materiali lapidei di provenienza italiana più pregiati in assoluto: il suo intenso colore giallo è attraversato da importanti venature più chiare, un ottimo marmo per la realizzazione di pavimenti, mosaici, scale, rivestimenti e decorazioni in generale.

Lo splendido restauro rinascimentale dell’hotel Four Season a Firenze è teatrale: oltre l’impiego di pregiati marmi per le pavimentazioni e i bagni, sono state usate carte da parati cinesi dipinte a mano, opere d’arte del tardo barocco per arricchire ulteriormente i già splendidi ambienti e pregiati dettagli architettonici.

Per maggiori informazioni sul progetto Furrer e sui marmi usati, visitate il sito ufficiale Furrer SpA Carrara a www.furrer.it

 

Allarme cave in Abruzzo: Distrutto patrimonio archeologico oltre ad uno stato di irreparabile degrado del paesaggio.

E’ la denuncia del Comitato Abruzzese per il paesaggio e dell’Archeoclub che da 30 anni conduce una dura battaglia su questo fronte.
Le prime denunce nel 1987 quando venne scoperta una necropoli italica composta di almeno una ventina di tombe, in località Santa Spontanea di Rapino, all’interno di una cava. Necropoli andata distrutta, così come nel 1991 andò distrutta la grotta preistorica degli orsi volanti a causa di uno sconfinamento di una società concessionaria per attività estrattiva di materiale inerte. Nel ’98 l’Archeoclub inviò una sorta di diffida all’allora assessore regionale Angelo Tontodimamma per fronteggiare il fenomeno delle continue violazioni ai termini e limiti delle concessioni da parte dei cavatori. Appello finito nel vuoto tanto che venne presentato un secondo esposto in Procura, a Chieti, nell’aprile del 1999 nella quale si segnalava l’uso di esplosivi particolarmente pericolosi che aveva determinato la distruzione parziale della grotta degli orsi volanti, che in tutte le cave si erano registrati sconfinamenti e che non venivano mai eseguiti i risanamenti ambientali. Dopo ulteriori denunce anche alla stampa degli scempi provocati dalle cave della Majella nel novembre del 1999 finalmente il primo sequestro da parte del Corpo Forestale dello Stato. Nel 2003 le due società concessionarie firmano un accordo nel quale si stabilisce il termine dei 5 anni per la conclusione delle loro attività. Intanto altri esposti ed altre denunce, un Piano Cave regionale che stenta ad essere approvato ed attività estrattive scadute che vanno avanti per prorogatio, per arrivare ai giorni nostri con i sigilli del Corpo Forestale dello Stato sull’ennesimo presunto caso di sconfinamento di una cava nel territorio di Rapino che minaccia seriamente un’altra grotta preistorica, quella del Colle. Intanto un appello é stato lanciato al sottosegretario regionale cond elega all’ambiente Mario Mazzocca affinchè si giunga ad una decisa svolta nella gestione del problema generale delle cave

http://www.rete8.it/cronaca/123allarme-cave-in-abruzzo-distrutto-patrimonio-archeologico/

CAMPORGIANO - Sarà un investimento di 5 milioni di euro quello messo in campo dalla nuova società Apuana Lavorati per realizzare una importante segheria del marmo in Località Isola di Roccalberti nel comune di Camporgiano proprio sulla strada che porta a Vagli.
8 aprile 2016
http://www.noitv.it/

 

Testa marmo Ottaviano torna da Bruxelles a museo Nepi

Rubata negli anni '70 sarà in mostra da maggio

Marmo, l’export vola ma il settore litiga

Non conosce crisi il marmo delle cave dove Michelangelo sceglieva i blocchi per le sue opere.
Fonte: ANSA

Leggi questo articolo su: http://www.gonews.it/2016/04/06/marmo-lexport-vola-ma-il-settore-litiga/

Martedì 29 Marzo 2016
La ricognizione potrà servire per una pianificazione più precisa. In Liguria sono 65 le imprese che operano nel settore estrattivo
Al via il censimento delle cave in Liguria
Una fotografia aggiornata delle cave attive e non in Liguria, per avere un'idea precisa del settore e poter predisporre al meglio il prossimo Piano Territoriale delle attività estrattive. Sono questi i termini dell'intesa siglata da Regione Liguria e Confindustria che partirà nelle prossime settimane con una ricognizione sulle 65 imprese che operano nelle cave liguri.
"In Liguria manca un Piano Cave, che è uno strumento fondamentale", ha commentato l'assessore alla pianificazione territoriale Marco Scajola. "Grazie all'accordo Confindustria ci farà una mappatura gratuita di quella che è la situazione tecnica e le problematiche relative".

http://www.regione.liguria.it/

Pagina 23 di 25

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree