patrocinio comune

0

Nuovo appuntamento con i documentari d’arte con la proiezione di Canova

Luglio 06th, 2020
Venerdì 10 luglio alle ore 18:30, un nuovo appuntamento con i ...
0

Il Museo del marmo di nuovo visitabile

Luglio 06th, 2020
La Nazione CULTURA Dopo la pandemia ha riaperto i battenti allo ...
0

Export del marmo in picchiata perché i clienti non possono più venire a toccarlo

Luglio 03rd, 2020
Il settore lapideo come il turismo: lo stop ai voli lo manda in ...
0

Riprende al MuSa il format "Conversazione con l'artista". Protagoniste Flavia Robalo e Veronica Fonzo de La Polveriera

Giugno 29th, 2020
Venerdì 3 Luglio 2020 a partire dalle ore 18:30 presso MuSA - Via ...
0

Le opere di Viale fanno già incetta di like e selfie

Giugno 25th, 2020
La Nazione PIETRASANTA Se anche la mostra avrà lo stesso successo ...
0

FASE 3 Cosa ci lascia di positivo l'emergenza COVID-19?

Giugno 12th, 2020
Dopo l’esperienza storica ed inedita del lockdown, le aziende cercano ...
0

Obbligo di trasparenza sulle erogazioni pubbliche - Segnalazione di Cosmave

Marzo 09th, 2020
Ai sensi dell'art.35, decreto n. 34 del 30.04.19, si segnalano i ...


cosmave centro servizi

 

The Latest

La Nazione


L’associazione ha donato sei telemetri che permettono ai pazienti di spostarsi in reparto senza stare a letto
CARRARA La fase più nera dell’emergenza Covid è ormai alle spalle, ma l’impegno della Fondazione Marmo sul nostro territorio non si ferma. Ecco allora che ieri, su richiesta del reparto di Cardiologia del Noa, la Fondazione ha donato sei telemetri, nuovi dispositivi che, usando le connessioni wi-fi, consentono di monitorare costantemente le funzioni vitali di altrettanti pazienti senza costringerli a stare a letto. Questi apparati, grandi come un comune smartphone, rendono possibile il tracciamento continuo dei pazienti che così si possono spostare all’interno del reparto.

La kermesse del marmo approda in città

La Nazione

Ricco menù di eventi, dal teatro alla lirica, passando per le letture di romanzi. Il centro storico si prepara alla grande festa
CARRARA Non solo Marble Café, White Carrara Downtown è itinerante. Il Marble Café di “White Carrara Downtown” diventa itinerante: le location previste per gli appuntamenti del salotto letterario cittadino saranno piazza Alberica, l’Accademia di belle arti e il giardino di palazzo Binelli, dove si alterneranno le numerose occasioni di incontro e di intrattenimento del festival diffuso organizzato dal 18 al 26 luglio da Imm Carrarafiere. Saranno molti gli appuntamenti da vivere nelle gradevoli serate estive di questo mese, a iniziare dalla danza con “Motus marmoris – Omaggio ad Antonio Canova” una produzione originale con coreografie di Damiano Artale, grazie alla quale La Danzatrice, Orfeo, Euridice e Perseo, fra le più celebri sculture in marmo di Carrara dello scultore Canova, prenderanno vita danzando. Le rappresentazioni andranno in scena ogni sera dal 20 al 25 luglio, a partire dalle 20 e fino alle 22, con alternanza degli spettacoli sulle tre location. Agli appassionati di lirica il Marble café offrirà magnifiche “Pillole d’opera” da ascoltare nella splendida cornice del giardino di Palazzo Binelli, ma anche nella bellissima Piazza Alberica.

Sulle chiese la storia in videoproiezione

La Nazione

Il festival diffuso propone un caleidoscopio di immagini che ricordano le edizioni passate e le bellezze del territorio
CARRARA Videoproiezioni in contemporanea mondiale, coinvolte le facciate di Chiesa del Carmine e Duomo. White Carrara downtown, il festival diffuso dedicato al marmo e organizzato da Imm Carrarafiere con partner istituzionale il Comune di Carrara farà risplendere di nuove luci anche la Chiesa del Carmine, il palazzo dell’Antica Drogheria Riacci in Corso Rosselli e il Duomo di Sant’Andrea. Sarà sulle loro facciate che potremo ammirare ogni sera, fra il 18 e il 26 luglio, le videoproiezioni allestite nell’ambito dell’evento, un perfetto caleidoscopio di immagini per evidenziare la bellezza e la storia della città e del suo territorio sia ricordando le precedenti edizioni di White Carrara che raccontando il primato dell’arte scultorea celebrato con il Museo Carmi, ovvero Museo Carrara e Michelangelo, dedicato non a caso all’artista icona indiscussa del Rinascimento, che ha lasciato un segno indelebile nella storia della città.

Il Tirreno

al noa

La Fondazione Marmo ha donato al reparto di Cardiologia dell'ospedale Apuane sei telemetri, nuovi dispositivi che, usando le connessioni wi-fi, consentono di monitorare costantemente le funzioni vitali di altrettanti pazienti senza costringerli a stare a letto. Questi apparati, grandi come uno smartphone, rendono possibile il tracciamento continuo dei pazienti che così si possono spostare all'interno del reparto.

NEL PIANETA MARMO IL MENU È DELUDENTE

La Nazione

I mesi passano e come scrivono i Medici per l'ambiente, delle bonifiche non si sa più niente, a parte il fatto che solo una minima parte dei territori inquinati sono stati sistemati. Aspettiamo anche noi fiduciosi che prima o poi qualcuno si decida a rendere questa provincia marginale e maltrattata un po' più vivibile. Gli annunci non mancano, a dar retta alle magnifiche sorti e progressive di cui si è parlato negli ultimi decenni dovremmo essere in un eden, purtroppo la dura realtà è ben diversa, dalle barriere antirumore sull'autostrada in zona via Puliche al Lavello tutto è soggetto a rinvii. Vedremo se sul ponte di Albiano e sul mitico Raddoppio della Pontremolese per il quale stanno arrivando milioni a pioggia (a meno che non siano soldi "raccontati", come diceva un amico) ci saranno fatti concreti.Qualche parola è d'obbligo anche sul regolamenti degli agri marmiferi. Massa lo tiene ancora in stand by, dopo 92 anni; a Carrara i 5 Stelle ne hanno approvato una nuova versione. Il dibattito fra "quelli di prima" e l'attuale monocolore è stucchevole. Il centrosinistra carrarese ha avuto tutto il tempo per varare una propria versione e non ne è stato capace. 

(continua a leggere su La Nazione)

Il Tirreno

A parte 4 siti estrattivi, gli altri 80 circa hanno ancora concessioni livellarie estensi: si preannuncia un superlavoro
Pianeta cave: la prima gara potrebbe arrivare tra un paio di anni, a fine 2022; per tutte le altre bisognerà spostare l'asticella - salvo sorprese - a partire dal 2029 fino al 2041, a seconda delle premialità.Stiamo parlando del regolamento degli agri marmiferi comunali, testo fresco di approvazione in consiglio comunale la scorsa settimana, non senza polemiche e attimi di tensione con la manifestazione di varie associazioni sotto palazzo civico per dire "no" all'approvazione.Concessioni "moderne" e "livellarie".La prima distinzione per districarsi tra i commi riguarda quella manciata di attività estrattive che godono di una concessione "moderna": tradotto, ci riferiamo a quelle rilasciate dal Comune e che hanno una «scadenza naturale» prefissata con l'atto. Sarebbero quattro: cava 56 Battaglino C (concessione ventennale rilasciata nel 2002), cava 61 Valpulita (scadenza nel 2037), cava 109 Finestra B (scadenza nel 2037) e cava numero 2 Boccanaglia A (scadenza nel 2039). E così, mentre per la prima, con scadenza ormai prossima, si potrebbe aprire potenzialmente la strada della gara, le altre tre con scadenza tra 17 e 19 anni saranno allineate, da normativa (comma 9 dell'articolo 21 del regolamento), alla data che sembra destinata a ridisegnare il mondo marmifero a suon di gare, secondo il nuovo testo, per una buona fetta di attività: quella del 2041.Vediamo perché. Al di là di questa manciata, infatti, tutte le altre (circa 80) lavorano sulla base di "concessioni livellarie" estensi che decadranno in data 31 ottobre 2023, a 7 anni cioè dal 31 ottobre 2016, come sancito dalla legge regionale 35 del 2015.

Pagina 1 di 862

La foto notizia

Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti
Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti

Domenica 22 settembre terzo appuntamento della stagione con il ciclo “Dal virtuale al reale”. La visita guidata prevede una prima sosta al MuSA per poi proseguire al Museo dei Bozzetti. Al MuSA visita alla Collezione “Capitani Coraggiosi”, una selezione di opere in gesso provenienti dal Comune di Pietrasanta e concesse in prestito. La selezione fa parte del progetto “Il museo diffuso”, con il quale il Comune, ricercando contenitori sul territorio che ospitino piccole sezioni del museo con bozzetti a tema con il luogo, rende fruibile la sua imponente collezione. Proiezione del documentario in multiproiezione “La voce del marmo“, il film documentario che ripercorre la storia dell’estrazione del marmo nell’area Apuo-versiliese, da Michelangelo fino ai giorni nostri. A seguire, dopo una breve passeggiata visita al Museo dei Bozzetti, un’istituzione unica nel suo genere, nata nel 1984 con l’intento di documentare l’attività degli artisti. Ubicato in un contesto storico-religioso di prestigio, l’istituto raccoglie e ospita 700 bozzetti di sculture di oltre 350 artisti che hanno scelto i laboratori di Pietrasanta e della Versilia per realizzare le proprie opere. Una passeggiata tra viaggio tra le creazioni della scultura contemporanea di tutto il mondo, un percorso alla scoperta del prezioso lavoro degli artigiani. www.museodeibozzetti.it La visita guidata avrà inizio al MuSA in Via Sant’Agostino 61 (angolo Via Garibaldi) alle 17.00, proseguirà al Museo dei Bozzetti in Via Sant’Agostino 1 alle 18.00 e terminerà intorno le 18.45. L’ingresso è gratuito, è gradita la prenotazione PRENOTA QUI DAL VIRTUALE AL REALE | Dal MuSA al Museo dei Bozzetti I campi contrassegnati con * sono obbligatori. Visita "virtuale" al MuSA e a seguire visita "reale" al Museo dei Bozzetti Domenica 22 settembre - dalle 17.00 alle 19.00

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree