Stampa questa pagina

Coverings, vanno i succedanei ma di qualità

26 Aprile 2016 K2_ITEM_AUTHOR  redazione

La fiera di Coverings a Chicago, chiusa lo scorso 21 aprile, conferma i trend emersi dopo l’ultimo grande appuntamento internazionale di Xiamen.

Aumenta la produzione di materiali, anche se succedanei, venduti a prezzi più accessibili, favorendo così l’allineamento di alcuni mercati, come quello orientale, agli standard europei ed americani. Anche a Coverings grande partecipazione, la fiera rientra a pieno titolo tra gli appuntamenti importanti per il comparto per numero di visitatori, in aumento rispetto alle passate edizioni, segno di un mercato, quello statunitense, che ha ritrovato nuova spinta. Quando alle richieste, tirano i materiali bianchi e neutri, colori come i grigi e i colori non colori. Come da avvisaglie già recepite a Xiamen, una sempre più crescente fetta di mercato si indirizza sui materiali artificiali e sulle loro evoluzioni. Le aziende NEOLIT (Spagna) e LAPITECH (Italia) replicano fedelmente marmi e graniti e stanno accaparrandosi fette di mercato sempre più importanti sostituendo, con i loro prodotti, materiali di alto livello come Calacatta e Statuario. La clientela preferisce ancora materiali come Bianco Carrara, Calacatta e Statuario, fortemente richiesti ma difficilmente reperibili da parte dei produttori e trasformatori. La produzione sempre maggiore di succedanei, unita alla scarsità di materia prima, è dovuta alla tendenza dei distributori di comprare in modo continuativo i materiali di fascia alta. In sintesi, da Coverings arriva la fotografia attuale del mercato: sì ai materiali alternativi di grande pregio, di qualità, che costano meno e garantiscono continuità di vendite.

Galleria immagini

We use cookies to improve our website. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. For more information visit our Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree