patrocinio comune

0

Levigliani, il borgo autogestito a disoccupazione zero

Ottobre 20th, 2020
In provincia di Lucca sulle Alpi Apuane, da due secoli è amministrato ...
0

Scopri Export.gov.it il mezzo giusto per esportare

Ottobre 20th, 2020
Finalmente esportare diventa sempliceScopri export.gov.it, una ...
0

COSMAVE sostiene l’ISI MARCONI di Seravezza

Ottobre 17th, 2020
La lettera di ringraziamento dei docenti della scuola al sostegno del ...
0

Collettiva per i 20 Anni di ASART - Pietrasanta

Ottobre 16th, 2020
Domenica 18 ottobre 2020 ore 17.00 inaugurazione della collettiva "De ...
0

“Un capolavoro nell’epoca della sua riproducibilità tecnica: Michelangelo nel XXI secolo”

Ottobre 13th, 2020
Prosegue al MuSA il ciclo di incontri organizzato con il supporto ...
0

Nuovi corsi in autunno per la sicurezza del lapideo

Settembre 15th, 2020
✅ Base preposti cave: 6 Ottobre✅ Aggiornamento addetti semovente: 13 ...
0

Obbligo di trasparenza sulle erogazioni pubbliche - Segnalazione di Cosmave

Marzo 09th, 2020
Ai sensi dell'art.35, decreto n. 34 del 30.04.19, si segnalano i ...


cosmave centro servizi

 

The Latest

La Nazione

Lo scultore ha realizzato il Memorial per Madre Cabrini, suora italoamericana Al taglio del nastro era presente anche il governatore Andrew Cuomo

A New York l’opera è già stata definita una delle più importanti realizzate negli ultimi tempi grazie al suo alto valore artistico e simbolico. Non a caso è stata inaugurata lunedì per il “Columbus day“ alla presenza del governatore dello stato di New York Andrew Cuomo ed è rivolta verso la Statua della libertà. L’aspetto più prestigiososo, per l’Italia e la Piccola Atene, è sapere che dietro il concepimento del Memorial dedicato alla suora italoamericana Madre Cabrini c’è la mano di Giancarlo Biagi, artista pietrasantino classe ’52, e della compagna Jill Burkee, i quali vivono e lavorano sia a New York che a Pietrasanta, precisamente nella casa-studio al Portone.

Il Tirreno


L'appuntamento resta il 24 ottobre. E intanto Legambiente lancia un patto intergenerazionale per salvare le Apuane
L'emergenza covid gela corteo e contro corteo sulle cave. La manifestazione di sabato 24, annunciata dagli ambientalisti nelle scorse settimane, e la contromanifestazione dei cavatori non ci saranno. Ma forse ci saranno due flash mob contrappostila manifestazione: cosa cambiaL'evento è confermato, si assicura, ma le modalità di svolgimento vanno ripensate: all'orizzonte, al vaglio dei promotori, si profilano soluzioni, ipotesi per il rispetto della salute e delle disposizioni. Le norme - il nuovo decreto delle scorse ore - e l'aumento registrato dei casi positivi al Covid-19, hanno di fatto costretto a ricalibrare il format della manifestazione: da una parte e dell'altra. «Siamo felici di poter dire che la manifestazione ha avuto tantissime adesioni (e tante altre sono in arrivo) da gruppi, collettivi, associazioni locali e nazionali unite dallo stesso obiettivo: fermare la devastazione dei territori apuani e delle nostre montagne», recita l'aggiornamento del gruppo che ha lanciato l'iniziativa, Athamanta.

Ecco quali sono le nuove regole delle "piazze"

Manifestazione pubbliche: ecco le nuove regole. Il decreto del presidente del consiglio dei ministri, datato 13 ottobre, alla lettera "i" del primo articolo va a disciplinare anche le manifestazioni pubbliche ai tempi del Covid 19. Per queste lo svolgimento dei coreti è consentito, si legge, «solo in forma statica, a condizione che, nel corso di esse, siano osservate le distanze sociali prescritte e le altre misure di contenimento».


Lo slogan degli anti cave "Al vorè durata"
«Scendiamo insieme nelle strade di Carrara il 24 ottobre per una manifestazione nazionale contro la devastazione prodotta dal sistema estrattivo». Questo l'annuncio dei promotori con tanto di slang carrarino "Al vorè durata".

Il Tirreno

Domenica continuano a Vittoria Apuana "Gli itinerari dell'arte", le passeggiate guidate alla scoperta delle abitazioni di grandi personaggi dell'arte e della cultura del territorio. L'iniziativa che si svolge all'interno del calendario delle giornate europee del patrimonio 2020 del ministero dei beni culturali, si terrà dalle 10. 30 alle 12. 30. L'organizzazione è della Pro Loco Città di Forte dei Marmi, con il patrocinio del Comune e la collaborazione del Museo Guidi.

Il Tirreno


Il patron della Fonderia Mariani commenta la notizia della costruzione
di appartamenti nello spazio che ospitava lo studio Cervietti
Appartamenti alla Polveriera, appartamenti là dove c'era lo studio Lapis, appartamenti alla Corte Lotti. E chissà quale sarà l'epilogo del già studio Sem di via Sant'Agostino, nicchia di una tradizione artigiana che non trova più spazio nel centro storico pietrasantino. Botteghe e laboratori, salvo rarissime eccezioni, hanno ormai abbandonato - l'ultimo in ordine cronologico è appunto la Polveriera che chiuderà nei prossimi giorni, ndr - le mura cittadine e i suoi dintorni lasciando spazio a residenze di lusso. «Dispiace, fa tristezza, ma non darei la colpa alla politica, in questo caso, anche se in altri contesti avrebbe potuto fare di più. È una questione di normative, tutto qui: le botteghe artigiane non possono più stare nel centro storico». Adolfo Agolini, anima di riferimento della Fonderia Mariani di via Tre Luci, è osservatore privilegiato: negli ultimi 40 anni ha infatti collaborato alle opere dei più grandi artisti di sempre: Botero, Cascella, Giò Pomodoro, Theimer, Mitoraj, Adami. Giusto per citare alcuni degli oltre 500 scultori con cui ha avuto a che fare.

Il Tirreno

«La presenza delle piccole attività del marmo in centro è possibile. Dietro queste chiusure c'è un solo nome: speculazione edilizia». Parole di Luca Bonci, organizzatore di eventi e osservatore della realtà cittadina. «Si è lasciato mano libera agli interessi privati senza preoccuparsi delle alternative.

La Nazione

La manifestazione culturale salterà l’edizione 2020 Organzzatori già al lavoro per il prossimo anno

CARRARA Rimandato il premio letterario Anita Fiaschi. L’emergenza sanitaria ha costretto gli organizzatori dell’evento ad annullare l’edizione 2020 e a riprogrammarlo l’anno prossimo. «E’ stata una decisione difficile ed anche dolorosa – spiegano gli organizzatori del premio Anita Fiaschi -. La nuova ondata di contagi e l’imprevedibile quadro delle prossime settimane hanno costretto il comitato Pro Torano, organizzatore dell’iniziativa ospitata all’Accademia, ad annullare l’edizione 2020 che si sarebbe dovuta tenere nel mese di novembre. Il premio, intitolato all’artista carrarina riferimento negli anni ‘30, la prima donna a diplomarsi all’Accademia, tornerà nel 2021. Ci sono già anche le date: il 9 e 23 ottobre 2021. Confermate tutte le sezioni del premio: cinema, teatro, narrativa, arte, architettura, saggio giornalistico.

La manifestazione culturale salterà l’edizione 2020 Organzzatori già al lavoro per il prossimo anno

CARRARA Rimandato il premio letterario Anita Fiaschi. L’emergenza sanitaria ha costretto gli organizzatori dell’evento ad annullare l’edizione 2020 e a riprogrammarlo l’anno prossimo. «E’ stata una decisione difficile ed anche dolorosa – spiegano gli organizzatori del premio Anita Fiaschi -. La nuova ondata di contagi e l’imprevedibile quadro delle prossime settimane hanno costretto il comitato Pro Torano, organizzatore dell’iniziativa ospitata all’Accademia, ad annullare l’edizione 2020 che si sarebbe dovuta tenere nel mese di novembre. Il premio, intitolato all’artista carrarina riferimento negli anni ‘30, la prima donna a diplomarsi all’Accademia, tornerà nel 2021. Ci sono già anche le date: il 9 e 23 ottobre 2021. Confermate tutte le sezioni del premio: cinema, teatro, narrativa, arte, architettura, saggio giornalistico.

Pagina 12 di 990

La foto notizia

Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti
Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti

Domenica 22 settembre terzo appuntamento della stagione con il ciclo “Dal virtuale al reale”. La visita guidata prevede una prima sosta al MuSA per poi proseguire al Museo dei Bozzetti. Al MuSA visita alla Collezione “Capitani Coraggiosi”, una selezione di opere in gesso provenienti dal Comune di Pietrasanta e concesse in prestito. La selezione fa parte del progetto “Il museo diffuso”, con il quale il Comune, ricercando contenitori sul territorio che ospitino piccole sezioni del museo con bozzetti a tema con il luogo, rende fruibile la sua imponente collezione. Proiezione del documentario in multiproiezione “La voce del marmo“, il film documentario che ripercorre la storia dell’estrazione del marmo nell’area Apuo-versiliese, da Michelangelo fino ai giorni nostri. A seguire, dopo una breve passeggiata visita al Museo dei Bozzetti, un’istituzione unica nel suo genere, nata nel 1984 con l’intento di documentare l’attività degli artisti. Ubicato in un contesto storico-religioso di prestigio, l’istituto raccoglie e ospita 700 bozzetti di sculture di oltre 350 artisti che hanno scelto i laboratori di Pietrasanta e della Versilia per realizzare le proprie opere. Una passeggiata tra viaggio tra le creazioni della scultura contemporanea di tutto il mondo, un percorso alla scoperta del prezioso lavoro degli artigiani. www.museodeibozzetti.it La visita guidata avrà inizio al MuSA in Via Sant’Agostino 61 (angolo Via Garibaldi) alle 17.00, proseguirà al Museo dei Bozzetti in Via Sant’Agostino 1 alle 18.00 e terminerà intorno le 18.45. L’ingresso è gratuito, è gradita la prenotazione PRENOTA QUI DAL VIRTUALE AL REALE | Dal MuSA al Museo dei Bozzetti I campi contrassegnati con * sono obbligatori. Visita "virtuale" al MuSA e a seguire visita "reale" al Museo dei Bozzetti Domenica 22 settembre - dalle 17.00 alle 19.00

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree