patrocinio comune

0

Confindustria Massa Carrara: "Perché Legambiente sbaglia"

Agosto 06th, 2020
Il Piano regionale cave prende atto della realtà, nessuna cessione a ...
0

Analisi chimiche dei rifiuti da conferire per gli associati

Agosto 06th, 2020
Ilaria Paolicchi, responsabile del laboratorio di Chemical Controls ...
0

Verona scegli Cosmave per presentare la fiera alle aziende toscane

Agosto 06th, 2020
Marmomac, la fiera di Verona, sceglie Cosmave e il MuSa per ...
0

FASE 3 Cosa ci lascia di positivo l'emergenza COVID-19?

Giugno 12th, 2020
Dopo l’esperienza storica ed inedita del lockdown, le aziende cercano ...
0

Obbligo di trasparenza sulle erogazioni pubbliche - Segnalazione di Cosmave

Marzo 09th, 2020
Ai sensi dell'art.35, decreto n. 34 del 30.04.19, si segnalano i ...


cosmave centro servizi

 

The Latest


Il sindaco De Pasquale la definisce una "svolta epocale"
L'opposizione frena: gli imprenditori si autocertificheranno
Per il sindaco Francesco De Pasquale si tratta di «una nuova stagione per la gestione del settore lapideo»; di una «svolta epocale», ribadisce in nota poco dopo. Certo, aggiungono da Palazzo civico, dovrà senz'altro fare il paio con l'Osservatorio dei prezzi e per entrare a pieno regime dovrà essere supportata da un regolamento. Dall'opposizione, invece, non vedono svolte, anzi: «stiamo parlando di un'autocertificazione...», fanno notare. Divide la seduta e parte da qui la questione tracciabilità del lapideo dopo l'aggiudicazione dell'appalto (alla seconda gara) da parte di Industrial Software Srl che già gestisce il sistema informatico dell'impianto Miseglia. I tempi d'attuazione? Entro l'estate, dopodiché partirà un periodo di sperimentazione; ciò che è certo che prima di tutto gli uffici comunali dovranno varare un regolamento ad hoc. Si è svolta ieri la commissione politiche per il marmo con al centro il tema della tracciabilità che ha ovviamente "spaccato" la seduta. A spiegare invece nel dettaglio il meccanismo e i suoi passaggi l'ingegner Paolo Giusti (Industrial Software Srl).

Avviata la procedura per l'affidamento di due incarichiper 53mila euro nei due plessi cittadini
Parte la progettazione esecutiva per due importanti interventi su altrettante strutture scolastiche nel Comune di Carrara: la "demolizione e ricostruzione di porzioni degli edifici dell'Istituto per il Marmo Tacca e dell'Istituto Tecnico Zaccagna (Palazzina).Si tratta di due operazioni dal costo complessivo di 7 milioni 662 mila euro (3 milioni 750 mila per il Tacca e 3 milioni 912 mila per lo Zaccagna)


il corso innovativo al tacca
Tredici non vedenti realizzeranno il proprio viso in marmo. Dopo le prime lezioni teoriche all'istituto per ciechi Cavazza di Bologna, il corso di scultura tattile approda nei laboratori del Tacca. Il progetto(nella foto la presentazione) nasce dalla collaborazione tra la sezione territoriale dell'Unione italiana ciechi e ipovedenti di Massa-Carrara, Irifor nazionale, la scuola del marmo e appunto, l'istituto bolognese Cavazza. Sotto la guida dei professori del Tacca, del liceo artistico Gentileschi, dei tutor di entrambe le scuole e dei due artisti non vedenti Felice Tagliaferri e Luigi Turati, gli allievi lavoreranno per una settimana prima la creta e poi il marmo, cercando di modellare il proprio viso. Il risultato finale sarà un busto che vedrà la luce a settembre, dopo altri due weekend estivi dedicati alla scultira. Le tredici opere saranno esposte al festival "Convivere"

FIRENZE IL RESTAURO: DUE ANNI DI LAVORI CON I FONDI DI SALVATORE FERRAGAMO GRAZIE ALL’ART BONUS
FIRENZE DUE ANNI di lavori e un milione e 500mila euro arrivati dalla maison Salvatore Ferragamo tramite art bonus. La rinascita della Fontana del Nettuno in piazza della Signoria, più nota ai fiorentini come «Il Biancone», è stata completata. Un restauro capillare e complesso che ha portato alla riattivazione dell’impianto idrico. I giochi d’acqua saranno quelli voluti dall’Ammannati, che fiorentini e turisti non hanno mai visto. Ieri la presentazione in occasione del capodanno fiorentino, nell’anno in cui si celebrano i 500 anni dalla nascita di Cosimo I, committente dell’opera, e Caterina dè Medici.

Marmo, al via la tracciabilità


Un sofisticato software identificherà ogni blocco che scenderà a valle
Ecco la rivoluzione targata 5 stelle. A quasi due anni dal proprio insediamento l’amministrazione De Pasquale ha presentato in commissione Marmo la prima grande novità per l’intero settore estrattivo: un sistema informatizzato per tenere conto, blocco per blocco, di quanto viene escavato in ogni singola cava. Un progetto a cui in piazza II Giugno si è cominciato a lavorare fin dall’insediamento della giunta grillina e che, dopo rinvii e battute d’arresto, ora è finalmente pronto a entrare in vigore. A curare la realizzazione di quella che nelle intenzioni dell’amministrazione e della maggioranza dovrebbe essere una vera e propria ‘rivoluzione copernicana’ per l’intero pianeta marmo è la ditta Industrial software di Paolo Giusti che da oltre dieci anni gestisce già il sistema che si occupa delle pese comunali e che si è aggiudicata la gara per lo sviluppo e la gestione del sistema per circa 130mila euro.

«Un chiaro stop ai contenziosi»
«DA UNA foto è impossibile stabilire se un blocco sia di prima o di seconda scelta, per questo dovremo ripensare tutte le definizioni che oggi abbiamo per classificare il materiale». A dirlo è il geologo del Comune Giuseppe Bruschi.

«Ora avremo una tariffazione puntuale e non a priori»
«E’ UN PRIMO PASSO verso la normalizzazione della produzione al monte». Soddisfazione del sindaco Francesco De Pasquale. «Quello della tracciabilità è sempre stato per me un problema annoso e oggi mettiamo un punto fermo – ha detto –. Credo che sia un elemento imprescindibile per capire cosa viene scavato e ci permetterà di superare il valore medio di produzione cava per cava che si basava su una stima a priori dell’estrazione. A breve avremo una tariffazione più puntuale e un meccanismo di controllo su una banca dati in continuo aggiornamento. Siamo a una svolta epocale.

LA APP PUBBLICA UN UNICO DATABASE PERMETTERÀ VERIFICHE E ANALISI INCROCIATE
Cavatori con il palmare per registrare e controllare i dati
CONTROLLI incrociati e incentivi per le aziende, sono questi due degli strumenti che dovrebbero garantire il buon funzionamento della tracciabilità anche una volta che il blocco sarà sceso a valle. «I dati raccolti saranno disponibili anche su un’app pubblica dove chiunque potrà verificare quanto dichiarato per ciascun blocco – spiega Giusti –. Chi lo vorrà potrà registrare i dati sulla lavorazione inserendo foto sia nel piazzale che sotto il telaio e il sistema di geolocalizzazione certificherà che il blocco è stato segato in loco.

 

Accademia, Massari indagato

Inchiesta di Corte dei conti e Miur sul conflitto di interessi del direttore

«TROPPI INCARICHI, in palese conflitto fra di loro». Così la Corte dei conti vuole vedere chiaro sulla denuncia presentata negli anni scorsi da Gianni Musetti del centro destra contro Luciano Massari, docente e direttore dell’Accademia di Belle arti nonché direttore artistico e membro del consiglio di amministrazione della società degli Studi d’arte Michelangelo. UN CONFLITTO di interessi che secondo l’accusa avrebbe portato al direttore dell’istituto d’arte un vantaggio di qualche centinaio di migliaia di euro.Numerose manifestazioni per il bene dell’arte


Luciano Massari è stato promotore di numerose inziative per la promozione dell’arte e della città. A lui si deve la presenza di Maurizio Cattelan, fra le kermesse più recenti, che aprì in piazza d’Armi il suo cimitero «Eternity» realizzato con gli studenti dell’Accademia.

La foto notizia

Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti
Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti

Domenica 22 settembre terzo appuntamento della stagione con il ciclo “Dal virtuale al reale”. La visita guidata prevede una prima sosta al MuSA per poi proseguire al Museo dei Bozzetti. Al MuSA visita alla Collezione “Capitani Coraggiosi”, una selezione di opere in gesso provenienti dal Comune di Pietrasanta e concesse in prestito. La selezione fa parte del progetto “Il museo diffuso”, con il quale il Comune, ricercando contenitori sul territorio che ospitino piccole sezioni del museo con bozzetti a tema con il luogo, rende fruibile la sua imponente collezione. Proiezione del documentario in multiproiezione “La voce del marmo“, il film documentario che ripercorre la storia dell’estrazione del marmo nell’area Apuo-versiliese, da Michelangelo fino ai giorni nostri. A seguire, dopo una breve passeggiata visita al Museo dei Bozzetti, un’istituzione unica nel suo genere, nata nel 1984 con l’intento di documentare l’attività degli artisti. Ubicato in un contesto storico-religioso di prestigio, l’istituto raccoglie e ospita 700 bozzetti di sculture di oltre 350 artisti che hanno scelto i laboratori di Pietrasanta e della Versilia per realizzare le proprie opere. Una passeggiata tra viaggio tra le creazioni della scultura contemporanea di tutto il mondo, un percorso alla scoperta del prezioso lavoro degli artigiani. www.museodeibozzetti.it La visita guidata avrà inizio al MuSA in Via Sant’Agostino 61 (angolo Via Garibaldi) alle 17.00, proseguirà al Museo dei Bozzetti in Via Sant’Agostino 1 alle 18.00 e terminerà intorno le 18.45. L’ingresso è gratuito, è gradita la prenotazione PRENOTA QUI DAL VIRTUALE AL REALE | Dal MuSA al Museo dei Bozzetti I campi contrassegnati con * sono obbligatori. Visita "virtuale" al MuSA e a seguire visita "reale" al Museo dei Bozzetti Domenica 22 settembre - dalle 17.00 alle 19.00

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree