patrocinio comune

0

Confindustria Massa Carrara: "Perché Legambiente sbaglia"

Agosto 06th, 2020
Il Piano regionale cave prende atto della realtà, nessuna cessione a ...
0

Analisi chimiche dei rifiuti da conferire per gli associati

Agosto 06th, 2020
Ilaria Paolicchi, responsabile del laboratorio di Chemical Controls ...
0

Verona scegli Cosmave per presentare la fiera alle aziende toscane

Agosto 06th, 2020
Marmomac, la fiera di Verona, sceglie Cosmave e il MuSa per ...
0

FASE 3 Cosa ci lascia di positivo l'emergenza COVID-19?

Giugno 12th, 2020
Dopo l’esperienza storica ed inedita del lockdown, le aziende cercano ...
0

Obbligo di trasparenza sulle erogazioni pubbliche - Segnalazione di Cosmave

Marzo 09th, 2020
Ai sensi dell'art.35, decreto n. 34 del 30.04.19, si segnalano i ...


cosmave centro servizi

 

The Latest

Il Tirreno

Traffico in tilt e, per fortuna, nessun ferito. Il precedente: un tir aveva perso il carico di "bianco" alla rotatoria di Turigliano
Sfiorata la tragedia sull'Aurelia dopo che un blocco di marmo di circa trenta tonnellate ha spezzato in due il rimorchio su cui era caricato. Per fortuna non ci sono stati danni a persone o cose. Solo tanta paura tra gli automobilisti in transito. È successo attorno alle undici di ieri mentre il mezzo pesante usciva dal deposito della ditta Greta Marmi, subito dopo la rotatoria dei marmi, nella zona della ex cementeria per intenderci. Per fortuna non ci sono state vittime, ma avrebbero potuto esserci se il rimorchio non avesse ceduto in quel preciso istante e in quel preciso luogo.

Il maxi carico è rimasto in bilico
La fortuna ha voluto che il maxi carico del camion, che ier ii mattina ha letteralmente fiaccato il rimorchio, sia rimasto in bilico. Non si è spostato di un millimetro. Non è caduto a terra.

Il Tirreno

Un volo di oltre trenta metri, giù dai ponti di Vara. Un incidente la cui dinamica è ancora tutta da ricostruire, al vaglio di chi ha compiuto i primi accertamenti del caso, e una donna di 41 anni che, al volante del suo carroatrezziui è praticamente rimasta illesa. Solo una ferita alla testa e alcune lesioni non gravi: la vegetazione e gli alberi della scarpata sotto il ponte hanno, di fatto, attutito il suo volo. Lo stesso mezzo, al cui volante era la donna, l'ha protetta facendo in modo che il suo impatto con il suolo non fosse particolarmente violento.

Il Tirreno


Intanto domani nuovo incontro con il presidente della Regione Enrico Rossi. I sindacati basta finanziamenti senza progetti
«Dare altri finanziamenti alla Imm, senza progetti validi nel medio periodo, non risolverà alcun problema; potrebbe rappresentare un danno erariale». Molti i messaggi condensati nel lungo comunicato sulla questione Imm sottoscritto dalle segreterie provinciali di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs e "sostenuto" anche da oltre i due terzi dei dipendenti. «La Imm attraversa una gravissima crisi finanziaria (si parla di 8,2 milioni di euro di perdite) che nasce ben prima del Covid e che non si può giustificare solo in base allo stop della Corte dei Conti a eventuali rifinanziamenti regionali. Dopo due anni di richieste andate a vuoto, le organizzazioni sindacali hanno ottenuto il 29 luglio un invito dal vicesindaco Matteo Martinelli a partecipare a un incontro con tutti i lavoratori e la dirigenza (Fabio Felici, presidente e Luca Figari, direttore) incontro che si è risolto in un nulla di fatto, con uno scarico di responsabilità vergognoso.

Il Tirreno

Seravezza «I provvedimenti legislativi regionali in materia di cave e lapidei approvati dal 2014 in poi e gli strumenti di programmazione regionale come il piano cave sono stati essenziali per tradurre nei fatti nostre richieste storiche». È quanto si legge in una nota di Fillea Cgil Toscana, Lucca e Massa Carrara che si dice convinta che «gli interventi normativi regionali, dalla legge sulle cave al piano cave, abbiano avuto l'obiettivo di trovare il difficile equilibrio tra ambiente e lavoro; in molti devono capire che dietro all'escavazione c'è il lavoro, c'è il sostentamento delle famiglie

La Nazione


L’opera «Give» è stata presentata ieri a Firenze, in autunno sarà donata al Comune di Pietrasanta

FIRENZE Le sue enormi mani bianche che tre anni fa uscivano dal Canal Grande erano già un grido di allarme contro i cambiamenti climatici. Adesso, i palmi uniti, altrettanto candidi, a raccogliere una pianta d’olivo, sono un altro forte richiamo al rispetto dell’ambiente. La scultura di Lorenzo Quinn, “Give“ è da ieri esposta nel Giardino di Boboli.

La Nazione


Per farsi un selfie, turista urta ‘Paolina Borghese’ e poi scappa Rintracciato grazie alle telecamere. Il pentimento: «Pagherò i danni»
TREVISO Prima il peccato (o la scemenza). Poi la paura. Infine il pentimento. Un intreccio di sentimenti, chiamiamoli così, per il maldestro protagonsita di un selfie se non inutile certamente dannoso. Vittima Paolina Borghese parte, opera dell’immortale scultore Antonio Canova. Il turista si è fotografato e ha moncato l’alluce della bellezza. Consapevole dello scempio fatto, il turista austriaco è fuggito pensando di averla fatta franca, ma è stato però individuato e denunciato dai carabinieri. I filmati a circuito chiuso della Gipsoteca di Possagno (Treviso) lo hanno inchiodato: le immagini mostrano chiaramente che l’uomo, un 50enne di Aistersheim, alcuni giorni fa si era sdraiato a fianco di ’Paolina Borghese’ (che lo scultore aveva realizzato tra il 1804 e il 1808) e dopo la foto si è alzato urtando con il proprio piede quello della statua in gesso, rendendolo monco dell’alluce e parte di altre due dita. Poi, facendo finta di nulla, si è allontanato. Il danno non è stato ancora quantificato dalla direzione della Gipsoteca, ma non dovrebbe essere di grande entità.

Pagina 5 di 902

La foto notizia

Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti
Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti

Domenica 22 settembre terzo appuntamento della stagione con il ciclo “Dal virtuale al reale”. La visita guidata prevede una prima sosta al MuSA per poi proseguire al Museo dei Bozzetti. Al MuSA visita alla Collezione “Capitani Coraggiosi”, una selezione di opere in gesso provenienti dal Comune di Pietrasanta e concesse in prestito. La selezione fa parte del progetto “Il museo diffuso”, con il quale il Comune, ricercando contenitori sul territorio che ospitino piccole sezioni del museo con bozzetti a tema con il luogo, rende fruibile la sua imponente collezione. Proiezione del documentario in multiproiezione “La voce del marmo“, il film documentario che ripercorre la storia dell’estrazione del marmo nell’area Apuo-versiliese, da Michelangelo fino ai giorni nostri. A seguire, dopo una breve passeggiata visita al Museo dei Bozzetti, un’istituzione unica nel suo genere, nata nel 1984 con l’intento di documentare l’attività degli artisti. Ubicato in un contesto storico-religioso di prestigio, l’istituto raccoglie e ospita 700 bozzetti di sculture di oltre 350 artisti che hanno scelto i laboratori di Pietrasanta e della Versilia per realizzare le proprie opere. Una passeggiata tra viaggio tra le creazioni della scultura contemporanea di tutto il mondo, un percorso alla scoperta del prezioso lavoro degli artigiani. www.museodeibozzetti.it La visita guidata avrà inizio al MuSA in Via Sant’Agostino 61 (angolo Via Garibaldi) alle 17.00, proseguirà al Museo dei Bozzetti in Via Sant’Agostino 1 alle 18.00 e terminerà intorno le 18.45. L’ingresso è gratuito, è gradita la prenotazione PRENOTA QUI DAL VIRTUALE AL REALE | Dal MuSA al Museo dei Bozzetti I campi contrassegnati con * sono obbligatori. Visita "virtuale" al MuSA e a seguire visita "reale" al Museo dei Bozzetti Domenica 22 settembre - dalle 17.00 alle 19.00

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree