patrocinio comune

 

 


cosmave centro servizi

 

The Latest

La Nazione

LA SOCIETA’ MASSESE CAMBIA PROPRIETARIO
La maggioranza delle quote di Matec Industries di Massa passa nelle mani di Igi Private Equity. Igi è una società attiva nella gestione di fondi di private equity specializzati in investimenti in piccole e medie realtà industriali manifatturiere italiane attraverso operazioni di maggioranza e oggi gestisce 4 fondi di investimento per un ammontare complessivo di oltre 250 milioni. L’ultima operazione riguarda proprio la società apuana attiva nella progettazione e realizzazione di impianti per la filtrazione delle acque reflue dei processi industriali di diversi settori.

Tariffe del lapideo Commissione riunita

La Naziopne

comune

La commissione affari costituzionali ieri mattina si è riunita nuovamente per discutere della relazione del geologo Pietro Manfredi, incaricato da Master nel 2019 per analizzare la situazione delle tariffe del lapideo massese e presente alla seduta. E’ intervenuto anche il dirigente Vinicio Gianfranchi che ha risposto alla relazione, puntualizzando l’attuale situazione e il rispetto delle normative regionali di settore. La commissione si riunirà ancora una volta mercoledì.

La Nazione


La Cages sospende il servizio e gli industriali apuani suonano l’allarme: «Così la produzione dell’intero distretto rischia di fermarsi»

di Claudio Laudanna CARRARA Siamo nella marmettola! Da ieri la Cages ha sospeso il ritiro nei laboratori e segherie apuane dello scarto di lavorazione. L’allarme degli industriali apuani: «Se non si trova una soluzione al ritorno dalle ferie l’intera produzione del distretto potrebbe fermarsi». E’ uno scenario dai risvolti potenzialmente devastanti per l’economia apuania quello che parte da una veccha cava in provincia di Grosseto e rimbalza fino all’ombra delle Apuane. I prodromi di tutta questa vicenda sono già stati raccontati da La Nazione e prendono le mosse dallo stop imposto dalla Regione al conferimento nel vecchio sito di Montioni, nel Comune di Scarlino, da parte dell’azienda chimica americana Venator dei gessi rossi. Proprio per la Venator, però, lavora la Cages, un’azienda grossetana, ma con sede anche in via Dorsale, che da oltre 20 anni si occupa di recuperare la marmettola e poi metterla a disposizione del colosso a stelle e strisce per neutralizzare le correnti acide generate dal biossido di titanio: dall’unione di questi ‘ingredienti’ si producono i gessi rossi che fino a poco fa venivano utilizzati per riempire la ex cava. A nulla sono valsi gli appelli lanciati da più parti in questi mesi e ora la bolla si è gonfiata sempre più e rischia di scoppiare con importanti ripercussioni anche sull’occupazione.

Lavoro
«Cerchiamo di evitare ripercussioni per gli operai. Rischio cassa integrazione»
«Finora abbiamo cercato di evitare ripercussioni per i nostri 40 dipendenti, 16 a Grosseto e 24 a Massa. Se le cose non cambiano dovremo per forza ricorrere alla cassa integrazione», spiega Riccardo Biasci numero uno di Cages.

«Vicende del lapideo come una soap opera»

La Nazipne

La Comune fa il punto e chiede di mettere al centro due parole chiave: convergere e insorgere. Focus escavazione

CARRARA Insorgere e convergere. Sono queste le parole d’ordine de La Comune in materia di marmo. La formazione di sinistra che alle ultime amministrative ha appoggiato la candidatura a sindaco di Vittorio Briganti ne ha per tutti e chiede un radicale cambio di paradigma. Una rivoluzione che, secondo La Comune, dovrebbe partire dal cambiare il modo di cui si parla di marmo. Se così le vicende delle industrie lapidee vengono paragonate a una soap opera - «Carrara come Dallas» dicono gli attivisti – per quello che accade al monte e al piano propongono letture molto più dure. «Ciò che in lingua italiana è una ‘devastazione’ della montagna viene definita ‘caratterizzazione paesaggistica’ - dicono da La Comune - la ‘monetizzazione della capacità produttiva dei lavoratori’ viene presentata come ‘riduzione dell’orario di lavoro’ e ancora, una tipologia di marmo che Michelangelo non avrebbe scelto neppure per un lavandino viene chiamata e venduta come ‘marmo statuario’»

La Nazione

Residenza d’artista al via per la colombiana che vuol celebrare la vita Successo per la serata dedicata a musica e poesia, ricordando le donne del ’44
CARRARA L’arte è di casa a Torano. Anche quest’anno il paese dei cavatori per la sua ‘Notte e giorno’ ha riproposto la residenza artistica dedicata a ‘Bernardo Rossi’. Quest’anno l’occasione di conoscere da vicino i segreti dei artisti e artigiani carraresi è stata data alla la pittrice colombiana Patricia Glauser. Sarà ospitata fino al 13 agosto nel laboratorio di Michele Monfroni dove, con la supervisione della tutor Ilaria Adrastea Bertagnini, potrà realizzare il progetto per cui è stata selezionata. Promossa dal Comitato Pro Torano con il patrocinio di Regione e Comune ed il fondamentale sostegno della Fondazione CrC, la residenza artistica Bernardo Rossi è alla seconda edizione. Lo scorso anno, gli artisti ospiti erano stati il siciliano Domenico Pellegrino ed il toscano Carlo Galli. L’artista colombiana aveva partecipato come artista a tre differenti edizioni di Torano Notte e Giorno e ora è tornata all’ombra delle Apuane sotto un’altra veste: «Il paese mi ha accolto molto bene – racconta Glauser – Mi stanno facendo sentire a casa e finalmente ho anche l’occasione di conoscere e godermi Carrara, i suoi laboratori, la sua storia.

Affari esteri

La Onymar Srl, con questa nuova commessa da un milione e mezzo di euro continua a supportare il costruttore indonesiano su un altro progetto importante, nato per rivitalizzare il bacino idrico

Pagina 1 di 1541

La foto notizia

Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti
Dal virtuale al reale Dal MuSA al Museo dei Bozzetti

Domenica 22 settembre terzo appuntamento della stagione con il ciclo “Dal virtuale al reale”. La visita guidata prevede una prima sosta al MuSA per poi proseguire al Museo dei Bozzetti. Al MuSA visita alla Collezione “Capitani Coraggiosi”, una selezione di opere in gesso provenienti dal Comune di Pietrasanta e concesse in prestito. La selezione fa parte del progetto “Il museo diffuso”, con il quale il Comune, ricercando contenitori sul territorio che ospitino piccole sezioni del museo con bozzetti a tema con il luogo, rende fruibile la sua imponente collezione. Proiezione del documentario in multiproiezione “La voce del marmo“, il film documentario che ripercorre la storia dell’estrazione del marmo nell’area Apuo-versiliese, da Michelangelo fino ai giorni nostri. A seguire, dopo una breve passeggiata visita al Museo dei Bozzetti, un’istituzione unica nel suo genere, nata nel 1984 con l’intento di documentare l’attività degli artisti. Ubicato in un contesto storico-religioso di prestigio, l’istituto raccoglie e ospita 700 bozzetti di sculture di oltre 350 artisti che hanno scelto i laboratori di Pietrasanta e della Versilia per realizzare le proprie opere. Una passeggiata tra viaggio tra le creazioni della scultura contemporanea di tutto il mondo, un percorso alla scoperta del prezioso lavoro degli artigiani. www.museodeibozzetti.it La visita guidata avrà inizio al MuSA in Via Sant’Agostino 61 (angolo Via Garibaldi) alle 17.00, proseguirà al Museo dei Bozzetti in Via Sant’Agostino 1 alle 18.00 e terminerà intorno le 18.45. L’ingresso è gratuito, è gradita la prenotazione PRENOTA QUI DAL VIRTUALE AL REALE | Dal MuSA al Museo dei Bozzetti I campi contrassegnati con * sono obbligatori. Visita "virtuale" al MuSA e a seguire visita "reale" al Museo dei Bozzetti Domenica 22 settembre - dalle 17.00 alle 19.00

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree