patrocinio comune

 

 


cosmave centro servizi

 

Distretto Apuo-Versiliese (7390)

Torano si veste d’arte Al via la kermesse

La Nazione

Inaugurazione con il botto per la manifestazione che anima il paese a monte con installazioni e sculture

CARRARA Una pagina della Nazione diventa arte. Si è inaugurata ieri sera con un folto pubblico la kermesse Torano Notte e giorno. Un’edizione che gioca sulla dicotomia tra sacro e profano: tema per i 27 artisti selezionati. Le loro opere, installazioni, sculture, pitture sono sparpagliate tra vicoli, aie e fondi in un percorso d’arte in totale libertà. A condurre per mano i visitatori, è Emma Castè, direttore artistico.

Il Tirreno

Torano Notte e Giorno apre tra performance artistiche e installazioni irripetibili. Il borgo dei cavatori torna da oggi, e fino al 13 agosto, al centro della scena culturale per la 23esima edizione della rassegna estiva di arte contemporanea promossa dal comitato Pro Torano. 27 gli artisti selezionati, tra italiani e stranieri, decine le opere ispirate al tema del "Sacro e Profano" tra sculture, installazioni e pitture che contamineranno piazze ed aie, vicoli e cantine che odorano di storia. L'arte invade con il borgo per dare un nuovo senso al tema della rinascita.L'appuntamento è alle 19,30 con l'inaugurazione ufficiale con il taglio del nastro all'ingresso del borgo e il primo giro guidato nel percorso artistico.

Il Tirreno

 


carrara. Va in archivio la quinta edizione di White Carrara Downtown, che ha riempito per una settimana il cebtro storico di installazioni, mostre, incontri culturali, teatro, musica, enogastronomia. Un evento di marketing territoriale quest'anno organizzato in tono minore ma che a detta degli organizzatori è stato comunque un successo.«Girare per le strade del nostro centro storico nei giorni di White Carrara Downtown è stata una grande emozione. Vedere vicoli e piazze animate da persone che si godevano momenti di intrattenimento e relax è stato come prendere una boccata d'ossigeno.

La Nazione

Felice Vatteroni creava statue nel suo studio, passaggio di testimone al nipote Bollywood si è accorta del carrarese: ha composto la colonna di un film
di Cristina Lorenzi CARRARA L’arte chiama arte. Nell’atelier dove il nonno Felice Vatteroni ha trascorso la vita a scolpire, il nipote Alberto Vatteroni crea musica, compone e dà veste sonora a immagini e colori. Spolverato il locale dal marmo bianco e sostituiti gli scalpelli con moderni e sofisticati strumenti tecnologici, Alberto, 28 anni, ha preso il testimone del celebre scultore e cambiando musa compone specializzandosi in musica per immagini. Come il nonno trascorre nell’antico atelier le intere sue giornate e al posto di preziose figure in marmo bianco forgia sinfonie, brani indi, cover e composizioni per orchestra.

La Nazione


Successo e chiusura con il botto per la manifestazione in centro organizzata da Carrarafiere. Il bilancio

di Daniele Rosi CARRARA Un bilancio positivo che ha visto il nostro centro pieno di gente e di colori. Conclusa la quinta edizione di White Carrara Downtown adesso è tempo di bilanci. L’edizione di quest’anno si chiude con un buon successo di pubblico che ha portato nelle strade di Carrara appassionati d’arte e semplici curiosi. Un percorso museale urbano fatto di luoghi d’arte, installazioni, mostre, incontri culturali, teatro, musica, enogastronomia ed eventi, in cui i presenti hanno potuto scoprire e talvolta riscoprire, la bellezza del territorio apuano. Carrarafiere ha realizzato anche quest’anno l’event
Vedere vicoli e piazze animate da persone è stato come prendere una boccata d’ossigeno. Ringrazio quelli che hanno dato vita a quest’edizione come Imm e i suoi partner, e tutte le attività del centro città che hanno collaborato». Soddisfazione anche da parte di Imm: «Il risultato ottenuto – commenta Francesco Amedoro, amministratore unico di Carrarafiere – è l’obiettivo che ci eravamo prefissati. L’incremento nell’afflusso dei visitatori in città, il numeroso pubblico che ha assistito agli incontri unito alla curiosità che le varie installazioni hanno suscitato, ci rende soddisfatti». Emma Castè, direttrice artistica, spiega l’impatto positivo che l’arte ha sulla città: «Carrara ha saputo regalarsi sorrisi e positività. Il progetto ha raccontato concetti importanti e profondi, come ambiente, natura, tutela e patrimonio. Carrara è un palcoscenico naturale capace di mettere in scena le più svariate forme d’arte».Enrico Isoppi, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara dichiara: «White Carrara Downtown ha centrato l’obiettivo: evento quest’anno nato fra tante difficoltà ma che ha portato un notevole contributo culturale, persone in città e convivialità».

La Nazione

 

Il Tar ha accolto il ricorso presentato dal Franco Barattini contro il provvedimento di inibizione del Comune

La Nazione


Si inaugura stasera nel suggestivo paese a monte la 23ª edizione La manifestazione culturale quest’anno si arricchisce di salotti e dibattiti
di Daniele RosiCARRARA Torna a esplodere l’arte nel borgo di Torano. Al via oggi alle 19.30 la rassegna estiva «Torano notte e giorno» che fino al 13 agosto animerà con installazioni, sculture e salotti culturali il paese a monte. La rassegna è patrocinata dal Comune insieme a Regione Toscana, Fondazione CrC e Fondazione Marmo. L’ingresso al borgo e al percorso espositivo è libero. L’edizione di quest’anno, la ventitreesima, sarà all’insegna di performance artistiche e installazioni irripetibili tra le vie del borgo dei cavatori; rinomato paese di artisti e luogo simbolo della lotta al femminicidio di Carrara.


Studio d'arte Giorgio Angeli - Seravezza (LU)
7 agosto ore 21.00
Il racconto narra la vita dello scultore Gigi Guadagnucci.
Dalla nascita, dopo l'inizio della Grande Guerra, a Massa Carrara, nella terra del marmo, fino alla morte, a 98 anni, avvenuta poco prima dell'apertura del museo che la sua città aveva già deciso di dedicargli.
Una vita lunga quasi un secolo. Fitta.
L'infanzia e la curiosità per il marmo fin da bambino. La seconda guerra mondiale, la resistenza. Poi il trasferimento a Parigi, più di vent'anni a Montparnasse, il rapporto con gli altri artisti. Gli amici, gli incontri, il caratteraccio. Infine il ritorno a Massa, dopo aver girato il mondo, come un cerchio che si chiude.
Le sue mani d'artista, affusolate e coperte di anelli, le sue cantate, alle cene, strimpellando la chitarra. La polvere bianca che aveva sul viso quando scolpiva, la sua capacità di saper diventare vecchio senza perdere la freschezza e la spavalderia della gioventù. Tantissime donne, ma un unico amore: il marmo.
E' una produzione del Comune di Massa/Museo Gigi Guadagnucci.
Ingresso a offerta libera.
Prenotazione obbligatoria entro il 5 agosto scrivendo una email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. indicando nome, cognome, numero di partecipanti e un recapito telefonico.

Attilio Piccirilli tra viaggi e scultura

La Nazione

Silvano Soldano presenta il prezioso libro del 1944 Biografia sulla vita intensa e la ricca produzione dell’artista
MASSA Prosegue la rassegna di incontri letterari “Biblioteca in piazza“, curata dalla Biblioteca Civica S. Giampaoli. L’appuntamento di questa sera, alle 21.15 in piazza Mercurio, è con “Piccirilli: life of an american sculptor” di Josef Vincent Lombardo (Pitman, 1944). Presenta Silvano Soldano, intervengono Carmen Rusconi e Marco Betti. Attilio Piccirilli (Massa 1866 – New York, 1945) è stato uno scultore italiano naturalizzato statunitense. La presentazione della vita e delle opere dell’artista è a cura di Italia Nostra, in occasione della donazione del libro alla Biblioteca

Cave, la denuncia «Proroghe illegittime»

La Nazione

Il duro comunicato del GrIG «Le varianti postume alle concessioni violano la normativa vigente»

CARRARA «La tutela e salvaguardia di un bene non riproducibile come il paesaggio è la “pietra d’angolo” della valutazione di sostenibilità per la richiesta di autorizzazione all’estrazione di cava. Si assiste invece al solito “vecchio” modo di “trattare” l’ambiente e il paesaggio. Esemplare la considerazione “ufficiale e depositata” di un tecnico (cava 159): “La valutazione dell’impatto ambientale sul paesaggio per sé, ovvero fuori dal più ampio contesto, per un’area di cava è esercizio teorico ed inutile”». Lo scrive in una nota l’Associazione GrIG, Gruppo di Intervento Giuridico – Presidio Apuane, in qualità di portatore dell’interesse diffuso per la salvaguardia del paesaggio e dell’ambiente.

Pagina 4 di 739

Versilia Produce

VersiliaProduce è un periodico trimestrale pubblicato da Cosmave che costituisce una realtà consolidata e unica nel panorama della stampa di settore che si avvale di firme esterne (imprenditori, rappresentanti di enti locali, ingegneri, etc.) che commentano eventi, promuovono dibattiti e approfondiscono aspetti tecnici.
Il giornale è distribuito via posta in oltre 2000 aziende del territorio apuo-versiliese e dei maggiori comprensori lapidei italiani (Verona, Tivoli e Rapolano, Puglie, Sicilia, Sardegna, Piemonte); VersiliaProduce è anche diffuso in occasione di fiere, workshop e manifestazioni di settore.

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree