patrocinio comune

0

IMM: i numeri del 3 trimestre 2018

Dicembre 12th, 2018
Il 3 trimestre 2018 registra ancora la flessione delle esportazioni ...
0

Addio al geologo Giovanni Massa

Dicembre 11th, 2018
La scomparsa del geologo Giovanni Massa a 52 anni dopo una lunga ...
0

Il PRC slitta al 30 Giugno 2019

Dicembre 07th, 2018
Piano regionale, proroga. IL PIANO REGIONALE delle cave slitta dal 31 ...
0

Bando per la Premiazione della Fedeltà al Lavoro e Progresso economico ed.2018

Dicembre 06th, 2018
BANDO PREMIAZIONE DELLA FEDELTA' AL LAVORO E DEL PROGRESSO ECONOMICO ...
0

Gli abitanti di Colonnata: "Basta, chiediamo una strada sicura"

Dicembre 06th, 2018
Sit-in degli abitanti ai ponti di Vara, chiedono una strada sicura ...
0

I disegni di Vangi a Palazzo dei Vicari di Scarperia

Dicembre 05th, 2018
Inaugurazione della Mostra "Bergoglio: 80 Anni in 40 Tavole". Papa ...
0

160 appartamenti arredati con marmo di Carrara a NY

Dicembre 05th, 2018
A Manhattan un progetto dell'architetto francese Jean Nouvel. Un ...
0

L'Accademia di Belle Arti a San Pietroburgo

Dicembre 05th, 2018
Successo dell'Accademia di Belle Arti di Carrara all' International ...


cosmave centro servizi

 

The Latest

Il Presidente del CAI di Pietrasanta Giovanni Guidi in merito al post di Mallegni in cava: "E' ver anzi che l'attività estrattiva mina fortemente la sicurezza dei versanti e la regimazione delle acque". Da qui l'invito di Guidi a Mallegni a visitare le Apuane per rendersi conto, prosegue Guidi "delle sorgenti ostruite dalla marmettola, dei disagi del traffico pesante e degli altri problemi".

In una tavola rotonda alla multisala “Splendor” di Massa, il senatore Massimo Mallegni ha presentato “Fondazionepuntoit”, «Un’impresa culturale a misura di talento – ha detto – che si propone di organizzare iniziative pubbliche in tutta la Toscana per favorire la valorizzazione del patrimonio storico-artistico, promuovere l’offerta culturale, valorizzare il talento dei giovani artisti promuovendone le attività e le opere in Italia ed all’estero. Un’associazione senza fini di lucro destinata ad organizzare in tutta la Toscana incontri, dibattiti ed iniziative pubbliche coinvolgendo amministratori locali, liste civiche e protagonisti della comunità».

 

L'assessore regionale alle attività produttive Ceccarelli vuole mettere la parola fine a strumentalizzazioni e polemiche in merito alla questione della chiusura di quelle cave che non hanno rispettato le normative.  «Il 58 bis è una una soluzione di equilibrio – afferma – per evitare la decadenza di autorizzazioni e concessioni e consentire di mettersi in regola a chi non ha rispettato i piani di coltivazione e la legge. Si tratta di una soluzione ampiamente condivisa, un intervento di cui la Regione poteva fare a meno, lasciando soli i Comuni a gestire le conseguenze. Nessuno si smarchi – avverte l’assessore – altrimenti, se qualcuno ritiene il provvedimento della Regione inadeguato ci proponga apertamente di revocarlo. Anche noi siamo dalla parte dei lavoratori e quindi anche delle imprese che danno loro il lavoro. Ma il lavoro deve rispettare regole e sostenibilità ambientale, i lavoratori non possono essere vittime di comportamenti non corretti, anche se in alcuni casi sostenuti in buona fede". Sul tema del fondo di solidarietà per i lavoratori Ceccarelli afferma che non si tratta di un problema di facile soluzione".

 

Il sindaco Francesco De Pasquale con Giacomo Giannarelli, capogruppo dei grillini in Regione, scrive a tutte le istituzioni: "E’ indispensabile garantire un sostegno economico ai lavoratori, diretti e indiretti, interessati al fermo delle attività".

"NOI STIAMO con i lavoratori" è quanto afferma il sindaco Francesco De Pasquale sull’articolo 58bis della legge regionale sulle cave. «Sappiamo che c’è preoccupazione – afferma –, ma mentre c’è chi fa confusione in modo strumentale per fini politici, noi vogliamo dire con chiarezza da che parte stiamo». L’assessore al marmo Alessandro Trivelli dice: «La norma transitoria è stata messa a punto dopo che l’avvocatura regionale su richiesta dei carabinieri forestali ha scritto al nostro ufficio marmo come applicare la legge ragionale in materia di fuori piano. Quel parere non era sindacabile, come ha detto lo stesso governatore Enrico Rossi. Sulla base delle indicazioni e dei provvedimenti previsti dalla legge regionale sarebbe scattata in automatico la chiusura definitiva delle cave incappate nei fuori piano. Noi ci siamo immediatamente attivati per scongiurare questo scenario e abbiamo avanzato due proposte che avevano tempi più snelli. Queste proposte ad esempio non prevedevano il fermo per tutta la cava ma solo per l’area difforme. Queste nostre posizioni sono state illustrate e condivise con i lavoratori, con i sindacati e con le cooperative oltre che in una fitta serie di incontri con l’amministrazione regionale. Le nostre posizioni sono state recepite solo in parte e la norma è quella che ormai conoscete». 

 

«Non siano sempre i cavatori a pagare l’amministrazione deve potenziare i suoi uffici». «A PAGARE per le sospensioni delle cave non siano i lavoratori. Tempi certi per le riaperture». Articolo uno Mdp dice la sua sulla questione dell’articolo 58 bis della legge regionale sul marmo. «Purtroppo - dicono - come avevamo previsto la situazione che si sta creando determina problemi prima di tutto a carico dei cavatori, che si vengono a trovare di punto in bianco senza il proprio lavoro, con l’ulteriore rischio che, qualora i tempi non saranno rispettati per l’epilogo (positivo) della vicenda, rimangano anche senza stipendio. Per questo motivo, chiediamo che i tempi previsti dalla legge regionale vengano rispettati, e perciò chiediamo che l’amministrazione comunale si faccia carico di potenziare e rendere efficienti gli uffici preposti a questo delicato compito".

 

 

Pagina 11 di 226

La foto notizia

Le opportunità del digitale e i rischi del mancato utilizzo Un progetto della CCIAA Lucca in collaborazione con Cosmave
Le opportunità del digitale e i rischi del mancato utilizzo Un progetto della CCIAA Lucca in collaborazione con Cosmave

PID Punto Impresa Digitale è un progetto della Camera di Commercio di Lucca - in collaborazione con Cosmave - per incrementare il processo della digitalizzazione nelle imprese.

Non solo marmo

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree